Kumazzz

Mod Aides
  • Content Count

    21,026
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    649

Everything posted by Kumazzz

  1. http://www.emissions-tv.com/emissions/398/300_choeurs 300 CHOEURS À l’occasion de la rentrée, France 3 vous invite à venir assister à l’enregistrement des nouvelles émissions de « 300 Chœurs 2019 », enregistrées les lundi 7, mardi 8 et mercredi 9 octobre 2019. Retrouvez sur scène plusieurs générations d’artistes accompagnés des plus beaux chœurs français qui revisiteront ensemble les tubes d’hier et d’aujourd’hui dans des versions totalement inédites. Programmation : VINCENT NICLO, ANGELIQUE KIDJO, FLORENT PAGNY, ISABELLE BOULAY, NANA MOUSKOURI, DAVE, VITAA & SLIMANE, CHARLELIE COUTURE, CLAUDIO CAPEO, BLACK M, NATASHA ST-PIER, YANNICK NOAH, MIKA, MARC LAVOINE et d'autres à venir... Nous n'avons pas la répartition des artistes sur les 3 jours ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ 300 CHOIRS At the start of the new year, France 3 invites you to attend the recording of the new programs of "300 Chœurs 2019", recorded on Monday 7, Tuesday 8 and Wednesday 9 October 2019. Find on stage several generations of artists accompanied by the most beautiful French choirs who will revisit together the tubes of yesterday and today in totally new versions. Programming: VINCENT NICLO, ANGELIQUE KIDJO, FLORENT PAGNY, ISABELLE BOULAY, NANA MOUSKOURI, DAVE, VITAA & SLIMANE, CHARLELIE COUTURE, CLAUDIO CAPEO, BLACK M, NATASHA ST-PIER, YANNICK NOAH, MIKA, MARC LAVOINE and others to come ... We do not have the distribution of the artists on the 3 days 🔵Lundi 7 Octobre 2019 12:00 Fin 18h30 Studio du Lendit L5 16 rue andré campra 93210 La Plaine Saint Denis 🔵Mardi 8 Octobre 2019 12:00 Fin 18h30 Studio du Lendit L5 16 rue andré campra 93210 La Plaine Saint Denis 🔵Mardi 8 Octobre 2019 19:00 Fin 23h30 Studio du Lendit L5 16 rue andré campra 93210 La Plaine Saint Denis 🔵Mercredi 9 Octobre 2019 12:00 Fin 18h30 Studio du Lendit L5 16 rue andré campra 93210 La Plaine Saint Denis 🔵Mercredi 9 Octobre 2019 19:00 Fin 23h30 Studio du Lendit L5 16 rue andré campra 93210 La Plaine Saint Denis
  2. I can't think of anything about CHERRIES. In Japan, we love cherry blossom so much. That cherries scene reminds me when I saw the video at first "Cherry-boy ? Does Mika imply his virginity...?"
  3. https://www.instagram.com/stories/focusjunior_rivista/ IG story focusjunior_rivista_stories.mp4
  4. Focus Junior – Ottobre 2019 PDF file Focus Junior_MIKA – Ottobre 2019.pdf 20 Sep 2019 NEL MONDO DI MIKA Il suo “universo” è unico, particolare e ha le sue regole. Noi ci siamo entrati ed è stato bellissimo ▼ La foto ricordo con Mika è d’obbligo. Lo abbiamo incontrato in un bellissimo appartamento nel centro di Milano. Sarà stata casa sua? Simpatico e solare, così ci è apparso Mika quando lo abbiamo incontrato in una calda giornata di luglio in un appartamento (forse il suo?) nel centro di Milano. L’artista Michael Holbrook Penniman Jr. (questo è il suo vero nome) è nato a Beirut, in Libano, il 18 agosto 1983 ma ha vissuto in varie parti del mondo. Nel 1984, all’età di un anno, a causa della guerra civile in Libano (1975-1990) assieme alla famiglia si è trasferito a Parigi e a nove anni a Londra. Qui, però, Mika ha iniziato ad avere qualche “problemino”. ▲ Il cantante si esprime in un italiano molto forbito ma con un accento da “cartone animato”! Ecco che cosa ci ha raccontato. Com’è stata la tua infanzia? «Ascoltare diversi generi di musica, da quella classica al jazz, fino a quella contemporanea, è come osservare un quadro con una bella prospettiva. Avrete diversi livelli di profondità» «Molto bella ma complicata. Dovete sapere che all’età di nove anni ho avuto molte difficoltà con la scuola, mi sentivo a disagio. Ero considerato uno stupido sia dagli insegnanti sia dai compagni perché non riuscivo a leggere e a scrivere, a causa della dislessia. Così ho lasciato la scuola, però in quel periodo ho studiato musica con un insegnante privato. In breve tempo sono riuscito a trovare fiducia in me stesso, perché con la musica riuscivo a esprimermi e poi anche perché sono stato chiamato a tenere il mio primo “concerto” alla Royal Opera House di Londra! Non ho frequentato le scuole tradizionali ma una scuola d’arte molto importante: non tutti devono per forza essere ingegneri, dottori o avvocati». Come ti sei avvicinato al pianoforte? «Ho studiato musica e ogni volta che avevo lezione con l’insegnante ero terrorizzato perché non riuscivo a leggere le note. Ma non mi sono scoraggiato: in gran segreto, da solo, ho scoperto il piacere di inventare e comporre. Non sono un grande pianista ma non importa, ho trovato la mia maniera di fare musica». Qual è il lato più bello e quello più brutto del tuo lavoro? «Il bello è che creo qualcosa. La creatività dà valore alla mia vita. Il brutto è che ciò che ho creato avrà delle critiche. Io le ascolto, ma seguo il mio istinto». ◄ I concerti di Mika sono spettacoli teatrali con luci, colori e abiti scintillanti. «Con Stasera casa Mika vi ho invitati a fare festa a casa mia, ora verrò a casa vostra. Busserò alla vostra porta, città per città. Spero mi accoglierete» dice Mika. Infatti il 10 novembre partirà da Londra il Revelation tour, che proseguirà in Spagna, Francia, Italia, Svizzera, Olanda, Belgio e Lussemburgo. In Italia si esibirà in 12 città, da nord a sud, e canterà anche le canzoni del nuovo album My Name is Michael Holbrook, in uscita il 4 ottobre. Google translator
  5. MIKA Hey everyone here it is! My new song ’Tomorrow’ is out today and I’m so excited for you to all hear it! You can pre-order my album ‘My Name Is Michael Holbrook’ below to receive the track straight away. Have a listen and let me know what you all think. https://MIKA.lnk.to/MNIM
  6. BBC Radio2 SANREMO in NEW MUSIC PLAYLIST https://www.bbc.co.uk/programmes/articles/2qNJsnjYFvbLrK9CZ0CfYfM/radio-2-new-music-playlist C List Saturday 21st September
  7. http://cdn.element.com.mx/corona-mika_pza.html Requisitos para participar en la dinámica: Gana Boletos para Mika en el Plaza Condesa Para participar en la promoción "Gana boletos para Mika en el Plaza Condesa”, se deberá dar lectura íntegra de las siguientes bases y cumplir totalmente con los requisitos y condiciones aquí establecidas, lo cual implica la comprensión y aceptación de las mismas. La promoción se ejecutará en Twitter, y la participación en ella implica la aceptación a los términos de uso por parte del participante. TÉRMINOS Y CONDICIONES
  8. 🤞GOOD LUCK !! https://www.virginradio.fr/mika-en-concert-a-la-cigale-le-8-octobre-concours-2931.html Mika en concert à la Cigale le 8 octobre, gagnez vos places ! Il est de retour ! Après avoir livrer ses meilleurs conseils aux candidats de The Voice, Mika a délaissé son fauteuil pour mieux se consacrer à son nouvel album. Intitulé My Name is Michael Holbrook, ce nouvel opus s'annonce le plus personnel jamais écrit par l'artiste - l'on y retrouve par exemple le très pop et coloré Ice Cream. Parce chaque sortie est une fête, Mika investira la Cigale le 8 octobre prochain (avec La Poste Mobile). Bonne nouvelle, Virgin Radio vous offre vos places ! Pour gagner vos places, rien de plus simple : il vous suffit de répondre à la question du formulaire (sans oublier vos coordonnées). Aussi, n'oubliez pas de lire le règlement !
  9. Grazia Italia N.40 – 19 Settembre 2019 MUSICA CULT CULT CULTURA DELLA SETTIMANA Se non fossi stato MIKA ALLA VIGILIA DEL NUOVO ALBUM E DEL TOUR, IL CANTANTE MIKA PARLA DEL SUO VIAGGIO INTERIORE. QUELLO DURATO DUE ANNI PER SCOPRIRE IL LATO PIÙ PROFONDO DI SÉ DI Diego Perugini Stavolta Mika ci ha messo tutto se stesso, a partire dal nome e cognome. My Name Is Michael Holbrook è, infatti,... large JPG file ( 4000 x 5127 )
  10. RIFF Magazine http://www.riffmagazine.com/slideshow/mika-20190918/ PDF fileriffmagazine.com-SLIDESHOW MIKA and Kiesza play new songs new arrangements at the Fillmore.pdf SLIDESHOW: MIKA and Kiesza play new songs, new arrangements at the Fillmore MIKA performs at The Fillmore in San Francisco on Sept. 18, 2019. Photos: Joaquin Cabello SAN FRANCISCO — MIKA brought his Tiny Love Tiny Tour to the Fillmore Wednesday, giving longtime fans a preview of his forthcoming fifth album, My Name Is Michael Holbrook. The show was also a great excuse to put on a happy face with the poppy, cheerful sounds of the Beirut-born, London-based singer-songwriter. MIKA earned widespread acclaim and commercial success with his 2007 debut album, Life In Cartoon Motion, and hit singles like “Grace Kelly,” “Lollipop” and “Love Today.” That record sold 7 million copies worldwide. Its three successors weren’t as successful in the U.S. but were certified platinum elsewhere. The new album promises more of the same, but with a high dosage of earnest storytelling that MIKA has been known to pepper throughout his records. He began the record with a concept to look into his own past. At the San Francisco show, he blended energetic stage presence with baroque pop and his signature eight-octave voice, including an excellent falsetto. The set included new cuts “Ice Cream” and “Tiny Love,” and a healthy helping of the 2007 debut—the aforementioned songs as well as “Relax, Take It Easy.” MIKA even hopped off the stage to sing “Big Girl (You Are Beautiful)” amid a sea of dancing fans. He also included a few choice tunes from 2009’s The Boy Who Knew Too Much, 2012’s The Origin of Love and 2015’s No Place In Heaven. The tour kicked off last week in New York and ends next week in Mexico City. Setlist Ice Cream Jealousy Relax, Take It Easy Origin of Love Big Girl (You Are Beautiful) Tiny Love Blue Underwater Lollipop Popular Tomorrow Happy Ending Love Today We Are Golden Grace Kelly Tiny Love (reprise) Stay High Joaquin Cabello IG story https://www.instagram.com/stories/joaquinxcabello/
  11. Tiny Love Tiny Tour in San Francisco !!! Setlist Ice Cream Jealousy Relax, Take It Easy Origin of Love Big Girl (You Are Beautiful) Tiny Love Blue Underwater Lollipop Popular Tomorrow Happy Ending Love Today We Are Golden Grace Kelly Tiny Love (reprise) Stay High ====== PICS ====== @77red 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162846 ====== VIDS ====== ======== REPORTS ======== @foomika 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162816 @77red 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162846 @superstar 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162902 @tiibet mika-the-fillmore-san-francisco-18-9-2019/ ======= PRESS ======= RIFF Magazine 2019-the-fillmore-san-francisco-18-sept-4162819
  12. Vanity Fair Italia N.38 – 25 Settembre 2019 PDF file ( a whole of the issue : 336 pages / 51.7 MB ) Vanity_Fair_It-N.38_25_Settembre_2019.pdf
  13. Could anyone please translate the article and interview in English ? Google translator works strange...
  14. Page-1 MIKA La crisi creativa L’addio alla tivù Il peso dei legami famigliari «Col nuovo album ricomincio da me» page-23 Vanity Editoriale di SIMONE MARCHETTI Volo così Aeroporto di Malpensa. Sto aspettando il volo per New York, breve viaggio di lavoro. Una mano mi accarezza la spalla. Mi giro e c’è lui, Mika. Mi saluta, sta per partire sul mio stesso aereo. L’ultima volta ci siamo visti a Hydra, un’isola greca, durante le vacanze. Chiacchieriamo, gli mostro l’ultima versione della copertina che vedete in questo numero. Gli piace, è contento. Sul volo parliamo di progetti, di idee. Poi ognuno al suo posto. Michael Holbrook, questo il vero nome di Mika, ha 36 anni, ha detto addio alla televisione, è stato lontano dalla musica per quattro anni e ora torna con un nuovo album. Dopo 12 anni di successi, per lui è arrivata la crisi. Forte, intensa,disorientante. Le note,sparite.L’ispirazione, andata. La motivazione, assente. Il futuro, assai nebuloso. Di chiaro, c’era solo una domanda: e adesso che faccio? New York, la sera dopo il volo. Paola Turci è l’ospite a sorpresa dello stilista Michael Kors al party dopo la sfilata.Il pubblico è per la maggior parte internazionale, un po’ distratto e piuttosto rumoroso. Paola sale sul palco ed è sola con la sua chitarra. Attacca con una cover di Mina, Ancora ancora ancora. Poi un’altra canzone. E infine, con uno dei suoi pezzi più famosi, Volo così.Il pubblico si zittisce all’improvviso anche se non capisce una sola parola d’italiano. Mi sembra di volare, anche se sono ancora qui / E mi riprendo i sogni le speranze le illusioni tutto quel che sai di me / E volo così, a braccia aperte tra le nuvole / Volo così nell’aria tersa senza limiti / Volo nell’anima di queste notti tenere / Volo così perché è così che devo vivere / Volo nel cuore di chi ha voglia di sbagliare / Volo nel sole perché ho voglia di bruciare / Volo così Manhattan, Feroce, un club/ristorante sopra le mille luci dei grattacieli. Dopo il concerto Paola balla come una bambina, in piedi sul divano, di fianco a me. È libera, come acqua che scivola tra le mani: allo stesso modo, accarezza ogni cosa come se un momento dopo volasse via, leggera, senza peso. Fragile e potente. Appena passata la mezzanotte, arriva una piccola torta con una candelina: la cantante oggi compie 55 anni. Chiude gli occhi, soffia sulla fiamma e poi torna a ballare e cantare a squarciagola. Questo numero di Vanity Fair parla del peso e della leggerezza delle crisi. Di quel momento difficile e importantissimo in cui uno dice: e adesso che faccio? Nell’intervista, Mika, anzi Michael, sostiene di aver ritrovato le ali dell’ispirazione in un cimitero. Nella notte di New York, Paola mostra come per lei le ali siano una costante, una piccola follia da portare sempre con sé, come un portafortuna che si nasconde in una tasca. E voi? Dove sono finite le vostre ali? Buona lettura PS: continuate a scrivermi pensieri, consigli e riflessioni a smarchetti@condenast.it page-34 COPERTINA 58 MIKA Ho fatto pace con me stesso 36 anni, fotografato da Jasper Abels. Completo gessato con fascia di satin, Dior. Grooming Anna Maria Negri@ W-MManagement using Womo/ Bullfrog. Hair Geraldine Fougerat Gay using Ever Bio Cosmetics, Huile de graine de figue de barbarie. page-60+61 HO FATTO PACE CON MIKA La crisi è arrivata dopo 12 anni di successo internazionale. Così, prima di scrivere il suo nuovo album, la popstar si è chiesta: perché lo faccio? La risposta è in un cimitero, nella storia della sua famiglia e in un progetto della madre di VALENTINA COLOSIMO foto JASPER ABELS servizio RAMONA TABITA LA QUINTA VOLTA Mika, 36 anni. Dopo 4 anni di silenzio discografico, il 4 ottobre torna con My Name Is Michael Holbrook, quinto album in studio della sua carriera, a 12 anni dall’esordio di Life in Cartoon Motion. page-62 Mia madre accettava lavori per me anche se non ci pagavano viaggio e albergo: così finivamo a dormire in macchina Due anni fa, al cimitero di Bonaventure a Savannah, in Georgia, nel Sud degli Stati Uniti, Mika ha avuto una rivelazione. Sulle tombe degli antenati c’era il suo cognome, Penniman, in alcuni casi anche i suoi due nomi di battesimo, Michael Holbrook, e così, in modo forse un poco macabro ma «divertente, alla Tim Burton», come dice lui, quelle lapidi gli hanno ricordato chi è e da dove viene, e gli hanno rivelato qualcosa della famiglia del padre, fino a quel momento quasi ignorata.In quel cimitero – bizzarro dono dell’ispirazione – sono nati i primi versi di Tiny Love, la canzone che apre il nuovo album,My Name Is Michael Holbrook, a quattro anni da No Place in Heaven: «Non sapevo da che parte cominciare, ero in piena crisi creativa, nel senso che non avevo niente da dire. Così, come sempre in queste situazioni, mi sono detto che dovevo buttarmi verso l’ignoto, e per me l’ignoto è la famiglia di mio padre.Vedere il mio nome su tutte quelle tombe mi ha esaltato, è stato bello conoscere quel pezzo della mia identità ancora inesplorato. Ho sentito il bisogno di difendere le mie radici e ho cominciato a scrivere:My Name is Michael Holbrook, I was born in 1983. Mi chiamo Michael Holbrook,sono nato nel 1983». Seduto a piedi nudi e a gambe incrociate su un divano, Mika parla in fretta, le cose da dire sono tante e ha già aspettato troppo. Ha appena compiuto 36 anni, gli ultimi 12 – dall’esordio fortunato e coloratissimo di Life in Cartoon Motion – li ha passati a fare senza sosta le cose necessarie a essere una popstar internazionale: dischi, concerti, collaborazioni. A quello si sono aggiunti i talent show – in Italia X Factor, in Francia The Voice – che gli hanno dato la popolarità di massa tipica della tv. Ora ha deciso di concentrarsi solo sulla musica e il cambiamento di prospettiva ha coinciso anche con la mutazione del look, passato da uno stile camp a quello meno decorato di oggi. Perché ha messo il suo nome legale nel titolo dell’album? «Volevo dimenticare la persona che ero stata negli ultimi anni pertornare a essere quelragazzo che stava di fronte alsuo pianoforte di merda bianco, nella casa di famiglia, a scrivere canzoni, quelle di Life in Cartoon Motion». Vuole prendere le distanze da Mika? «Sì». Che cosa l’ha stancata di Mika? «È una domanda che richiede una risposta complessa, per rispondere devo tornare alla mia storia familiare, la stessa da cui sono partito quattro anni fa quando sono andato in crisi. Usare il nome dell’anagrafe mi ha permesso di rivedere irapporti con la mia famiglia con uno sguardo diverso,più adulto e coraggioso». Da dove si comincia? «Da quando avevo sette anni. Mio padre, consulente finanziario, era stato preso in ostaggio in Kuwait nell’ambasciata americana. È tornato sette mesi dopo, completamente cambiato. Prima era papà, poi era Mike: non riuscivamo più a chiamarlo papà, quell’uomo magro con la barba, che aveva vissuto cose fortissime, noi figli non lo riconoscevamo più». Oggi come lo chiama? «“Pa”, è il modo che ho trovato, dopo averlo chiamato Mike per 15 anni. “Daddy” non riesco». Dopo il ritorno di suo padre, che cos’è successo? «Un tracollo economico, abbiamo perso la casa, con i creditori che venivano a pignorarci i mobili. Così ci siamo trasferiti a Londra dove abbiamo vissuto in un bed and breakfast per due anni. Dovevamo ricostruire la nostra vita da zero. È in quel momento che tutti i miei problemi esplodono, su tutti la dislessia, e poi l’insegnante violenta e l’espulsione da scuola». E a quel punto comincia a cantare. «Mia madre viene da me e mi dice: ok, adesso tu vai a lavorare; o sarai un fallimento totale o un grande successo;se fallisci, uno come te non può che finire in prigione». In prigione? Addirittura? «Non so perché lo diceva, oggi può sembrare una frase buffa, ma è stata l’ossessione della mia vita. Lo spauracchio del fallimento ha cominciato a perseguitarmi da quando ero bambino». Ha sempre vissuto con la paura di fallire? «Sempre». Poi cosa succede? «Mia madre mi mette sotto con il canto: quattro ore di esercizio al giorno. Dopo cinque mesi di questo training sfiancante, già canto alla Royal Opera House di Londra. E così, cambia tutto: mi trattano bene, mi pagano, ho delle responsabilità. Un altro mondo rispetto all’incubo della scuola». Studiare canto era un obbligo? «Sì, detestavo la disciplina. Tutti i giorni mi allenava mia madre e due volte alla settimana arrivava questa insegnante russa appena atterrata da Mosca, che vestiva come una signora russa degli anni Venti, parlava a stento l’inglese e mi urlava addosso in russo. La mattina, prima delle lezioni, piangevo». Sua madre voleva trovarle un lavoro come cantante o allevare una popstar? «Non voleva la popstar, anche oggi odia quella parte del mio lavoro: per me voleva il successo, che per lei significa coltivare un talento creativo, trovare soddisfazione nell’espressione artistica, che è come un superpotere che nessuno può toglierti e che ti dà la vera libertà». La parte più difficile qual è stata? «La mia nuova vita di allenamento costante mi ha allontanato ancora di più da mio padre. Perché a quel punto ero diventato un progetto: il progetto di mia madre». page-64 Che cosa comportava il «progetto Mika»? «Mia madre accettava lavori in tutta Europa, anche quando non ci venivano pagati il viaggio e l’albergo. E così io, lei e le mie sorelle Jasmine e Paloma ci trovavamo a dormire nella nostra vecchiaToyota Previa,fuori dal teatro in cui avrei dovuto esibirmi.Il progetto Mika è stato uno sforzo collettivo, di tutta la famiglia». Si è mai sentito sfruttato? «No, perché sapevo che era quello il mio futuro. Mia mamma aveva riconosciuto il talento in me». Tutta la famiglia puntava su di lei. Una responsabilità pesante? «Sì, una pressione fortissima, che sento ancora oggi, ogni giorno della mia vita». La fa stare male? «A volte sì. Ma poi riconosco che avere una famiglia così complessa è una ricchezza incredibile. Questa è la vita, questo è l’amore. Non è una cosa che si sperimenta tra due persone in un albergo alle Maldive». I suoi quattro fratelli come hanno vissuto il «progetto Mika»? «In parte bene, in parte male. Non sono mai stati invidiosi, perché casa nostra è una specie di comune. Però mia sorella Paloma, per esempio, avrebbe sempre voluto fare l’attrice, ma non ha mai potuto farlo perché è nata con una semi paralisi alla parte sinistra del corpo. Per lei sono un punto d’orgoglio ma anche motivo di tristezza. La sua vita si è saldata con la mia, è la mia stylist.Mia sorella Jasmine, invece,fa tutte le mie grafiche». Famiglia e carriera sono una cosa sola. «Il problema è che quando diventi adulto, come fai a liberarti di tutta questa storia familiare per ritrovare la leggerezza necessaria a creare? Cominci a cantare e a scrivere canzoni da bambino, lo hai fatto per tutta la vita, poi a un certo punto ti chiedi: perché?». Che risposta si è dato? «Sono andato al cimitero di Savannah e ho visto la parte della mia vita che non aveva niente a che vedere con mia madre, con la mia carriera, con laToyota Previa. Una via d’uscita finalmente. In albergo mi sono messo a scrivere Tiny Love, poi è arrivata la telefonata che ha cambiato tutto». Racconti. page-66 «È mio padre che dice: devi venire qui a Dubai, tua mamma sta molto male, ha un problema al cuore, deve fare un intervento e rischia la vita. Come una punizione, nel momento in cui tentavo di emanciparmi da mia madre e dalla mia famiglia, quella telefonata mi ha riportato a casa». Com’è andato l’intervento? «Così così. Sono due anni che ha gravi complicazioni, fa avanti e indietro dall’ospedale, in Francia. Paloma e io ci occupiamo di lei». Ha messo tutte queste esperienze nel nuovo album? «Se la vita ti lancia una sfida del genere, mi sono detto, alza la temperatura, offri il tuo cuore, scrivi melodie. Non significa fare canzoni lacrimevoli, come se piangessi sul divano di un programma tv di merda della domenica pomeriggio. Queste nuove canzoni hanno colori forti e un messaggio intimo». In Tiny Love Reprise cantano anche sua mamma e sua sorella Paloma. «È un messaggio verso il futuro: facciamo pace con il passato, anche con la paura. Questa è la vita e noi abbiamo il nostro tiny love, il nostro amore piccolo piccolo». In mezzo a questi scossoni ha smesso di fare tv. «È stata una mia scelta». Perché ha voluto prendere le distanze? «Perché la tv non mi appartiene. La tv non è arte in sé, devi sempre pensare a quel che farai dopo, e soprattutto dopo un po’ non puoi essere più te stesso, reciti un personaggio, sei solo un meccanismo dello show». È pentito? «No. Sono anche contento di tante cose – per esempio, aver fatto certi discorsi politici in prime time alla Rai. Ma non rifarei più né X Factor né Stasera Casa Mika.Basta.Basta avere persone che ti dicono cosa puoi fare e cosa non puoi fare. Basta a quelli che ti dicono di sì, ma poi ti ostacolano togliendoti il budget». La tv le ha fatto male? «La tv può interferire con la musica, ma dipende poi da cosa fai dopo. La prova sono i biglietti dei concerti: le persone ti possono amare in tv, ma se poi non gli piace la tua musica non compra i biglietti». Ma non ha mai avuto la sensazione di essere identificato più come personaggio televisivo che come musicista? «A me è andata bene, ma il rischio c’è. Per questo ho deciso di concentrarmi solo sulla musica». In questo album si parla di sesso e sensualità, a partire dal singolo Ice Cream, una canzone piena di allusioni. «Il pop è stato desessualizzato, ma se alla musica togli il sesso che cosa resta? Penso a Prince, George Michael, Michael Hutchence, David Bowie. Perché non parlare di sesso, quando è sempre lì ed è molto divertente?». Lei è fidanzato con Andreas da 12 anni. Crede alla monogamia? «Ci credo perché sono un bastardo geloso. Ma è solo una scelta personale, non è una presa di posizione moralista». Sei anni fa disse a Vanity Fair che volevate tanti figli. Non ne avete avuto neanche uno. «Sarebbe un gesto egoista, oggi, avere un figlio, non potrei dedicarmici al massimo». Come pensa di averli? «Tutte le opzioni sono buone: adozione o madre surrogata. E lo dico subito:difendo la surrogazione ed è assurda l’idea che sia una pratica sporca abusata dagli omosessuali.Cisono tante coppie etero che fanno ricorso a questo metodo». È un tema controverso, ci sono da considerare i legami biologici, per esempio. «Conosco una coppia che ha avuto un figlio da una madre surrogata: è una donna felice di averli aiutati e fa parte della vita del bambino. Bisogna vedere caso per caso, non si può generalizzare. Di certo va combattuto il mercato che si page-68 è creato in certi Paesi, dove i figli sono compravendite. Oggi, dicevo, non me la sento di diventare padre, vedo l’impegno che richiede Beau Regard, mio nipote di cinque anni, il figlio di Paloma». A lei ha dedicato una canzone dell’album. «È rimasta scioccata quando l’ha sentita, ma per me non è pornografia emotiva. È un modo per affrontare il trauma». Non ne ha mai parlato. «Ne parlo adesso. Nove anni fa, Paloma fumava alla finestra, ma siccome non ha molto equilibrio per via della semi paralisi, è caduta giù dal quarto piano, e cadendo è rimasta infilzata in una cancellata». Lei era lì? «Mi hanno chiamato, ero l’unico familiare a Londra. Entro nell’ambulanza, mi dicono: vada a salutare sua sorella, morirà, non c’è niente da fare. Mi avvicino, era una scena terribile. Le dico: ciao Paloma. E lei: puoi dire a questi stronzi di lasciarmi in pace, visto che devo alzarmi? Così guardo la dottoressa: mi scusi, ma questa non muore. E sono tornato nell’ambulanza, mentre cominciavano a segare il cancello, visto che non potevano semplicemente sfilarla,l’hanno portata via ancora con le aste che le trafiggevano il corpo». Che cosa pensava mentre era lì con lei? «Cose pratiche. Dovevo avvertire i miei familiari sparsi per il mondo.I nostri genitori erano in Bahrein, quando mio padre ha risposto – era il giorno del suo compleanno – pensava che fossi andato a trovarlo a sorpresa». L’incidente ha legato di più lei e Paloma? «No, al contrario: ci ha allontanati. Ma è normale, è una questione di sopravvivenza, bisogna mettere un po’ di distanza per attraversare l’esperienza e bisogna farlo da soli. Col tempo poi ci si riavvicina». Ha cominciato questo album con una ricerca sulla sua identità. Ora che il disco esce, a che punto è del percorso? «Ho iniziato con l’idea che il personaggio di Mika,la mia musica erano stati presi da me contro la mia volontà. Poi ho capito che non era vero, che non è stata tutta una costruzione di mia madre, l’ho voluto io. Ho fatto pace con gli ultimi 12 anni. Perché l’unico modo che conosco per vivere ed esprimermi è creare musica, scrivere, esibirmi. Senza questo non esisto» Sono contento dei programmi che ho fatto, ma ho capito che la tv non mi appartiene, non voglio più essere un ingranaggio dello show Tempo di lettura: 12 minuti In questa pagina, da sinistra: completo tartan, VIVIENNE WESTWOOD. Camicia, COMEFORBREAKFAST. Sneakers, LANVIN. Camicia di seta, pantaloni e scarpe, tutto LOUIS VUITTON. Pagg. 58-59: abito gessato, DIOR. Stivali, HERMÈS. Pagg. 60-61 e 64: blazer e camicia, BERLUTI. Stivaletti, EMPORIO ARMANI. Pantaloni, vintage. Pag. 63: completo, JACQUEMUS. Pag. 66: Camicia di seta, pantaloni e scarpe, tutto LOUIS VUITTON. Talent stylist Paloma Penniman. Ha collaborato Giada Zappa. Grooming Anna Maria Negri@W-MManagement usingWomo/Bullfrog. Hair Geraldine Fougerat Gay using Ever Bio Cosmetics, Huile de graine de figue de barbarie. Set Designer Charlotte Mello Teggia. Si ringrazia Pier Bragotto.
  15. Vanity Fair Italia N.38 – 25 Settembre 2019 JPG files of Mika PDF file ( 12 pages / 2.7MB ) Vanity Fair Italia N.38 – 25 Settembre 2019.pdf