Recommended Posts

Nothing new, but Friday morning 20 NOV

on SKY Arte they're rerunning:

 

H. 03:30 Ritratti - Mika - Interview/Doc (Rerun Friday 11 DEC 07:00 am)

H. 03:55 Mika - Live at Olympia (Rerun  11 DEC 07:30 am)

H. 05:00 Mika - Live at Parc des Princes (Rerun Friday 27 NOV 0:00)

 

http://guidatv.sky.it/guidatv/canale/sky-arte-hd.shtml

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

This week Mika is on the italian magazine "Chi" for the new video "Beautiful Disaster"

 

post-18139-0-60566200-1447855198.jpg

post-18139-0-68748000-1447855200.jpg

 

post-18139-0-61048600-1447855204.jpg

 

post-18139-0-41253700-1447855207.jpg

 

Pics:

 

post-18139-0-33817500-1447855297.jpg

 

post-18139-0-80833400-1447855297.jpg

 

 

 

post-18139-0-23840900-1447855298.jpg

 

post-18139-0-19906300-1447855296.jpg

 

post-18139-0-79313700-1447855290.jpg

 

post-18139-0-96273300-1447855289.jpg

Thanks for sharing :)

 

Fedez,as usual, tells some lies (about Beautiful Disaster and his troubles), when it's convenient for him, but let's hope the video is good, I'm curious to see it :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nothing new, but Friday morning 20 NOV

on SKY Arte they're rerunning:

 

H. 03:30 Ritratti - Mika - Interview/Doc (Rerun Friday 11 DEC 07:00 am)

H. 03:55 Mika - Live at Olympia (Rerun  11 DEC 07:30 am)

H. 05:00 Mika - Live at Parc des Princes (Rerun Friday 27 NOV 0:00)

 

http://guidatv.sky.it/guidatv/canale/sky-arte-hd.shtml

 

Thanks a lot for posting Marina.

Do you know something about  "Ritratti - Mika - Interview/Doc" ?

Should I capture-recording this interview... ? ( 3:30 is 11:30AM in Japan )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thanks for sharing :)

 

Fedez,as usual, tells some lies (about Beautiful Disaster and his troubles), when it's convenient for him, but let's hope the video is good, I'm curious to see it :)

 

 Lies? what lies? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thanks a lot for posting Marina.

Do you know something about  "Ritratti - Mika - Interview/Doc" ?

Should I capture-recording this interview... ? ( 3:30 is 11:30AM in Japan )

Thank you, but I don't think it's necessary.

It's a repeat, it must be this interview from 2013:

http://www.mikafanclub.com/topic/30953-video-interview-in-italian-uno-in-musica-mika-skyuno-nov-16-2013/

 

http://guidatv.sky.it/guidatv/programma/mondoetendenze/arteecultura/ritratti-mika_411878.shtml?eventid=80134591

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Lies? what lies? 

 

In this interview, in particular, he said it was Mika to ask him to do a duet with him, but here:

 

 

Mika said that Fedez asked him if he was interested in doing a duet with him, and then Mika made him listen to the piano and vocals of this song that he and Skyler Stonestreet had begun, but that he didn't know how to put it in the context of NPIH.

About his troubles, they weresn't just on his declarations about "No Expo", I had already explained them here: http://www.mikafanclub.com/topic/26273-mika-in-italian-press-2010-2015/page-56#entry4015563

 

" The brat Fedez.  As there was/there is a “case Morgan”, there was/is also a “case Fedez”, happened just a few days before the press conference and a journalist asked Mika his opinion about it:

 

http://milano.repubb...552/?refresh_ce

 

Summarizing briefly: At 5.30, Fedez, while he was with his girlfriend and some friends, was approached by a group of guys in the luxurious restaurant with disco 'Just Cavalli' for a selfie. But he refused, apparently in a bad way, and it has led to a discussion that has degenerated when the rapper launched a bottle against a glass plate. A piece of glass hit in the head a girl who was accompanied in not serious conditions to the hospital Fatebenefratelli. Upon arrival of the police, then, the rapper would also railed against the agents, and this cost him a charge for insulting a public official.

And he was later sued by the injured girl and another guy, who said he was insulted by him. Obviously Fedez and his lawyers have denied this official version by the police, drawn up after collecting the testimonies, all agreed on what had happened, of clients and staff of the 'Just Cavalli'.  "

 

But often he says many bulls***s in interviews, on socials, etc., and not from now. Like, for example, when in the interview on "Oggi", he said he was the only one of the judges of XF to not have an author (or authors), when he himself has admitted it in interviews of the last year, the author said it, declaring on his CV, and there are many articles that say the same thing, and just about everybody knows of this author who writes everything he says on the show, since the auditions, and also collaborates to write his songs and his political discourses in his concerts. He's just made in that way, at least in his job, when it's convenient for him. He's young, ambitious and has to manage his great success, so sometimes he exaggerates the things. Just this. 

Edited by charlie20
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

In this interview, in particular, he said it was Mika to ask him to do a duet with him, but here:

 

 

Mika said that Fedez asked him if he was interested in doing a duet with him, and then Mika made him listen to the piano and vocals of this song that he and Skyler Stonestreet had begun, but that he didn't know how to put it in the context of NPIH.

About his troubles, they weresn't just on his declarations about "No Expo", I had already explained them here: http://www.mikafanclub.com/topic/26273-mika-in-italian-press-2010-2015/page-56#entry4015563

 

" The brat Fedez.  As there was/there is a “case Morgan”, there was/is also a “case Fedez”, happened just a few days before the press conference and a journalist asked Mika his opinion about it:

 

http://milano.repubb...552/?refresh_ce

 

Summarizing briefly: At 5.30, Fedez, while he was with his girlfriend and some friends, was approached by a group of guys in the luxurious restaurant with disco 'Just Cavalli' for a selfie. But he refused, apparently in a bad way, and it has led to a discussion that has degenerated when the rapper launched a bottle against a glass plate. A piece of glass hit in the head a girl who was accompanied in not serious conditions to the hospital Fatebenefratelli. Upon arrival of the police, then, the rapper would also railed against the agents, and this cost him a charge for insulting a public official.

And he was later sued by the injured girl and another guy, who said he was insulted by him. Obviously Fedez and his lawyers have denied this official version by the police, drawn up after collecting the testimonies, all agreed on what had happened, of clients and staff of the 'Just Cavalli'.  "

 

But often he says many bulls***s in interviews, on socials, etc., and not from now. Like, for example, when in the interview on "Oggi", he said he was the only one of the judges of XF to not have an author (or authors), when he himself has admitted it in interviews of the last year, the author said it, declaring on his CV, and there are many articles that say the same thing, and just about everybody knows of this author who writes everything he says on the show, since the auditions, and also collaborates to write his songs and his political discourses in his concerts. He's just made in that way, at least in his job, when it's convenient for him. He's young, ambitious and has to manage his great success, so sometimes he exaggerates the things. Just this. 

 

Thanks for the explanation.  :flowers2:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

MIKA's gig in Como will be broadcasted on Friday 27 november, Skyuno h. 605 pm Italian time : ) I hope that someone is able to record it.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

avatar_5690e9b40699_40.pngCover Media su Yahoo

https://it.celebrity.yahoo.com/post/133588639293/fedez-e-mika-coppia-inossidabile

Fedez e Mika: coppia inossidabile
Novembre 20, 2015

Fedez è tornato a parlare sul suo idilliaco rapporto con Mika, nato quest’anno sul banco della giuria di X Factor e proseguito anche fuori, con un’amicizia personale che è diventata sempre più stretta e ha dato origine a nuove collaborazioni musicali (vedi per esempio il nuovo singolo «Beautiful Disaster»).

 

«Ora ci divertiamo così tanto che, su Twitter, le parole “Mika e Fedez” diventano sempre trending topic. Ormai la gente pensa che siamo fidanzati. Non è vero, ma se continuano a pensarlo non è un problema», raccontava divertito qualche settimana fa il rapper, che ora è tornato a parlare del collega su Chi.

 

«Siamo diventati amici quest'anno. Durante la scorsa edizione di X Factor era alla seconda partecipazione, io all'esordio e mi sentivo un ospite. C'era anche molto nervosismo, dettato da altri fattori. Quest'anno, dopo la conferenza stampa, ero un po’ giù per via del caos legato a No Expo, e Mika si è avvicinato e mi ha detto “Stasera che ne dici se andiamo a bere una cosa insieme?”. Da quel momento è nata una vera amicizia».

 

Anche fuori dalle telecamere, assicura Fedez, è «uno spasso. Non è legnoso e non se la tira. È come lo vedete in televisione. Non è una persona che finge. Questa è la sua forza».

 

Non poteva infine mancare l’annuncio ironico: «Mika scherza e dice che ci sposeremo in gran segreto in un pub londinese a gennaio. Ridiamo, fa parte del gioco».

Cover Media

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

COME PESCI SUGLI ALBERI

http://www.comepescisuglialberi.it/

 

21 novembre 2015 
Miroglio Fashion, via Santa Barbara, 11 
Alba
dalle 8:30 alle 18:30

23228970035_03b009b2be_o.jpg

 

 

 

VIDEO interview COME PESCI SUGLI ALBERI

the video is very long ( 9:35h)

It's edited a part of Mika.

 

VK 2015.11.21 Mika interview COME PESCI SUGLI ALBERI

 

 

 

Mika talking about him being dyslexic and how he did find his way nonetheless. It's a very important and beautiful message!

 

:italia::uk:Videomessage at dyslexia conference

 

 

 


 

La Stampa

http://www.lastampa.it/2015/11/23/multimedia/edizioni/cuneo/mika-parla-di-dislessia-la-normalit-unillusione-totale-43yzxInC57t0fYqc0Xa3ON/pagina.html

 

23/11/2015 - VIDEO
Mika: “Io come un pesce sugli alberi, così ho affrontato la mia dislessia”

 

ROBERTO FIORI

 

ALBA

«Per tanti anni, quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, senza rendermi conto che invece ero solo come un pesce su un albero. La normalità non esiste, è un’illusione totale”. La popstar Mika parla di come ha affrontato e superato il problema della dislessia. La video-testimonianza è stata trasmessa ad Alba, durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato «Come pesci sugli alberi» che ha ospitato anche interventi di Giovanni Soldini, Alessandro Baricco, Giacomo Stella e Camillo Bortolato. «A scuola - prosegue Mika - ho avuto molti problemi: non ero in grado di scrivere e di leggere. Poi, con la forza della musica e di una persona speciale come mia madre, sono riuscito a sviluppare una versione diversa dell’intelligenza e a trovare la chiave per avere una vita normale e per sistemare tutte le altre parti della mia esistenza. Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione».

 

 

 

Corriere della Sera

http://video.corriere.it/mika-io-dislessico-ero-come-pesce-un-albero/907f0fc4-91ee-11e5-98d3-3899a469cdf7

Cultura

mika-kwze--656x492corriere-web-sezioni_1

Mika: «Io dislessico, ero come un pesce su un albero»

 

Mika: «Io dislessico, ero come un pesce su un albero»
Il cantante ha parlato del suo disagio - Video trasmesso durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato «Come pesci sugli alberi» /Corriere TV
 

Il cantante inglese Mika ha parlato di come ha vinto il problema in un video trasmesso ad Alba in Piemonte, durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato

«Come pesci sugli alberi».

«Quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, non sapevo né leggere né scrivere. Ero come un pesce su un albero». Mika ha spiegato come ha superato il problema:

«Con la forza della musica e di una persona speciale come mia madre, sono riuscito a sviluppare una versione diversa dell’intelligenza e a trovare la chiave per avere una vita normale e per sistemare tutte le altre parti della mia esistenza». Infine il messaggio di speranza rivolto a chi soffre per questo problema:

«Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione».

 

 

Repubblica

http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/mika-come-pesce-su-un-albero-cosi-ho-sconfitto-la-dislessia/219507/218708

 

23 novembre 2015 Mika "come pesce su un albero": così ho "sconfitto" la dislessia

"L'idea della normalita è un'illusione: non esiste, esiste l'essere come si è, che è una cosa molto speciale". Con un videomessaggio Mika è intervenuto al convegno "Come pesci sugli alberi" che si è tenuto ad Alba su un argomento piuttosto diffuso ma altrettanto delicato: la dislessia. La popstar ha raccontato la sua esperienza e ha voluto dare fiducia a chi come lui sta provando a convivere con questo "fastidio": "Dobbiamo sviluppare e difendere la nostra individualità e rispettare quella degli altri. Io, all'età di sette anni, ho avuto parecchi problemi a scuola a causa di questo disturbo: mi hanno cacciato e io ho completamente dimenticato come si leggeva e come si scriveva. Ma con la musica e con la forza di una persona speciale, mia madre, ho potuto sviluppare la mia testa, e una versione diversa dell'intelligenza, per trovare la chiave per avere una vita normale. Un tempo pensavo che non sarei riuscito a scrivere nemmeno una lettera: adesso sto preparando un libro. Questo vuole essere un messaggio di coraggio per le tante persone che hanno questo problema, e anche per tutte le persone che gli sono vicine, perché il loro aiuto è fondamentale"
(a cura di Nicola Perilli)

 

 

 

Leonardo.it

24 Novembre 2015

 

Mika: la dislessia si può affrontare

 

Mika si è raccontato a cuore aperto e ha parlato del disturbo con cui convive da tutta la sua vita: la dislessia. Il cantante, nonché giudice di X Factor Italia, è intervenuto al convegno “Come pesci sugli alberi” e ha affrontato l’argomento utilizzando parole che possono regalare speranza a tutti quelli che si trovano nella sua situazione.

Mika ha parlato della dislessia in un video che è stato trasmesso al convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio che si è tenuto ad Alba, comune piemontese in provincia di Cuneo.

Nel video, Mika ha dichiarato: “Quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, non sapevo né leggere né scrivere. Ero come un pesce su un albero”, richiamando proprio il titolo del convegno, “Come pesci sugli alberi”.

Mika ha quindi raccontato: “Ci sono state tante cose che hanno cambiato la mia idea su me stesso. Pensavo fosse colpa mia, ma in realtà era colpa dell’ambiente che mi circondava. L’idea della normalità è un’illusione totale, non esiste. C’è solo l’individualismo, una cosa speciale che dobbiamo difendere quando la vediamo negli altri, svilupparla e difenderla dentro di noi”.

Il giudice di X Factor ha poi parlato dei suoi problemi scolastici: “Mi hanno buttato fuori da scuola. Ho completamente dimenticato come leggere e scrivere, anche come leggere la musica. Anche ora non riesco a leggere la musica, mentre prima potevo farlo perfettamente. Per tanti anni non ho scritto, facevo tutto con le mie orecchie”.

Mika ha poi spiegato di come la musica l’abbia aiutato molto ad affrontare e a superare il disturbo della dislessia: “Grazie alla musica e anche alla forza di una persona molto speciale che è mia madre, ho potuto sviluppare la mia testa e una versione diversa d’intelligenza. Ho trovato la chiave per una vita normale e ho così potuto sistemare tutte le altre parti della mia vita. A un certo punto non riuscivo neanche a immaginare di scrivere una lettera, adesso sto preparando un libro”.

Il cantante libanese naturalizzato britannico ha quindi voluto esortare tutte le persone che soffrono della stessa condizione: “Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione”.

 

 

Edited by mari62
adding YouTube with subtitles link.
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

COME PESCI SUGLI ALBERI

http://www.comepescisuglialberi.it/

 

21 novembre 2015 

Miroglio Fashion, via Santa Barbara, 11 

Alba

dalle 8:30 alle 18:30

 

Scarica il programma

 

23228970035_03b009b2be_o.jpg

 

 

 

VIDEO interview COME PESCI SUGLI ALBERI

the video is very long ( 9:35h)

It's edited a part of Mika.

 

VK 2015.11.21 Mika interview COME PESCI SUGLI ALBERI

 

https://www.youtube.com/watch?v=TSZ1gGvd5Uk&feature=youtu.be

I'm very happy that this Mika's video was transmitted during Come Pesci Sugli Alberi in my city! :)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Stampa

http://www.lastampa.it/2015/11/23/multimedia/edizioni/cuneo/mika-parla-di-dislessia-la-normalit-unillusione-totale-43yzxInC57t0fYqc0Xa3ON/pagina.html

 

23/11/2015 - VIDEO
Mika: “Io come un pesce sugli alberi, così ho affrontato la mia dislessia”

 

ROBERTO FIORI

 

ALBA

«Per tanti anni, quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, senza rendermi conto che invece ero solo come un pesce su un albero. La normalità non esiste, è un’illusione totale”. La popstar Mika parla di come ha affrontato e superato il problema della dislessia. La video-testimonianza è stata trasmessa ad Alba, durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato «Come pesci sugli alberi» che ha ospitato anche interventi di Giovanni Soldini, Alessandro Baricco, Giacomo Stella e Camillo Bortolato. «A scuola - prosegue Mika - ho avuto molti problemi: non ero in grado di scrivere e di leggere. Poi, con la forza della musica e di una persona speciale come mia madre, sono riuscito a sviluppare una versione diversa dell’intelligenza e a trovare la chiave per avere una vita normale e per sistemare tutte le altre parti della mia esistenza. Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione».

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Corriere della Sera

http://video.corriere.it/mika-io-dislessico-ero-come-pesce-un-albero/907f0fc4-91ee-11e5-98d3-3899a469cdf7

Cultura

mika-kwze--656x492corriere-web-sezioni_1

Mika: «Io dislessico, ero come un pesce su un albero»

 

Mika: «Io dislessico, ero come un pesce su un albero»
Il cantante ha parlato del suo disagio - Video trasmesso durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato «Come pesci sugli alberi» /Corriere TV
 

Il cantante inglese Mika ha parlato di come ha vinto il problema in un video trasmesso ad Alba in Piemonte, durante il convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio e intitolato

«Come pesci sugli alberi».

«Quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, non sapevo né leggere né scrivere. Ero come un pesce su un albero». Mika ha spiegato come ha superato il problema:

«Con la forza della musica e di una persona speciale come mia madre, sono riuscito a sviluppare una versione diversa dell’intelligenza e a trovare la chiave per avere una vita normale e per sistemare tutte le altre parti della mia esistenza». Infine il messaggio di speranza rivolto a chi soffre per questo problema:

«Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione».

Edited by Kumazzz
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Repubblica

http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/mika-come-pesce-su-un-albero-cosi-ho-sconfitto-la-dislessia/219507/218708

 

23 novembre 2015 Mika "come pesce su un albero": così ho "sconfitto" la dislessia

"L'idea della normalita è un'illusione: non esiste, esiste l'essere come si è, che è una cosa molto speciale". Con un videomessaggio Mika è intervenuto al convegno "Come pesci sugli alberi" che si è tenuto ad Alba su un argomento piuttosto diffuso ma altrettanto delicato: la dislessia. La popstar ha raccontato la sua esperienza e ha voluto dare fiducia a chi come lui sta provando a convivere con questo "fastidio": "Dobbiamo sviluppare e difendere la nostra individualità e rispettare quella degli altri. Io, all'età di sette anni, ho avuto parecchi problemi a scuola a causa di questo disturbo: mi hanno cacciato e io ho completamente dimenticato come si leggeva e come si scriveva. Ma con la musica e con la forza di una persona speciale, mia madre, ho potuto sviluppare la mia testa, e una versione diversa dell'intelligenza, per trovare la chiave per avere una vita normale. Un tempo pensavo che non sarei riuscito a scrivere nemmeno una lettera: adesso sto preparando un libro. Questo vuole essere un messaggio di coraggio per le tante persone che hanno questo problema, e anche per tutte le persone che gli sono vicine, perché il loro aiuto è fondamentale"
(a cura di Nicola Perilli)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leonardo.it

24 Novembre 2015

 

Mika: la dislessia si può affrontare

 

Mika si è raccontato a cuore aperto e ha parlato del disturbo con cui convive da tutta la sua vita: la dislessia. Il cantante, nonché giudice di X Factor Italia, è intervenuto al convegno “Come pesci sugli alberi” e ha affrontato l’argomento utilizzando parole che possono regalare speranza a tutti quelli che si trovano nella sua situazione.

Mika ha parlato della dislessia in un video che è stato trasmesso al convegno sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento organizzato dalla Fondazione Miroglio che si è tenuto ad Alba, comune piemontese in provincia di Cuneo.

Nel video, Mika ha dichiarato: “Quand’ero piccolo, ho pensato di essere stupido, non sapevo né leggere né scrivere. Ero come un pesce su un albero”, richiamando proprio il titolo del convegno, “Come pesci sugli alberi”.

Mika ha quindi raccontato: “Ci sono state tante cose che hanno cambiato la mia idea su me stesso. Pensavo fosse colpa mia, ma in realtà era colpa dell’ambiente che mi circondava. L’idea della normalità è un’illusione totale, non esiste. C’è solo l’individualismo, una cosa speciale che dobbiamo difendere quando la vediamo negli altri, svilupparla e difenderla dentro di noi”.

Il giudice di X Factor ha poi parlato dei suoi problemi scolastici: “Mi hanno buttato fuori da scuola. Ho completamente dimenticato come leggere e scrivere, anche come leggere la musica. Anche ora non riesco a leggere la musica, mentre prima potevo farlo perfettamente. Per tanti anni non ho scritto, facevo tutto con le mie orecchie”.

Mika ha poi spiegato di come la musica l’abbia aiutato molto ad affrontare e a superare il disturbo della dislessia: “Grazie alla musica e anche alla forza di una persona molto speciale che è mia madre, ho potuto sviluppare la mia testa e una versione diversa d’intelligenza. Ho trovato la chiave per una vita normale e ho così potuto sistemare tutte le altre parti della mia vita. A un certo punto non riuscivo neanche a immaginare di scrivere una lettera, adesso sto preparando un libro”.

Il cantante libanese naturalizzato britannico ha quindi voluto esortare tutte le persone che soffrono della stessa condizione: “Coraggio! La dislessia si può affrontare, c’è sempre una soluzione”.

 

Edited by Kumazzz
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

This week Mika is on the italian magazine "Chi" for the new video "Beautiful Disaster"

 

 

post-18139-0-68748000-1447855200.jpg

 

 

 

 

 

post-18139-0-19906300-1447855296.jpg

 

 

 

 

 

 

Can someone translate what the Chi article says about the video, like do they talk about the concept or where it's filmed?

 

 

These photos exactly sum up what i imagined a video starring Mika and Fedez would be like: Fedez in the background looking angry and tough and Mika dancing and doing arm movements and looking gorgeous  :teehee:

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Can someone translate what the Chi article says about the video, like do they talk about the concept or where it's filmed?

 

Mika ha lasciato carta bianca a Fedez nella scrittura del video.
"Il video è di rottura. Immaginiamo la fine del mondo, un "bellissimo disastro", attraverso scene forti, dure. Io e Mika non siamo i veri protagonisti, ma gli interpreti del video vivranno le situazioni che abbiamo scritto. Situazioni che si svolgono in più parti d'Italia dove i personaggi assistono alla fine del mondo e, infine, alla visione di un panorama bellissimo. La visione è un messaggio di speranza"
 
Mika gave carte blanche to Fedez in writing the video.
"It's a break video. We imagine the end of the world, a" beautiful disaster ", through strong/intense and harsh scenes, . Mika and I aren't the real protagonists,, but the interpreters of the video will live the situations that we wrote. Situations that are held/take place in several parts of Italy where the characters attend the end of the world and, ultimately, to the vision of a beautiful landscape. The vision is a message of hope "
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'intervista INTEGRALE a Mika sul suo nuovo live in tv, l'Italia, X Factor e Parigi:

 

http://www.sorrisi.com/musica/mika-sinfonia-pop-concerto-como-sky-x-factor-parigi/

 

 

Mika porta la sua «Sinfonia pop» su Sky

 

Nell'intervista integrale il cantante racconta il suo nuovo live con l'orchestra registrato a Como, il rapporto con i ragazzi di «X Factor» e con l'Italia, e la sua reazione ai terribili attentati che hanno colpito Parigi

 

 

MIKA_7050_alta-1150x748.jpg

 

 

27 Novembre 2015 | 11:10 di Francesco Chignola

 

Erano solo 600 i fortunati spettatori del concerto-evento che Mika ha tenuto a Como lo scorso 24 ottobre: i biglietti erano andati esauriti in pochi minuti. Per tutti gli altri, l’appuntamento è in tv a partire dal 27 novembre, quando Sky comincia a trasmettere il live in cui il cantante reinventa il suo repertorio accompagnato dall’Orchestra Sinfonica Affinis Consort diretta da Simon Leclerc.

 

Com’è nata l’idea di fare un concerto con un’orchestra?
«Stavo facendo il mio tour acustico nel mondo, due anni fa. Ero a Montréal, stavo per andare a New York. Una mia amica giornalista molto nota in Quebec,  Olivia Levy, tra un bicchiere di vino e l’altro mi guarda e mi fa: “È stato bello, ma io voglio vederti con un’orchestra, non solo con un piano!”. Due settimane dopo aveva organizzato tutto. Poi per un anno ho lavorato sugli arrangiamenti. Il successo a Montréal è stato pazzesco, infatti ho scelto di mettere quel concerto nell'edizione speciale del mio album “No place in heaven”».

 

E poi hai portato il concerto in Italia. Come mai proprio al Teatro Sociale di Como?
«Volevo un teatro rosso e dorato. Quando avevo 9 anni sono uscito per la prima volta su un palco, era una prova tecnica di un’opera di Strauss, “La donna senza ombra”, con una messa in scena di John Hockney. Era la mia prima esperienza musicale professionale ed ero sul palco della Royal Opera House: da quel momento ho saputo che cosa volevo fare nella vita. Jean Cocteau lo chiamava “il virus del rosso e dell’oro”. Io ce l'ho, e non c’è nessun antidoto».

 

Ti sei divertito a fare questo concerto in Italia?
«È stato differente. In Nord America c’era un sound più cinematografico, con timbri che si rifacevano al mondo del grande schermo. In Italia le sonorità sono più dettagliate, i movimenti sono più eleganti. È più classico. A Como logisticamente è stato un incubo, perché non potevo entrare o uscire dal Teatro: la gente bloccava gli ingressi. E i biglietti, poi! Li abbiamo venduti a soli 37 euro ma sono finiti in pochi minuti, e su Internet c’erano dei biglietti in vendita a 1700 euro. Che follia...».

 

Quali sono le immagini cinematografiche a cui ti sei ispirato per gli arrangiamenti?
«Per ogni canzone io ho scritto alcune frasi che erano come uno “storyboard”, come la descrizione di una scena cinematografica. Per esempio, volevo che “Toy Boy” sembrasse la colonna sonora di un film della Metro Goldwyn Mayer, mescolata a un’animazione della Warner Bros... il tutto in tre minuti. L’orchestra ti dà questa possibilità, quella di dipingere l’ambiente, di trasformarlo. È questa la magia dell’orchestra»

 

L’idea di poter chiudere gli occhi e «sentire» le immagini?
«Assolutamente, era proprio quella la mia intenzione. Non è mica un’ambizione strana o pomposa, con un’orchestra si può fare. La vibrazione che esce da un’orchestra è molto più potente di quella di una band amplificata».

 

Con l'Italia da qualche anno hai un rapporto particolare. Ti abbiamo adottato.
«Prima dell’Italia conoscevo soltanto i cliché, le cose più ovvie. Da alcuni anni invece ho potuto capire chi è veramente questa “persona” che si chiama Italia. Com’è la sera, com’è la mattina, com’è durante i momenti brutti e quelli belli. Sì, io penso che le culture siano come persone».

 

E che tipo di persona è l’Italia?
«È straordinaria, come nessun’altra al mondo. Purtroppo quando sono qui ci resto sempre per tre giorni e lavoro tutto il tempo, poi devo scappare per lavorare in qualche altro Paese. Non ho ancora avuto l’opportunità di godermi davvero l'Italia. Mi piacerebbe, una volta o l'altra, prendermi un po’ di tempo e conoscere meglio la sua “altra faccia”. Comunque a Milano vado anche a fare la spesa tutti i giorni... ogni volta in un posto diverso. L’unica cosa che non mi piace è che alcuni fruttivendoli sembrano dei negozi di gioielli. Che stupidaggine! Un carciofo non è un orologio!».

 

Ma quindi cosa fai a Milano quando non sei all’X Factor Arena?
«Compro cibo e lo mangio! (Ride) Scrivo, leggo, ascolto. Per me è importantissimo non fermarmi mai, sentire musica, vedere concerti, leggere libri. E poi sto sempre preparando qualcosa. Come il prossimo tour, che inizia a Seoul, poi vado in Giappone, in Cina… Sto sempre lavorando».

 

Porterai anche nel resto del mondo questo elemento orchestrale?
«Quello è più complicato perché costa una cifra enorme. Ma c’è già un progetto... entro un anno e mezzo lo rifaremo in un altro Paese europeo, che non è la Francia né l’Italia, con una delle più grandi orchestre europee. Sono molto soddisfatto. Ma è un evento che si comincia a organizzare almeno un anno e mezzo, due anni prima».

 

Andiamo verso la fine di quest’edizione di «X Factor». Quali sono le tue impressioni, rispetto a quello che ti aspettavi all’inizio?
«Penso che il livello sia stato molto alto in generale. Io quest’anno ho cercato di rischiare, non tanto con canzoni sconosciute quanto con canzoni che avessero melodia e calore. Forse ho dovuto subirne le conseguenze. Ma della percezione delle mie scelte non mi preoccupo nemmeno per un secondo, io sono un musicista, lo so che una canzone può essere più “cool” di un’altra, ma la verità è che non me ne frega niente di essere “cool”!»

 

Con i ragazzi come ti sei trovato?
«È più difficile lavorare con ragazzi così giovani. Sono emotivi, fragilissimi. Non puoi essere duro, devi essere costruttivo, in particolare con i maschi perché le loro voci si stanno ancora formando. È una vera sfida per me, ed è per questo che mi piace»

 

Con Fedez hai realizzato il singolo e il video di «Beautiful disaster». Com’è stato lavorare con lui anche fuori da «X Factor»?
«Ora che l’ho conosciuto meglio devo dire che lavora con un’efficacia e una professionalità impressionanti. È un grandissimo professionista. Io di video ne ho fatti tanti ma sono state le riprese più efficaci che ho mai fatto. Abbiamo finito in anticipo! Non mi era mai successo in tutta la mia vita. Ho bisogno di questo suo metodo, perché io sono un casinista».

 

Ma hai letto che Morgan potrebbe andare a «Ballando con le stelle»?
«“Dancing with the stars”? No! Davvero? Ma lui sarebbe fantastico, anche perché non credo che balli molto bene! Ma Morgan sarebbe fantastico in qualunque ruolo. Va bene, non sarà una persona semplice, non lo puoi controllare, ma è una persona così affascinante. Lo ripeto sempre: non siate negativi con lui, anche se l’anno scorso è stato un po’ difficile, perché lo spirito di questo programma si deve anche alla sua collaborazione»

 

Tu vivi tra l’Italia e la Francia e sei cresciuto a Parigi. Come hai vissuto le ore degli attentati del 13 novembre e i giorni successivi?
«Quella sera avrei dovuto cenare a pochi metri dal ristorante “La belle équipe”, dove ci sono stati 19 morti. Ho perso un aereo a causa del ritardo nelle riprese del “Daily” di “X Factor”, così ho cancellato la cena, sono arrivato più tardi. Ma molti miei amici erano al Bataclan. Il proprietario è stato il primo promoter della mia carriera, lo conosco da sempre. Quella sera sono rimaste uccise diverse persone che conoscevo, con cui ho lavorato. Il modo in cui hanno attaccato Parigi è stato diabolico. Sono stati dei giorni molto, molto difficili. Personalmente sono stato male anche perché a Parigi vivo in un appartamento vicino a dove sono cresciuto, e ho rivissuto le paure della mia infanzia, quando mio padre era un ostaggio durante la prima guerra del Golfo. C’è sempre stata la presenza della guerra nella mia vita. Noi siamo scappati dal Libano perché c’era la guerra, siamo stati salvati dalla Marina Militare Americana e a Parigi vivevamo in una comunità di migranti che avevano avuto la chance di scappare. Infatti la mia paura adesso è che la gente dia la colpa ai rifugiati. Ma la verità è che loro stanno scappando esattamente da questo. In questo periodo mi sento pessimista. Ci sarà la luce... c’è sempre la luce alla fine. Ma a quale prezzo?».

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tu vivi tra l’Italia e la Francia e sei cresciuto a Parigi. Come hai vissuto le ore degli attentati del 13 novembre e i giorni successivi?

«Quella sera avrei dovuto cenare a pochi metri dal ristorante “La belle équipe”, dove ci sono stati 19 morti. Ho perso un aereo a causa del ritardo nelle riprese del “Daily” di “X Factor”, così ho cancellato la cena, sono arrivato più tardi. Ma molti miei amici erano al Bataclan. Il proprietario è stato il primo promoter della mia carriera, lo conosco da sempre. Quella sera sono rimaste uccise diverse persone che conoscevo, con cui ho lavorato. Il modo in cui hanno attaccato Parigi è stato diabolico. Sono stati dei giorni molto, molto difficili. Personalmente sono stato male anche perché a Parigi vivo in un appartamento vicino a dove sono cresciuto, e ho rivissuto le paure della mia infanzia, quando mio padre era un ostaggio durante la prima guerra del Golfo. C’è sempre stata la presenza della guerra nella mia vita. Noi siamo scappati dal Libano perché c’era la guerra, siamo stati salvati dalla Marina Militare Americana e a Parigi vivevamo in una comunità di migranti che avevano avuto la chance di scappare. Infatti la mia paura adesso è che la gente dia la colpa ai rifugiati. Ma la verità è che loro stanno scappando esattamente da questo. In questo periodo mi sento pessimista. Ci sarà la luce... c’è sempre la luce alla fine. Ma a quale prezzo?».

:(

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now