Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 01/26/2019 in all areas

  1. 8 points
  2. 5 points
    Hi girls, how are you? 😘 Unfortunately I have to say I don't feel so well this month. There's actually no reason but since January I started to feel a little bit depressed, lonely and hopeless... It's sad but I don't want to speak about it with my family because they would worry too much. That's why I want to share it with you and ask you, if you ever feel the same and what do you do against it? I'd like to find some new friends or hobbies because my best friend is so busy with her job, school, hobbies, boyfriend etc. However, it's quite difficult, I don't know where to start. I'm trying to focus on studying now but it's also hard to do so. Sorry if my post doesn't make sense, I just had to share my thoughts with someone. Thank you for reading it.
  3. 5 points
    I love this one too
  4. 4 points
    When they stop bothering me with these questions about releasing new album or worse... my book!
  5. 4 points
    23/01 : 18 632 24/01 : 18 930 And 25/01: 19 581 If the song isn't added to an important Playlist it can't make it Our impact is limited
  6. 3 points
    Mika with blond hair Original and black don't change so much.
  7. 3 points
    From The Voice IG stories. Julien Clerc comes to Florent Pagny to learn how to use the red button. Julien: Is anybody here? Florent? Florent: Julien, I am happy to know that it's you to take my chair. As they say: "Let's leave the place for younger". To be a good coach you have to know how to press the button. Come here. Julien: (pressing the red button): Like this? Florent: Harder. Stay focused. Florent: Respect the red button and the red button will respect you. Florent: Yes, this one was good. Julien: Really? Florent: No. (from despair Julien presses the button with his forehead). Florent: Last two things to remember. First: the most important are talents. And another one: the chair's name is "Come back". 2019 01 25 a.mp4 2019 01 25 b.mp4 2019 01 25 c.mp4 2019 01 25 d.mp4
  8. 2 points
    This is what I've saved Streams spotify 4th of January, Day 1 : 142 217 05/01. Day 2 : 61 004 06/01. Day 3: 41 052 07/01.Day 4: 51 099 08/01. Day 5: 51 696  09/01.Day 6: 52 038 After 8 days the song reaches 489 308  12/01 : 26 751 Then I stopped checking the numbers 23/01 : 18 632 24/01 : 18 930 25/01 : 19 581  These are actually the global worldwide streams Total streams (25/01 included) 797 474
  9. 2 points
    Rai1 Vieni da me Puntata del 25/01/2019 RaiPlay www.raiplay.it/video/2019/01/Vieni-da-Me CLIP of Amatrice : ( Mika is not in this program. )
  10. 2 points
    You guys!! You can also use the browser version of Spotify without even installing the app, it's super easy actually 😊 (I think the link is something like browse.spotify.com or something, if it doesnt work you can also google maybe). Another streaming party sounds great!
  11. 2 points
  12. 2 points
    I hope it reaches 1 million for the first month that's gonna be encouraging if we manage to do it.
  13. 1 point
    Here is an aticle about the story of "Elle Me Dit" https://www.cheriefm.fr/artistes/mika/actualites/mika-l-histoire-du-celebre-clip-d-elle-me-dit-71408589 Traduction with Google: Not content to be one of the most successful in the bins of the singer, the title has also left behind one of his most famous clips. "Elle Me Dit", a very personal title Composed by Mika, "Elle Me Dit" is a kind of remote dialogue between a son and his mother who wants to put it out. First single and emblematic title of "The Origin of Love", the third album of the singer, this piece remained as famous for his catchy chorus as for his fanciful and colorful clip. A shoe size behind the camera To achieve it, Mika uses a size in the person of the clipper Kinga Burza. The Australian-Polish director has worked for some of pop's biggest names such as Lana del Rey, Calvin Harris, and Ellie Goulding, and has made a name for herself by signing Katy Perry's cult hit "I Kissed a Girl". Here, she dresses the song of a clip inspired by family sitcoms, which turns to the settlement of good-natured account. Known faces Mika never appears in the clip of his song, which does not prevent the viewer from falling on some recognizable faces. The star of the video is obviously Fanny Ardant, who plays the role of the singer's mother and double mother. But it is not the only one because the observers will recognize in the role of the son of the family the young Axel Huet, one of the heroes of the series of M6 "En famille". The youngest daughter is played by Daisy Broom, an actress seen at the cinema in "Bang Gang" and "Band of Girls". The matriarch of the family takes on the features of ex-model Tanya Drouginska, Dior's former muse and former Secret Story candidate in 2017. As for the incendiary redhead of the clip, it is Marie-Clotilde Ramos-Ibanez that can be found in the daily soap opera of France 2 "Un si grand soleil".
  14. 1 point
    Looking at a video, I come across that
  15. 1 point
    GENTE 26 Gennaio 2019 Page 48 - 50 PDF file : GENTE_26_Gennaio_2019-p.48-50.pdf IL SUCCESSO DI “LA COMPAGNIA DEL CIGNO” SPIEGATO DALL’AUTORE La fiction va SE C’È MUSICA E SPONTANEITÀ MA COME FA IVAN COTRONEO A CENTRARE IL BERSAGLIO? «LA FORMULA STAVOLTA È SEMPLICE: MI SONO ISPIRATO ALLA SERIE “SARANNO FAMOSI”, CI HO MESSO ESORDIENTI E SEMPLICITÀ E POI STORIE DI FAMIGLIE» È GENIALE, UNA GARANZIA Ivan Cotroneo, 50 anni, sceneggiatore, regista e romanziere. Sono firmate da lui molte serie Tv di successo. «Ma ogni volta sono sulle spine» dice. «Anche dopo anni di conferme non so mai se il pubblico mi capirà». RECLUTATI IN CONSERVATORIO Milano. Sei dei sette ragazzi protagonisti della fiction La compagnia del cigno: sono tutti musicisti veri reclutati nei conservatori di tutta Italia. Da sinistra, gli attori Leonardo Mazzarotto, 20 anni, Ario Sgroi, 16, Francesco Tozzi, 16, Hildegard De Stefano, 21, Chiara Pia Aurora, 18, ed Emanuele Misuraca, 22. MA DRAMMA E AMORE SONO I PILASTRI DELLA STORIA Due scene di La compagnia del cigno, in onda su Raiuno in sei puntate. Oltre a parlare di musica, la fiction narra drammi, amori e legami familiari. Sopra, Giorgio Pasotti, 45 anni (con la piccola Gaia Iaforte, 10): l’attore è il padre divorziato di uno dei ragazzi. Sotto, Alessio Boni, 52, il terribile maestro Marioni, e Anna Valle, 43, l’ex moglie: nel loro passato c’è un terribile lutto. Di sicuro il signore che vedete nella foto qui sopra non è uno qualunque. Si chiama Ivan Cotroneo ed è il re Mida delle serie televisive italiane. È grazie alla sua geniale inventiva e alla sua versalità che, da anni, milioni di persone rimangono incollate davanti al piccolo schermo a ridere, commuoversi e riflettere aspettando con ansia la puntata o la stagione successive. Sono firmate da lui serie storiche come Tutti pazzi per amore (2008-2010), dove Emilio Solfrizzi e Antonia Liskova vivevano una rocambolesca relazione circondati da amici e parenti con variegati problemi e caratteri; o Una grande famiglia (2012-2014), saga dei ricchi Rengoni della provincia lombarda densa di triangoli amorosi e con un pizzico di thriller. Era dovuto a un’idea di Cotroneo anche SE C’È MUSICA E SPONTANEITÀ La fiction va lo strabiliante successo di Un’altra vita (2014) con Vanessa Incontrada e Daniele Liotti e il più recente Sirene (2017), con Ornella Muti e Luca Argentero, dove per la prima volta in una serie Tv il genere fantasy si sposava con la commedia. Eppure, a ogni debutto televisivo, Cotroneo è sulle spine. Lo è stato anche prima della messa in onda di La compagnia del cigno, nuova serie in sei puntate partita su Raiuno il 7 gennaio e che ha fatto il boom di ascolti con 6 milioni di telespettatori. «Ero spaventato», dice Ivan Cotroneo a Gente. «Tengo moltissimo a questo progetto e anche ai ragazzi che ci recitano». La fiction, la cui storia si svolge intorno al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, narra le vicende di sette giovani musicisti dai 15 ai 18 anni diversi per carattere, estrazione sociale e vicende familiari. I ragazzi si misurano con i sogni e le problematiche della loro età sotto la supervisione del duro maestro Luca Marioni, detto “il bastardo” (interpretato da Alessio Boni), che puntata dopo puntata si trasforma da nemico a guida salvifica perché li costringe a esercitarsi insieme, a trovare la forza nella coesione del gruppo, nell’unità della squadra. La morale di questa storia è che “da soli non si è nessuno”. «Ci tenevo a inserire il tema dell’inclusione, così attuale di questi tempi», dice Cotroneo. «Ma il progetto non era semplice da sottoporre a una platea popolare. Oltretutto, qui la musica non è affrontata come nei talent. L’obiettivo di questi ragazzi non è cantare per diventare famosi o scalare le classifiche. Volevo portare all’attenzione del grande pubblico un genere di nicchia, la musica classica, e poi esaltare l’impegno, il duro lavoro, la disciplina. C’è anche la figura fondamentale di un maestro che non è sempre colui che ti elogia ma anche quello che ti mostra i tuoi limiti e ti costringe a superarli a volte con eccessiva severità. Io, nella vita, ho sempre ringraziato chi è stato in grado di dirmi: “Così non va, rifallo”. Come quando studiavo sceneggiatura con i grandi Suso D’Amico o Giorgio Arlorio». Ma sarà proprio perché di certe tematiche se ne sente la mancanza che il grande pubblico ha apprezzato. Certo, Cotroneo ha anche servito un piatto ricco di ingredienti di forte appeal. «Mi sono ispirato alle serie Tv che ho più amato, come Saranno Famosi e Glee», dice Cotroneo, classe 1968. «Quindi c’è la musica di alto livello ma anche momenti da musical. Ci sono le dinamiche con il maestro ma anche le storie familiari. Il cast è molto ricco: Giovanna Mezzogiorno, Anna Valle, Giorgio Pasotti. E poi c’è sempre un po’ di dramma perché il maestro Marioni condivide con la moglie un oscuro passato». Si aggiunga anche il fatto che i sette ragazzi protagonisti sono davvero musicisti e non fingono di suonare, lo fanno sul serio. «Ho girato i conservatori di tutta Italia e ne ho selezionati più di 1.800», racconta Cotroneo. «Cinque di loro non avevano mai recitato prima. L’elemento spontaneità è uno dei motivi del successo di questa serie». Lo sceneggiatore si è trovato così a contatto con i teenager. «Non è la prima volta», spiega lui. «Già per Un bacio, il film tratto dal mio romanzo omonimo, ebbi a che fare con gli adolescenti. Scoprendo che sono migliori di quelli della mia generazione. Sono più liberi da certi schemi mentali e non sono in attesa di un eroe che li salva». Anche la famiglia è un tema centrale nei racconti di Cotroneo. «Ho sempre rappresentato nuclei numerosi e variegati», spiega. «Perché io stesso vengo da una famiglia così. Sono originario di Napoli e anche se ho un fratello solo sono sempre stato circondato da molti zii e cugini con cui si condivideva tutto, non solo le feste comandate. Un modo per non sentirsi mai soli». Oltre a essere sceneggiatore, Cotroneo è anche regista e romanziere. Ha collaborato con grandi nomi del cinema come Ferzan Ozpetek e Lina Wertmüller Si è misurato anche con la scrittura di show Tv come Stasera casa Mika e il cantautore inglese ha scritto anche la sigla di La compagnia del cigno. Ogni volta, un successo. «Mi sono guadagnato la fiducia di produttori e pubblico. Ma ogni volta è come se fosse la prima. Raccontare storie è la mia passione sin da bambino e non mi importa del successo. Ogni volta attendo di vedere se l’universo che ho mostrato è stato capito». Viene capito, eccome. Eppure, a sentire lui, non c’è un segreto, una formula. «Forse ciò che accomuna tutta la mia produzione è il fatto di fare le cose con sincerità e crederci fino in fondo». Sarà così anche per la prossima sfida. «Magari penso a un talent sulla musica classica, potrebbe funzionare». «I GIOVANI DI OGGI SONO PIÙ LIBERI DI QUANTO LO FOSSIMO NOI», DICE Google translator
  16. 1 point
    Weekend with "Sound of an Orchestra". Let's play the song as much as possible. It would be great to have 1 milion entries for the first month on Spotify!!!!! So let's go, Mika fans! We can do it!!!! Go to Spotify and listen, listen listen!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! And another song: Les Enfoires 2019. "On Trace". You will hear it at The Voice one day - sung by the coaches
  17. 1 point
    Yes, it would be great. But we need to work together and play the song ove and over again. The whole weekend? For me no problem!
  18. 1 point
    New Frédéric Longbois shows in Paris next month https://www.instagram.com/p/Bs52p16hp6-/?utm_source=ig_share_sheet&igshid=1sl2usi86g2rp
  19. 1 point
    My french is bad and it'll be past midnight here but I am still going to do this.
  20. 1 point
  21. 1 point
    It would be really nice, if the day we launch them on stage, we were all together !!!
  22. 1 point
  23. 1 point
  24. 1 point
    Hello from the other side!
  25. 1 point
    yup, it's on the "to add" list under Austin Healey Sprite