Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 09/19/2019 in all areas

  1. 6 points
    Well...I haven't posted on MFC for a very long time 😊 but these gigs were so special to me that I just had to...When I heard that he was coming back to Canada and that my Canadian friends were going to be there (the Toronto and Calgary gang going over) I figured that -since I've been to most of his Canadian gigs over the years and see it as my second 'local' gig 😋- I simply had to!!! Any excuse to see the gang and get up to some of our usual shenanigans, and also see the Montreal girls who I haven't seen since 2009! 😄 The two shows were fantastic and I thoroughly enjoyed them. Mika was in great form, and especially during the second night I thought that he was in a great mood and had a fun, playful vibe to him. He seemed happy and relaxed. I've noticed this time round that he has grown a lot as a performer and seems so relaxed and comfortable on the stage, it's like he feels a lot better in his own skin and even though he was always great, I found him even better this time. I don't know how to explain it but for me it was a very real and clear feeling. Like he's matured as an artist and performer. I got a standing ticket for the first gig and a balcony front row seat for the second gig, and loved them both even though they were different. The advantage of the first night was that I had a great spot, 3-4th row in the center depending on how the crowd moved, etc, which -with the lack of barrier- meant that I was very close and had a great view of Mika. He came into the crowd for Big Girl as you know and then he was very close again, about 2 people far or so, which was good fun since he was going all out and so was everyone else around him. It was great to see that everyone was really respectful and nobody (that I saw anyway) tried to grab him, etc, which is what I would have feared if I'd known that he was going to do that! He seemed to enjoy his little stint right there in the middle of it all. The gig was absolutely fantastic, but I was a bit annoyed that he didn't do San Remo, since I've loved all the new songs that he's released (a first for me in a few years!!) and I was really looking forward to hearing them live...but the ones he did, I loved. Dear Jealousy is probably my favourite for now, I love the way his voice sounds in that one, but I also really like how he sounds in the San Remo recording which is why I wanted to hear it live. When he left the stage for the last time I kept saying: " He'll be back in a moment, he hasn't done San Remo" but I stood there like a lemming and Mika did not come back out 😅😅 He didn't come out after the gig which was disappointing, as it's been years now since I saw him last and during the last few London shows it was impossible to talk to him, so I was really hoping that he'd come out, but it was not to be. The second night I didn't want to go through the whole queuing/stress of a standing ticket and wanted to have time to spend with my friends during the day so I got a balcony seat, which was front row center so also great views. Of course this time the view was more distant, but as a trade-off his mood seemed sillier and this gave a good chance to see the full picture and watch everything properly without missing out on the details and things going on in the sidelines...which is also nice. The gig was great, he killed the new songs, and once again I was disappointed at the lack of San Remo...but I guess I'll have to wait until next time! I did wish he'd do all the new ones instead of some old ones which I don't particularly care for such as Popular or Lollipop. On a slightly critical note (sorry Mika, it wouldn't be me if I didn't dish it out 😅) I preferred the way he did Happy Ending in the older/earlier days. I'm not that keen on the way he does it now, especially the end, as I preferred the old tune that he followed then..even if this is one of my favourites live! It was nice that he could do the last bit a capella though and that we could hear it, since the venue was so small. I love small venues and simple stripped back shows, they are definitely always my favourite Mika shows! After the second night he did come out and we had the chance to have a little chat, which was lovely as it had been years!!! He said it himself, that he hadn't seen some of us for so long, but that it was 'heartwarming' to see us again and that really made me feel all warm. I think that I'm in fangurl mode again big time after these gigs, hahaha!!! Unbelievable 😜 It was SO lovely to see the Montreal girls again after so long, although they look exactly the same as 10 years ago!!! All in all it was just an amazing few days which I will be revisiting and remembering for a long time now, as we had so much fun and such a great time as always. Until the next time! 😍 I didn't take any photos, and only took a few videos. but here are the ones that I did take: 15 September Happy Ending TOOL Dear Jealousy Stay High 16 Sept Dear Jealousy TOOL
  2. 6 points
    OK, fine tuning after hearing this live a few more times and listening to the recording about a million times more! LOL! You're totally right about "I don't need to be the richest, I know enough is enough." And there's an extra "in" in the chorus. ------------------------------------ Jealousy, bring the music back to me Dear Jealousy You know every part of me Hiding where no one can see I want you to leave Dear Jealousy Why you smiling creepily? Your fingertips keep holding on But your tricks won't work on me Oh baby, I'm jealous, I'm jealous, I'm jealous of us I'm jealous of everything that I know we could be, but never really seems enough I'm jealous, I'm jealous of everyone Jealous of the man I used to be, and the man I could become I'm jealous of your face, of your lips, of your eyes Jealous of your house and the car you drive Jealous of your truth and I'm jealous of lies I'm jealous (dear jealousy) Jealous of the ground beneath my feet Jealous of your mouth and the air we breathe Jealous of the way that you look at me I'm jealous It's coming out to get us, get us You better run away while it let us 'Cause like it or not Every day we get a little better at jealousy We got one thing in common Amen The only problem is that it's wrong and In every single person, even you, even me Is jealousy Dear Jealousy When did you move in with me? This bed wasn't made for three It's time for you to leave Oh baby, I'm jealous, I'm jealous, I'm jealous of us I'm jealous of everything that I know we could be, but never really seems enough I'm jealous, I'm jealous of everyone Jealous of the man I used to be, and the man I could become I'm jealous of your face, of your lips, of your eyes Jealous of your house and the car you drive Jealous of your truth and I'm jealous of lies I'm jealous (dear jealousy) Jealous of the ground beneath my feet Jealous of your mouth and the air we breathe Jealous of the way that you look at me I'm jealous It's coming out to get us, get us You better run away while it let us 'Cause like it or not Every day we get a little better at jealousy We got one thing in common Amen Only problem is that it's wrong and In every single person, even you, even me Is jealousy Jealousy Bring the music back to me I can't even write a song If you're standing over me (Dear Jealousy) Jealousy I'll take the good times with the rough I don't need to be the richest I know enough is enough (Dear Jealousy) Jealousy Stop confusing me I am sick of seeing everything In deeper (different?) shades of green (Dear jealousy) Jealousy It took a while for me to see I thought I was the one who's jealous But you're jealous of me (Dear jealousy) It's coming out to get us, get us You better run away while it let us 'Cause like it or not Every day we get a little better at jealousy We got one thing in common Amen Only problem is that it's wrong and In every single person, even you, even me Is jealousy It's coming out to get us, get us We better run away while it let us 'Cause like it or not Every day we get a little better at jealousy
  3. 6 points
    It was so much fun! I loved when he really got everyone to dance with his "1, 2, 3" countdown. So grateful to be able to see him for the first time tonight. Like many, I've been a big fan ever since Grace Kelly was released. Doesn't it seem like he's always playing in Europe though? *Thanks for posting the setlist! I appreciate it! Hope y'all enjoyed yourselves also. Dreams do come true. I'll have to get together with other Mika fan club members the next time I go to one of his concerts. I need dancing buddies.
  4. 5 points
    Well...I haven't posted on MFC for a very long time 😊 but these gigs were so special to me that I just had to...When I heard that he was coming back to Canada and that my Canadian friends were going to be there (the Toronto and Calgary gang going over) I figured that -since I've been to most of his Canadian gigs over the years and see it as my second 'local' gig 😋- I simply had to!!! Any excuse to see the gang and get up to some of our usual shenanigans, and also see the Montreal girls who I haven't seen since 2009! 😄 The two shows were fantastic and I thoroughly enjoyed them. Mika was in great form, and especially during the second night I thought that he was in a great mood and had a fun, playful vibe to him. He seemed happy and relaxed. I've noticed this time round that he has grown a lot as a performer and seems so relaxed and comfortable on the stage, it's like he feels a lot better in his own skin and even though he was always great, I found him even better this time. I don't know how to explain it but for me it was a very real and clear feeling. Like he's matured as an artist and performer. I got a standing ticket for the first gig and a balcony front row seat for the second gig, and loved them both even though they were different. The advantage of the first night was that I had a great spot, 3-4th row in the center depending on how the crowd moved, etc, which -with the lack of barrier- meant that I was very close and had a great view of Mika. He came into the crowd for Big Girl as you know and then he was very close again, about 2 people far or so, which was good fun since he was going all out and so was everyone else around him. It was great to see that everyone was really respectful and nobody (that I saw anyway) tried to grab him, etc, which is what I would have feared if I'd known that he was going to do that! He seemed to enjoy his little stint right there in the middle of it all. The gig was absolutely fantastic, but I was a bit annoyed that he didn't do San Remo, since I've loved all the new songs that he's released (a first for me in a few years!!) and I was really looking forward to hearing them live...but the ones he did, I loved. Dear Jealousy is probably my favourite for now, I love the way his voice sounds in that one, but I also really like how he sounds in the San Remo recording which is why I wanted to hear it live. When he left the stage for the last time I kept saying: " He'll be back in a moment, he hasn't done San Remo" but I stood there like a lemming and Mika did not come back out 😅😅 He didn't come out after the gig which was disappointing, as it's been years now since I saw him last and during the last few London shows it was impossible to talk to him, so I was really hoping that he'd come out, but it was not to be. The second night I didn't want to go through the whole queuing/stress of a standing ticket and wanted to have time to spend with my friends during the day so I got a balcony seat, which was front row center so also great views. Of course this time the view was more distant, but as a trade-off his mood seemed sillier and this gave a good chance to see the full picture and watch everything properly without missing out on the details and things going on in the sidelines...which is also nice. The gig was great, he killed the new songs, and once again I was disappointed at the lack of San Remo...but I guess I'll have to wait until next time! I did wish he'd do all the new ones instead of some old ones which I don't particularly care for such as Popular or Lollipop. On a slightly critical note (sorry Mika, it wouldn't be me if I didn't dish it out 😅) I preferred the way he did Happy Ending in the older/earlier days. I'm not that keen on the way he does it now, especially the end, as I preferred the old tune that he followed then..even if this is one of my favourites live! It was nice that he could do the last bit a capella though and that we could hear it, since the venue was so small. I love small venues and simple stripped back shows, they are definitely always my favourite Mika shows! After the second night he did come out and we had the chance to have a little chat, which was lovely as it had been years!!! He said it himself, that he hadn't seen some of us for so long, but that it was 'heartwarming' to see us again and that really made me feel all warm. I think that I'm in fangurl mode again big time after these gigs, hahaha!!! Unbelievable 😜 It was SO lovely to see the Montreal girls again after so long, although they look exactly the same as 10 years ago!!! All in all it was just an amazing few days which I will be revisiting and remembering for a long time now, as we had so much fun and such a great time as always. Until the next time! 😍 I didn't take any photos, and only took a few videos. but here are the ones that I did take: 15 September Happy Ending TOOL Dear Jealousy Stay High 16 Sept Dear Jealousy TOOL
  5. 4 points
    He climbed over it in the center! There was a small platform on the other side of it that he used to get over into the crowd. Here's a (blurry, sorry!) video of him jumping back over to return to the stage. VID_28040423_090807_631.mp4
  6. 3 points
  7. 3 points
    8-Octave range? Mika already said back in 2007 when the Media wrote about a 5-octave range that he'd be an alien if that was true. 👽 I love the ice cream poster, would be a fab merch article! From the videos I saw on IG, he went down in the crowd again for BG - the crowd seemed a bit crazier than in NY and Montreal though, he had to struggle to get through. Looks like he enjoyed it though.
  8. 3 points
  9. 3 points
    As for me, yes even better Monday !!!! He went twice in the crowd ! And the first time he walked a little to go and see the other side. It was my first Mika shows ever and I feel so blessed it was in such a tiny venue ! I saw him after the show, and I have autographs for my kids ❤️ . I'm still over there in fact ! ❤️ It's hard to return to "real life" after that...
  10. 2 points
    Haha. OMG. I like it. 🥰
  11. 2 points
  12. 2 points
    Page-1 MIKA La crisi creativa L’addio alla tivù Il peso dei legami famigliari «Col nuovo album ricomincio da me» page-23 Vanity Editoriale di SIMONE MARCHETTI Volo così Aeroporto di Malpensa. Sto aspettando il volo per New York, breve viaggio di lavoro. Una mano mi accarezza la spalla. Mi giro e c’è lui, Mika. Mi saluta, sta per partire sul mio stesso aereo. L’ultima volta ci siamo visti a Hydra, un’isola greca, durante le vacanze. Chiacchieriamo, gli mostro l’ultima versione della copertina che vedete in questo numero. Gli piace, è contento. Sul volo parliamo di progetti, di idee. Poi ognuno al suo posto. Michael Holbrook, questo il vero nome di Mika, ha 36 anni, ha detto addio alla televisione, è stato lontano dalla musica per quattro anni e ora torna con un nuovo album. Dopo 12 anni di successi, per lui è arrivata la crisi. Forte, intensa,disorientante. Le note,sparite.L’ispirazione, andata. La motivazione, assente. Il futuro, assai nebuloso. Di chiaro, c’era solo una domanda: e adesso che faccio? New York, la sera dopo il volo. Paola Turci è l’ospite a sorpresa dello stilista Michael Kors al party dopo la sfilata.Il pubblico è per la maggior parte internazionale, un po’ distratto e piuttosto rumoroso. Paola sale sul palco ed è sola con la sua chitarra. Attacca con una cover di Mina, Ancora ancora ancora. Poi un’altra canzone. E infine, con uno dei suoi pezzi più famosi, Volo così.Il pubblico si zittisce all’improvviso anche se non capisce una sola parola d’italiano. Mi sembra di volare, anche se sono ancora qui / E mi riprendo i sogni le speranze le illusioni tutto quel che sai di me / E volo così, a braccia aperte tra le nuvole / Volo così nell’aria tersa senza limiti / Volo nell’anima di queste notti tenere / Volo così perché è così che devo vivere / Volo nel cuore di chi ha voglia di sbagliare / Volo nel sole perché ho voglia di bruciare / Volo così Manhattan, Feroce, un club/ristorante sopra le mille luci dei grattacieli. Dopo il concerto Paola balla come una bambina, in piedi sul divano, di fianco a me. È libera, come acqua che scivola tra le mani: allo stesso modo, accarezza ogni cosa come se un momento dopo volasse via, leggera, senza peso. Fragile e potente. Appena passata la mezzanotte, arriva una piccola torta con una candelina: la cantante oggi compie 55 anni. Chiude gli occhi, soffia sulla fiamma e poi torna a ballare e cantare a squarciagola. Questo numero di Vanity Fair parla del peso e della leggerezza delle crisi. Di quel momento difficile e importantissimo in cui uno dice: e adesso che faccio? Nell’intervista, Mika, anzi Michael, sostiene di aver ritrovato le ali dell’ispirazione in un cimitero. Nella notte di New York, Paola mostra come per lei le ali siano una costante, una piccola follia da portare sempre con sé, come un portafortuna che si nasconde in una tasca. E voi? Dove sono finite le vostre ali? Buona lettura PS: continuate a scrivermi pensieri, consigli e riflessioni a smarchetti@condenast.it page-34 COPERTINA 58 MIKA Ho fatto pace con me stesso 36 anni, fotografato da Jasper Abels. Completo gessato con fascia di satin, Dior. Grooming Anna Maria Negri@ W-MManagement using Womo/ Bullfrog. Hair Geraldine Fougerat Gay using Ever Bio Cosmetics, Huile de graine de figue de barbarie. page-60+61 HO FATTO PACE CON MIKA La crisi è arrivata dopo 12 anni di successo internazionale. Così, prima di scrivere il suo nuovo album, la popstar si è chiesta: perché lo faccio? La risposta è in un cimitero, nella storia della sua famiglia e in un progetto della madre di VALENTINA COLOSIMO foto JASPER ABELS servizio RAMONA TABITA LA QUINTA VOLTA Mika, 36 anni. Dopo 4 anni di silenzio discografico, il 4 ottobre torna con My Name Is Michael Holbrook, quinto album in studio della sua carriera, a 12 anni dall’esordio di Life in Cartoon Motion. page-62 Mia madre accettava lavori per me anche se non ci pagavano viaggio e albergo: così finivamo a dormire in macchina Due anni fa, al cimitero di Bonaventure a Savannah, in Georgia, nel Sud degli Stati Uniti, Mika ha avuto una rivelazione. Sulle tombe degli antenati c’era il suo cognome, Penniman, in alcuni casi anche i suoi due nomi di battesimo, Michael Holbrook, e così, in modo forse un poco macabro ma «divertente, alla Tim Burton», come dice lui, quelle lapidi gli hanno ricordato chi è e da dove viene, e gli hanno rivelato qualcosa della famiglia del padre, fino a quel momento quasi ignorata.In quel cimitero – bizzarro dono dell’ispirazione – sono nati i primi versi di Tiny Love, la canzone che apre il nuovo album,My Name Is Michael Holbrook, a quattro anni da No Place in Heaven: «Non sapevo da che parte cominciare, ero in piena crisi creativa, nel senso che non avevo niente da dire. Così, come sempre in queste situazioni, mi sono detto che dovevo buttarmi verso l’ignoto, e per me l’ignoto è la famiglia di mio padre.Vedere il mio nome su tutte quelle tombe mi ha esaltato, è stato bello conoscere quel pezzo della mia identità ancora inesplorato. Ho sentito il bisogno di difendere le mie radici e ho cominciato a scrivere:My Name is Michael Holbrook, I was born in 1983. Mi chiamo Michael Holbrook,sono nato nel 1983». Seduto a piedi nudi e a gambe incrociate su un divano, Mika parla in fretta, le cose da dire sono tante e ha già aspettato troppo. Ha appena compiuto 36 anni, gli ultimi 12 – dall’esordio fortunato e coloratissimo di Life in Cartoon Motion – li ha passati a fare senza sosta le cose necessarie a essere una popstar internazionale: dischi, concerti, collaborazioni. A quello si sono aggiunti i talent show – in Italia X Factor, in Francia The Voice – che gli hanno dato la popolarità di massa tipica della tv. Ora ha deciso di concentrarsi solo sulla musica e il cambiamento di prospettiva ha coinciso anche con la mutazione del look, passato da uno stile camp a quello meno decorato di oggi. Perché ha messo il suo nome legale nel titolo dell’album? «Volevo dimenticare la persona che ero stata negli ultimi anni pertornare a essere quelragazzo che stava di fronte alsuo pianoforte di merda bianco, nella casa di famiglia, a scrivere canzoni, quelle di Life in Cartoon Motion». Vuole prendere le distanze da Mika? «Sì». Che cosa l’ha stancata di Mika? «È una domanda che richiede una risposta complessa, per rispondere devo tornare alla mia storia familiare, la stessa da cui sono partito quattro anni fa quando sono andato in crisi. Usare il nome dell’anagrafe mi ha permesso di rivedere irapporti con la mia famiglia con uno sguardo diverso,più adulto e coraggioso». Da dove si comincia? «Da quando avevo sette anni. Mio padre, consulente finanziario, era stato preso in ostaggio in Kuwait nell’ambasciata americana. È tornato sette mesi dopo, completamente cambiato. Prima era papà, poi era Mike: non riuscivamo più a chiamarlo papà, quell’uomo magro con la barba, che aveva vissuto cose fortissime, noi figli non lo riconoscevamo più». Oggi come lo chiama? «“Pa”, è il modo che ho trovato, dopo averlo chiamato Mike per 15 anni. “Daddy” non riesco». Dopo il ritorno di suo padre, che cos’è successo? «Un tracollo economico, abbiamo perso la casa, con i creditori che venivano a pignorarci i mobili. Così ci siamo trasferiti a Londra dove abbiamo vissuto in un bed and breakfast per due anni. Dovevamo ricostruire la nostra vita da zero. È in quel momento che tutti i miei problemi esplodono, su tutti la dislessia, e poi l’insegnante violenta e l’espulsione da scuola». E a quel punto comincia a cantare. «Mia madre viene da me e mi dice: ok, adesso tu vai a lavorare; o sarai un fallimento totale o un grande successo;se fallisci, uno come te non può che finire in prigione». In prigione? Addirittura? «Non so perché lo diceva, oggi può sembrare una frase buffa, ma è stata l’ossessione della mia vita. Lo spauracchio del fallimento ha cominciato a perseguitarmi da quando ero bambino». Ha sempre vissuto con la paura di fallire? «Sempre». Poi cosa succede? «Mia madre mi mette sotto con il canto: quattro ore di esercizio al giorno. Dopo cinque mesi di questo training sfiancante, già canto alla Royal Opera House di Londra. E così, cambia tutto: mi trattano bene, mi pagano, ho delle responsabilità. Un altro mondo rispetto all’incubo della scuola». Studiare canto era un obbligo? «Sì, detestavo la disciplina. Tutti i giorni mi allenava mia madre e due volte alla settimana arrivava questa insegnante russa appena atterrata da Mosca, che vestiva come una signora russa degli anni Venti, parlava a stento l’inglese e mi urlava addosso in russo. La mattina, prima delle lezioni, piangevo». Sua madre voleva trovarle un lavoro come cantante o allevare una popstar? «Non voleva la popstar, anche oggi odia quella parte del mio lavoro: per me voleva il successo, che per lei significa coltivare un talento creativo, trovare soddisfazione nell’espressione artistica, che è come un superpotere che nessuno può toglierti e che ti dà la vera libertà». La parte più difficile qual è stata? «La mia nuova vita di allenamento costante mi ha allontanato ancora di più da mio padre. Perché a quel punto ero diventato un progetto: il progetto di mia madre». page-64 Che cosa comportava il «progetto Mika»? «Mia madre accettava lavori in tutta Europa, anche quando non ci venivano pagati il viaggio e l’albergo. E così io, lei e le mie sorelle Jasmine e Paloma ci trovavamo a dormire nella nostra vecchiaToyota Previa,fuori dal teatro in cui avrei dovuto esibirmi.Il progetto Mika è stato uno sforzo collettivo, di tutta la famiglia». Si è mai sentito sfruttato? «No, perché sapevo che era quello il mio futuro. Mia mamma aveva riconosciuto il talento in me». Tutta la famiglia puntava su di lei. Una responsabilità pesante? «Sì, una pressione fortissima, che sento ancora oggi, ogni giorno della mia vita». La fa stare male? «A volte sì. Ma poi riconosco che avere una famiglia così complessa è una ricchezza incredibile. Questa è la vita, questo è l’amore. Non è una cosa che si sperimenta tra due persone in un albergo alle Maldive». I suoi quattro fratelli come hanno vissuto il «progetto Mika»? «In parte bene, in parte male. Non sono mai stati invidiosi, perché casa nostra è una specie di comune. Però mia sorella Paloma, per esempio, avrebbe sempre voluto fare l’attrice, ma non ha mai potuto farlo perché è nata con una semi paralisi alla parte sinistra del corpo. Per lei sono un punto d’orgoglio ma anche motivo di tristezza. La sua vita si è saldata con la mia, è la mia stylist.Mia sorella Jasmine, invece,fa tutte le mie grafiche». Famiglia e carriera sono una cosa sola. «Il problema è che quando diventi adulto, come fai a liberarti di tutta questa storia familiare per ritrovare la leggerezza necessaria a creare? Cominci a cantare e a scrivere canzoni da bambino, lo hai fatto per tutta la vita, poi a un certo punto ti chiedi: perché?». Che risposta si è dato? «Sono andato al cimitero di Savannah e ho visto la parte della mia vita che non aveva niente a che vedere con mia madre, con la mia carriera, con laToyota Previa. Una via d’uscita finalmente. In albergo mi sono messo a scrivere Tiny Love, poi è arrivata la telefonata che ha cambiato tutto». Racconti. page-66 «È mio padre che dice: devi venire qui a Dubai, tua mamma sta molto male, ha un problema al cuore, deve fare un intervento e rischia la vita. Come una punizione, nel momento in cui tentavo di emanciparmi da mia madre e dalla mia famiglia, quella telefonata mi ha riportato a casa». Com’è andato l’intervento? «Così così. Sono due anni che ha gravi complicazioni, fa avanti e indietro dall’ospedale, in Francia. Paloma e io ci occupiamo di lei». Ha messo tutte queste esperienze nel nuovo album? «Se la vita ti lancia una sfida del genere, mi sono detto, alza la temperatura, offri il tuo cuore, scrivi melodie. Non significa fare canzoni lacrimevoli, come se piangessi sul divano di un programma tv di merda della domenica pomeriggio. Queste nuove canzoni hanno colori forti e un messaggio intimo». In Tiny Love Reprise cantano anche sua mamma e sua sorella Paloma. «È un messaggio verso il futuro: facciamo pace con il passato, anche con la paura. Questa è la vita e noi abbiamo il nostro tiny love, il nostro amore piccolo piccolo». In mezzo a questi scossoni ha smesso di fare tv. «È stata una mia scelta». Perché ha voluto prendere le distanze? «Perché la tv non mi appartiene. La tv non è arte in sé, devi sempre pensare a quel che farai dopo, e soprattutto dopo un po’ non puoi essere più te stesso, reciti un personaggio, sei solo un meccanismo dello show». È pentito? «No. Sono anche contento di tante cose – per esempio, aver fatto certi discorsi politici in prime time alla Rai. Ma non rifarei più né X Factor né Stasera Casa Mika.Basta.Basta avere persone che ti dicono cosa puoi fare e cosa non puoi fare. Basta a quelli che ti dicono di sì, ma poi ti ostacolano togliendoti il budget». La tv le ha fatto male? «La tv può interferire con la musica, ma dipende poi da cosa fai dopo. La prova sono i biglietti dei concerti: le persone ti possono amare in tv, ma se poi non gli piace la tua musica non compra i biglietti». Ma non ha mai avuto la sensazione di essere identificato più come personaggio televisivo che come musicista? «A me è andata bene, ma il rischio c’è. Per questo ho deciso di concentrarmi solo sulla musica». In questo album si parla di sesso e sensualità, a partire dal singolo Ice Cream, una canzone piena di allusioni. «Il pop è stato desessualizzato, ma se alla musica togli il sesso che cosa resta? Penso a Prince, George Michael, Michael Hutchence, David Bowie. Perché non parlare di sesso, quando è sempre lì ed è molto divertente?». Lei è fidanzato con Andreas da 12 anni. Crede alla monogamia? «Ci credo perché sono un bastardo geloso. Ma è solo una scelta personale, non è una presa di posizione moralista». Sei anni fa disse a Vanity Fair che volevate tanti figli. Non ne avete avuto neanche uno. «Sarebbe un gesto egoista, oggi, avere un figlio, non potrei dedicarmici al massimo». Come pensa di averli? «Tutte le opzioni sono buone: adozione o madre surrogata. E lo dico subito:difendo la surrogazione ed è assurda l’idea che sia una pratica sporca abusata dagli omosessuali.Cisono tante coppie etero che fanno ricorso a questo metodo». È un tema controverso, ci sono da considerare i legami biologici, per esempio. «Conosco una coppia che ha avuto un figlio da una madre surrogata: è una donna felice di averli aiutati e fa parte della vita del bambino. Bisogna vedere caso per caso, non si può generalizzare. Di certo va combattuto il mercato che si page-68 è creato in certi Paesi, dove i figli sono compravendite. Oggi, dicevo, non me la sento di diventare padre, vedo l’impegno che richiede Beau Regard, mio nipote di cinque anni, il figlio di Paloma». A lei ha dedicato una canzone dell’album. «È rimasta scioccata quando l’ha sentita, ma per me non è pornografia emotiva. È un modo per affrontare il trauma». Non ne ha mai parlato. «Ne parlo adesso. Nove anni fa, Paloma fumava alla finestra, ma siccome non ha molto equilibrio per via della semi paralisi, è caduta giù dal quarto piano, e cadendo è rimasta infilzata in una cancellata». Lei era lì? «Mi hanno chiamato, ero l’unico familiare a Londra. Entro nell’ambulanza, mi dicono: vada a salutare sua sorella, morirà, non c’è niente da fare. Mi avvicino, era una scena terribile. Le dico: ciao Paloma. E lei: puoi dire a questi stronzi di lasciarmi in pace, visto che devo alzarmi? Così guardo la dottoressa: mi scusi, ma questa non muore. E sono tornato nell’ambulanza, mentre cominciavano a segare il cancello, visto che non potevano semplicemente sfilarla,l’hanno portata via ancora con le aste che le trafiggevano il corpo». Che cosa pensava mentre era lì con lei? «Cose pratiche. Dovevo avvertire i miei familiari sparsi per il mondo.I nostri genitori erano in Bahrein, quando mio padre ha risposto – era il giorno del suo compleanno – pensava che fossi andato a trovarlo a sorpresa». L’incidente ha legato di più lei e Paloma? «No, al contrario: ci ha allontanati. Ma è normale, è una questione di sopravvivenza, bisogna mettere un po’ di distanza per attraversare l’esperienza e bisogna farlo da soli. Col tempo poi ci si riavvicina». Ha cominciato questo album con una ricerca sulla sua identità. Ora che il disco esce, a che punto è del percorso? «Ho iniziato con l’idea che il personaggio di Mika,la mia musica erano stati presi da me contro la mia volontà. Poi ho capito che non era vero, che non è stata tutta una costruzione di mia madre, l’ho voluto io. Ho fatto pace con gli ultimi 12 anni. Perché l’unico modo che conosco per vivere ed esprimermi è creare musica, scrivere, esibirmi. Senza questo non esisto» Sono contento dei programmi che ho fatto, ma ho capito che la tv non mi appartiene, non voglio più essere un ingranaggio dello show Tempo di lettura: 12 minuti In questa pagina, da sinistra: completo tartan, VIVIENNE WESTWOOD. Camicia, COMEFORBREAKFAST. Sneakers, LANVIN. Camicia di seta, pantaloni e scarpe, tutto LOUIS VUITTON. Pagg. 58-59: abito gessato, DIOR. Stivali, HERMÈS. Pagg. 60-61 e 64: blazer e camicia, BERLUTI. Stivaletti, EMPORIO ARMANI. Pantaloni, vintage. Pag. 63: completo, JACQUEMUS. Pag. 66: Camicia di seta, pantaloni e scarpe, tutto LOUIS VUITTON. Talent stylist Paloma Penniman. Ha collaborato Giada Zappa. Grooming Anna Maria Negri@W-MManagement usingWomo/Bullfrog. Hair Geraldine Fougerat Gay using Ever Bio Cosmetics, Huile de graine de figue de barbarie. Set Designer Charlotte Mello Teggia. Si ringrazia Pier Bragotto.
  13. 2 points
  14. 2 points
    after the show, Mika and his band ate at Foiegwa across the street. I was there getting post-concert food/drinks with friends, and his band comes in ... then 30 minutes later Mika comes in. There were just a few other people in the restaurant. We got to talk to him for a few minutes and got a quick photo - the other group that was still at the restaurant then (around midnight) also got a quick chat & photo in. What a nice surprise!
  15. 2 points
  16. 2 points
    hi I have very good quality audio recordings. I will compile everything together and post here as mp3 file tonight.
  17. 2 points
    Here’s my rambling mess of a report, much of it typed while waiting for the gig on Monday: Sunday morning I didn’t want to get lost after leaving the bus station so I got to the venue by about 6:30am but no one was there yet. I decided to go hunting for places with WiFi and happened upon a grocery store with loose enough barriers that I could access it while sitting in the parking lot. Back to the venue and still no one so I went wandering some more & I accidentally found a pharmacy where I bought a warmer shirt (who knew Montreal was so chilly in September?!) then Atwater Market where I bought a couple things but got scared off by people speaking French at me, then to the canal. I saw a duck and some graffiti that said DEEE so I took that as a sign that I was where I should be. After some photos it was back to the venue and still no one, so it was off to the Starbucks for a wake-me-up drink and some breakfast. Venue check? Still no one there. My phone needed a charge so I went to a library (cuz I def don’t get enough library time back at home!) when it opened at ten and read a book in English for about 45mins. Finally when I checked the venue I found some there! It was Naomi and we had a nice time waiting and soon more fans joined us for a pleasant day milling around and chatting and people watching. Promptly at 7 the security let us in, doing a quick bag check, and it was so smooth and easy and opposite of Brooklyn Steel. I was very impressed! Naomi and I tried to sort of position ourselves on either side of where Mika’s mike stand would be so neither would have the problem of his microphone blocking his face from our view. There was literally 0 barrier between audience and stage. I was unusually relaxed and happy and excited and not sweaty during the wait for this gig. I even enjoyed Kiesza more (not that I disliked her before, but she’s no Mika). Oh yeah Mika... well… where should I even start? I’ve been front row before but never in the centerish of a stage, especially at one as low as as this one. This night I think he was extra extra compared to NYC, but maybe I felt that way cuz of where I was. Random thoughts about the songs, in no particular order: Ice Cream was fun, a good opener. FACT: Dear Jealousy is pretty much the most perfect song ever. Tiny Love was wonderful ofc, I love the style and tempo changes now even though when I first heard they weirded me out. During Big Girl he sat down on the stage’s edge right between Naomi and I. I could’ve so easily touched him but purposely leaned away cuz I didn’t want him to think I was touching him on purpose. I swear he looked at me during Relax, and we def made eye contact during Popular Song…… what’s he trying to tell me? xD Relax was great, it’s a song I don’t usually record or take pics during but I got Mika and Max’s little jump together (sorry Max is barely in frame). Popular Song is always fun to sing along with. I’m so glad he’s been doing the album version with all the lyrics. Elle Me Dit was fun and even it’s the one he did that I can’t sing along with I was happy he played it. Underwater was gorgeous as usual. I especially liked the lights at the beginning, they were coming down in blue green rays and looked like he was indeed underwater. Usually I only take note of the lights when they’re blinding but this effect was quite striking! During Love Today he was on the floor and did some “interesting” “dance” moves, then he stood up. I usually never film that song but he was so close & I knew I may never get the chance like that again so I filmed it. Let’s just say when I showed it to my friend she said, and I quote, “holy sh*t… He was practically in your lap 😂 😂 😂 jesus... he’s such a hoe!!! 😆… holy mother of f*ck”. He didn’t do Tomorrow which I definitely missed hearing. No San Remo either I wasn’t too sure about Blue when I first heard it, but after hearing it more & his explaining it I love the lyrics. Origin of Love is definitely a favorite of mine live, even still. He brought up Max and Wouter (drummer’s name?) and Tim for Lollipop and had them on the ground. While Mika was invisible behind the piano I used the chance to get better pics of Max and Tim then I ever had before. We Are Golden has been great to see, I haven’t checked for sure but I think he had only performed it a couple of the gigs i was at before the tiny tour. Grace Kelly was insanely fun, took no pics or vids during that but I trust others did. He closed with the reprise of Tiny Love and Stay High. Oh I will Mika, you ensured I will for weeks to come! Oh yeah, I was saving talking about Happy Ending for last.... so he started out sitting down on the stage’s edge beside me and I had to film it. Then he got up and sang as usual, then he started trying to get people to be quiet and I knew what was coming. I must’ve muttered ‘oh my god, no no no oh my god he’s gonna do it’ about ten times. He was literally standing right above me when he sang the ending a capella. I’ve seen him sing like this a few times live before, but this was different. I started crying a little bit because the moment was so special and I was overwhelmed. Mika or his songs had never ever made me cry before, maybe tear up a bit but that’s it, but this time I had to take my glasses off and hastily wipe off tears of happiness before he started the next song. Please keep in mind I’m not one to cry easily, like I’ve never cried over a movie and i didn’t even cry after my cat of 16 years died until like 2 years later, so you know this f*cking moved me. I took a bunch of pics of Mika with the band bowing at the end. It made me so happy to get a great group pic of my own for Mikapedia! He had promo in the morning and many many people were waiting so he didn’t make an appearance afterward. I felt especially gutted since I’ve never been more prepared to say something sensible (at least in my mind) to him and to give him a gift I was really proud to have found and to maybe even ask for pic of us or a hug since it was my 13th Mika gig and I never asked for either. But oh well, it was not to be...
  18. 1 point
    Mika will be on Focus Junior the 21st of September 2019. From IG: 21356841893919940143084571749.mp4
  19. 1 point
    Tiny Love Tiny Tour in San Francisco !!! Setlist Ice Cream Jealousy Relax, Take It Easy Origin of Love Big Girl (You Are Beautiful) Tiny Love Blue Underwater Lollipop Popular Tomorrow Happy Ending Love Today We Are Golden Grace Kelly Tiny Love (reprise) Stay High ====== PICS ====== @77red 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162846 ====== VIDS ====== ======== REPORTS ======== @foomika 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162816 @77red 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162846 @superstar 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162902 @tiibet mika-the-fillmore-san-francisco-18-9-2019/ ======= PRESS ======= RIFF Magazine 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162819
  20. 1 point
    Mika on Vanity Fair from tomorrow on newsstands! Vanity Fair's IG stories: 2134251617485746031185280859.mp4 2134251645210151057185280859.mp4
  21. 1 point
    My friend said this song is just like Touches You lyrically. I guess I can see some similarities if I really think about it, but what do you guys think?
  22. 1 point
  23. 1 point
    I found some videos with BG on Instagram. Mika went really deep into the public!!!!
  24. 1 point
    Hi guys!!! ready for another song by Mika!!! Tomorrow came Tomorrow i'm ready
  25. 1 point
    @Gabry74 ciao Gabry ok preso grazie certo che leggendo l'intervista povero Mika quante cose ha dovuto e deve affrontare mannaggia ma fortunatamente ci siamo noi fan che lo sosteniamo vero Gabry? e poi trovo che Mika sia una persona sensata riguardo ai figli ... non si fanno cosi ...si fanno se gli si può badare altrimenti ha ragione Mika...
  26. 1 point
    Yes, it is, although my spoken English is poor and I cannot speak it for a long time. I guess I need to practice.
  27. 1 point
    I think it is just a riff on Tiny Love - though originally the song itself had 11 sections so maybe it's a part that didn't make it to the record
  28. 1 point
  29. 1 point
    Grazieeeee Gabry per l'informazione🙏🙏😘 Adesso contatto di nuovo e subito il mio amico dell'esselunga Devo avvisarlo così da avvisarmi subito appena arriva! Alla fine bloccherà il mio numero 🙈🙈
  30. 1 point
    Interesting what he says, Love and agree with some of his answers. Thanks Karin for the translation!
  31. 1 point
    Nel sito www.mikasounds.com sono già disponibili: magliette e felpe del Tiny Tour acquistando l'album in digitale e prossimamente verrà aggiornato anche con il merchandising del Revelation Tour. Per quanto riguarda la vendita durante i concerti, dipende dalle date. Spesso ci sono bancarelle, ma non del merchandising ufficiale e le riconosci immediatamente, perché è evidente che è merce "tarocca". 🙈 Nel tour passato ho acquistato: tazze, spille, portachiavi, foulard, bandiere, magliette, ecc... originali a Londra (all'Adelphi), a Parigi (all'Arena di Bercy), a Strasburgo (allo Zenith) e in Italia ad a esempio a Piazzola sul Brenta. 😊
  32. 1 point
    God bless you Anne! It will be a BIG job! Love, love me
  33. 1 point
    Domandina scusate... immagino che quando uscirà l’album inizieranno a vendere le magliette ufficiali (penso solo magliette) del tour su mikasounds.com. Ma sapete se di solito vendono gadget di mika (foulard bandiere e cose del genere da concerto) ai concerti in italy? Voi avete mai preso qualcosa?☺️
  34. 1 point
    It's a very bittersweet feeling. All I do is keep talking about Mika to my boyfriend and best friend and I literally had a dream about him last night. Can't complain though!
  35. 1 point
    Yeah, me too I count on our fabulous subtitle team
  36. 1 point
    Si quelqu'un a la vidéo j'aimerais tellement le voir! il était juste à côté de moi au début de la chanson !
  37. 1 point
    So, putting together what we have, I think except for the line with the leather seat we're doing pretty well. Good teamwork! Tomorrow, Tomorrow, (Tomorrow) You and I we're really really not so innocent Consequences won't be easy From here every road leads to regret But if this ain't what you wanted Then why'd you even come here, it's 2am If this isn't what you wanted Then why did you put a smiley in your message then Backseat, laid on Window open, staring So kiss me in the backseat of my vintage Benz Oh who gives a shit about tomorrow When it comes we can worry then Oh who gives a shit about tomorrow And then we're lying on a thousand stars Oh who gives a shit about tomorrow When you know how lucky we are Oh tomorrow worry about tomorrow Lying here together Stretching every second into more I know you're getting nervous But this is a mess worth fighting for If this isn't what you wanted Why'd you even come here, it's 2am If this isn't what you wanted Why'd you put a smiley in your message then T-Shirt off, breeze coming in The leather seat (...) So kiss me in the backseat of my vintage Benz Oh, who gives a shit about tomorrow When it comes we can worry then Oh who gives a shit about tomorrow And then we're lying on a thousand stars Oh who gives a shit about tomorrow When you know how lucky we are Oh tomorrow we'll worry about sorrow (If?) you'll be there tomorrow then I'll love you Tomorrow, tomorrow, tomorrow, tomorrow So kiss me in the backseat of my vintage Benz Oh, who gives a shit about tomorrow When it comes we can worry then Oh who gives a shit about tomorrow And then we're lying on a thousand stars Oh who gives a shit about tomorrow And we know how lucky we are Oh tomorrow we'll worry about tomorrow
  38. 1 point
    https://www.focusjunior.it/news/pronti-conoscere-il-mondo-di-mika/ Pronti a conoscere il mondo di Mika? Nel numero di Focus Junior in edicola dal 21 settembre conosceremo l'universo dietro il celebre cantante di origine libanese. Nel frattempo, ecco qualche curiosità... Si preannunciano mesi pieni per Mika, stella luminosa della scena pop mondiale ed ex-giudice del talent X-Factor Italia. Il 10 novembre partirà da Londra infatti il suo Revelation Tour, la tournée che porterà il cantante in giro per l'Europa e farà tappa in ben 12 città italiane, un vero record per un evento di questa portata. Nel corso di questa lunga serie di concerti, Mika canterà i brani del nuovo album (My Name is Michael Holbrook, in uscita il 4 ottobre) e i grandi successi amati dai fan di vecchia data. Prima di andare a sentirlo live, però, i suoi ammiratori potranno conoscerlo meglio sulle pagine del numero di Focus Junior in edicola dal 21 settembre. Qui Mika svelerà alcune "chicche" del suo passato e ci racconterà la sua visione del mondo della musica. Siete pronti a correre in edicola? Nell'attesa però ecco alcune curiosità su questo eclettico artista: Mika è nato il 18 agosto 1983 a Beirut, la capitale del Libano. Il suo vero nome è Michael Holbrook Penniman Jr (e qui si spiega il titolo dell'ultimo disco!) È dislessico e sebbene ciò gli abbia creato qualche problema durante infanzia e adolescente, la sua diversa "prospettiva" non gli ha impedito di riscuotere un successo internazionale. Parla sei lingue: inglese, francese, italiano, spagnolo, cinese mandarino e arabo "libanese". In Italia è diventato famoso con il brano Grace Kelly, del 2007. Nel 2016 e 2017 ha condotto un programma tutto suo, Casa Mika, sulla Rai di Niccolò De Rosa 18 settembre 2019
  39. 1 point
    A big book about a Maurice Sendak exhibit I saw at a museum in NYC https://www.themorgan.org/exhibitions/sendak
  40. 1 point
  41. 1 point
  42. 1 point
    One of the most beautiful interviews done lately! ❤
  43. 1 point
    These photos are outstanding!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  44. 1 point
    Vanity Fair Italia 17 settembre 2019 https://www.vanityfair.it/music/storie-music/2019/09/17/mika-canzoni-ice-cream-nuovo-album-gossip-vita-privata-intervista-vanity-fair Mika: «Il dramma che mi ha allontanato da mio padre, le pressioni di mia madre, il dolore di mia sorella» La crisi è arrivata dopo dodici anni di successo internazionale. Così, prima di scrivere il suo nuovo album, la popstar ha fatto pace con il suo passato. E lo racconta in esclusiva a Vanity Fair «Volevo prendere le distanze da Mika. Per spiegare devo tornare alla mia storia familiare, la stessa da cui sono partito quattro anni fa quando sono andato in crisi. Usare il nome dell’anagrafe mi ha permesso di rivedere i rapporti con la mia famiglia con uno sguardo diverso, più adulto e coraggioso». My Name is Michael Holbrook – titolo del nuovo album di Mika, e il primo verso di Tiny Love, la canzone che apre questo disco, a quattro anni da No Place in Heaven – nasce da una crisi creativa e da una rivelazione, come il musicista spiega in una coraggiosa intervista esclusiva al nostro giornale, che gli dedica la copertina del numero in edicola da mercoledì 18 settembre. La rivelazione, racconta, è avvenuta due anni fa in un cimitero della Georgia, nel Sud degli Stati Uniti, davanti alle tombe degli antenati su cui era inciso il cognome paterno, Penniman, e in alcuni casi anche i suoi due nomi di battesimo, Michael Holbrook. «Non sapevo da che parte cominciare, ero in piena crisi creativa, nel senso che non avevo niente da dire. Così, come sempre in queste situazioni, mi sono detto che dovevo buttarmi verso l’ignoto, e per me l’ignoto è la famiglia di mio padre. Vedere il mio nome su tutte quelle tombe mi ha esaltato, è stato bello conoscere quel pezzo della mia identità ancora inesplorato. Ho sentito il bisogno di difendere le mie radici e ho cominciato a scrivere: My Name is Michael Holbrook, I was born in 1983. Mi chiamo Michael Holbrook, sono nato nel 1983». Il distacco dal padre, Mika rivela per la prima volta, avvenne quando lui era bambino: «Avevo sette anni. Mio padre, consulente finanziario, era stato preso in ostaggio in Kuwait nell’ambasciata americana. È tornato sette mesi dopo, completamente cambiato. Prima era papà, poi era Mike: non riuscivamo più a chiamarlo papà, quell’uomo magro con la barba, che aveva vissuto cose fortissime, noi figli non lo riconoscevamo più». Quel trauma coincise con «un tracollo economico, abbiamo perso la casa, con i creditori che venivano a pignorarci i mobili. Così ci siamo trasferiti a Londra dove abbiamo vissuto in un bed and breakfast per due anni. Dovevamo ricostruire la nostra vita da zero. È in quel momento che tutti i miei problemi esplodono, su tutti la dislessia, e poi l’insegnante violenta e l’espulsione da scuola». E a quel punto, spiega, nasce Mika il musicista: «Mia madre viene da me e mi dice: ok, adesso tu vai a lavorare; o sarai un fallimento totale o un grande successo; se fallisci, uno come te non può che finire in prigione. Non so perché lo diceva, oggi può sembrare una frase buffa, ma è stata l’ossessione della mia vita. Lo spauracchio del fallimento ha cominciato a perseguitarmi da quando ero bambino. Mia madre mi mette sotto con il canto: quattro ore di esercizio al giorno. Non voleva la popstar: per me voleva il successo, che per lei significa coltivare un talento creativo, trovare soddisfazione nell’espressione artistica, che è come un superpotere che nessuno può toglierti e che ti dà la vera libertà. Ma la mia nuova vita di allenamento costante mi ha allontanato ancora di più da mio padre. Perché a quel punto ero diventato un progetto: il progetto di mia madre». Non si è mai sentito sfruttato «perché sapevo che era quello il mio futuro. Mia mamma aveva riconosciuto il talento in me». Ma la responsabilità è stata pesante: «Mia madre accettava lavori in tutta Europa, anche quando non ci venivano pagati il viaggio e l’albergo. E così io, lei e le mie sorelle Jasmine e Paloma ci trovavamo a dormire nella nostra vecchia Toyota Previa, fuori dal teatro in cui avrei dovuto esibirmi. Il progetto Mika è stato uno sforzo collettivo, di tutta la famiglia. Una pressione fortissima, che sento ancora oggi, ogni giorno della mia vita. Mia sorella Paloma, per esempio, avrebbe sempre voluto fare l’attrice, ma non ha mai potuto farlo perché è nata con una semi paralisi alla parte sinistra del corpo. Per lei sono un punto d’orgoglio ma anche motivo di tristezza». Una canzone del nuovo album è dedicata proprio a lei, e alla tragedia vissuta nove anni fa, che Mika ci racconta per la prima volta. «Paloma fumava alla finestra, ma siccome non ha molto equilibrio per via della semi paralisi, è caduta giù dal quarto piano, e cadendo è rimasta infilzata in una cancellata. Mi hanno chiamato, ero l’unico familiare a Londra. Mi dicono: vada a salutare sua sorella, morirà, non c’è niente da fare. Mi avvicino, era una scena terribile. Le dico: ciao Paloma. E lei: puoi dire a questi stronzi di lasciarmi in pace, visto che devo alzarmi? Così guardo la dottoressa: mi scusi, ma questa non muore. Visto che non potevano semplicemente sfilarla, hanno segato il cancello e l’hanno portata via ancora con le aste che le trafiggevano il corpo». Oggi, spiega Mika nell’intervista, chiama suo padre «Pa»: «“Daddy” non riesco». Ma il rapporto è stato recuperato, anche grazie all’introspezione da cui è nato il nuovo album. Con un epilogo a sorpresa, però: «In quel cimitero a Savannah ho visto la parte della mia vita che non aveva niente a che vedere con mia madre, con la mia carriera, con la Toyota Previa. Una via d’uscita finalmente. In albergo mi sono messo a scrivere Tiny Love, poi è arrivata la telefonata che ha cambiato tutto. È mio padre che dice: devi venire qui a Dubai, tua mamma sta molto male, ha un problema al cuore, deve fare un intervento e rischia la vita. Come una punizione, nel momento in cui tentavo di emanciparmi da mia madre e dalla mia famiglia, quella telefonata mi ha riportato a casa». In un brano dell’album, Tiny Love Reprise, cantano la madre e Paloma: «È un messaggio verso il futuro: facciamo pace con il passato, anche con la paura. Questa è la vita e noi abbiamo il nostro tiny love, il nostro amore piccolo piccolo. Ho iniziato con l’idea che il personaggio di Mika, la mia musica erano stati presi da me contro la mia volontà. Poi ho capito che non era vero, che non è stata tutta una costruzione di mia madre, l’ho voluto io. Ho fatto pace con gli ultimi 12 anni. Perché l’unico modo che conosco per vivere ed esprimermi è creare musica, scrivere, esibirmi. Senza questo non esisto».
  45. 1 point
    They’d been selling tshirts, sweatshirts and tote bags but in NYC and Montreal they sold out of all but the tote bags. Seems like each venue gets a shipment, so hopefully folks in the upcoming cities can get something
  46. 1 point
  47. 1 point
  48. 1 point
    I wonder but as long as we get the live CD and DVD I am happy
  49. 1 point
    SOUND OF AN ORCHESTRA (We're talking about this song HERE) You lower your hand clarinet will play Raise it back up And it flies away When you smile violins will soar When you move your legs a timpani will roar I can hear it, I can hear it, I can hear it, I swear All the music you’re provoking, filling up the air It's getting louder This is the sound of an orchestra I can hear it playin’ everywhere that you are There is a sound for everything you do This is the sound of my love for you Listen to the sound of my love for you You don’t even know everything I hear Every move, every note, every time you’re near If I close my eyes I promise I can see A hundred people playing and it’s just for me I can hear it, I can hear it, I can hear it, I swear All the music you’re provoking, filling up the air It's getting louder This is the sound of an orchestra I can hear it playin’ everywhere that you are There is a sound for everything you do This is the sound of my love for you Listen to the sound of my love for you Before you even say What I know you’re gonna say There are the sounds I hear Unrolling in my head Comes down really close Hold me like you do Then all the music in my head you’ll hear it too This is the sound of an orchestra I can hear it playin’ everywhere that you are There is a sound for everything you do This is the sound of my love for you Listen to the sound of my love for you
  50. 1 point
    It's My House (We're talking about this song HERE.) Don't even try to tempt me with the keys to the Taj Mahal Or the Leaning Tower of Pisa 'cause I heard it's about to fall There ain't no pyramids or palaces for me Already got a home, it's the only place I need It might be big, it might be small Ain't no paintings on the wall And the bed might not be long enough The neighbors want us all to leave And they're callin' the police They'd kick us out if they were strong enough It's my house 'Cause my house Is your house My heart is too 'Cause my house Is your house There's room for you Ain't no walls you could keep my heart in Ain't no walls I won't lock you out It's my house You don't need a flying pigeon 'cause you already know the way You can bring your best friend with you and I'd love to have you stay We can make some music, yeah, we can watch the sun go down This house is yours and mine, you can always come around It might be big, it might be small Ain't no paintings on the wall And the bed might not be long enough The neighbors want us all to leave And they're callin' the police They'd kick us out if they were strong enough 'Cause my house Is your house My heart is too 'Cause my house Is your house There's room for you Ain't no walls you could keep my heart in Ain't no walls I won't lock you out It's my house