Recommended Posts

Oh my God the words are so beautiful to read! Thanks for the writer, and thanks for the translation. It's purely amazing.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Did I do OK, then, Lucrezia? Let me know, please, if I got something wrong -- there were 1-2 places where I wasn't 100 percent sure. :teehee:

 

Ok let me check it with the original and if there's something, i'll let you know :)

 

EDIT: you could change interventions with participations and it's his not hers as the writer is talking about Mika. (It seems that there's a video of ASW with Mika) For the rest it's all good ^_^

Edited by Lucrezia

Share this post


Link to post
Share on other sites

:thumb_yello: Thank you SO much all, for sharing,  and translating,  this lovely interview! :wub: You did a great job here Deb - you presentation is very "tidy" - and easy to read, love it!  :wub:

 

Love,love

me 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Album review

 

OndaRock

http://www.ondarock.it/recensioni/2015_mika_noplaceinheaven.htm

 

No Place In Heaven

Probabilmente c’è chi non ce la fa più a ritrovarsi il faccino sorridente di Mika un po’ dovunque da un paio d’anni a questa parte, lasciandosi influenzare anche da quella che è stata ed è tuttora la sua esperienza come giudice di X-Factor Italia, ma non è questa la sede per parlare di talent show e simpatie personali.

Qui si parlerà solamente del suo ultimo album, “No Place In Heaven”, a partire dalla copertina coloratissima, com’è l’indole di Mika, e dai richiami vagamente futuristici di scritte e strutture architettoniche alle sue spalle.

La ricetta musicale è la solita che ha fatto la fortuna del cantautore anglo-libanese: pop scanzonato, allegro e vivace, con la differenza che in "No Place In Heaven" ritroviamo un Mika più smaliziato e, soprattutto, più intimista rispetto al passato, che pare accoglierci confidenzialmente nella sua vita, facendoci passeggiare tra ricordi più o meno dolorosi, miraggi di felicità e messaggi di speranza.
Entriamo così, con passo leggero, nel salotto ordinato di un ipotetico Mika mai esistito, se non negli auspici della madre: tappeto persiano, una bella moglie e lavoro rispettabile da giacca e cravatta (“All She Wants”).

L’atmosfera ruvida delle parole (“All she wants... is another son”) viene però smorzata dal ritmo goliardico del brano e dai coretti sixties, e l’insieme più di una volta riporta alla mente Rufus Wainwright.

In effetti i cori hanno ruolo preponderante in tutto il lavoro: si fanno corposi e robusti, ma anche ironici, in “Oh Girl You’re The Devil” e nell’ottima “Promiseland”, si vestono da musical in “Rio”, accompagnano senza sopraffare nella title track, e sono, infine, femminei e cristallini in “Good Guys”, probabilmente il pezzo dell’album che funziona meglio e rimane più impresso, grazie al disarmante candore che gli appartiene.
Partendo da un aforisma di Oscar Wilde (“Siamo tutti immersi nel fango... ma alcuni guardano le stelle”), si giunge a un delicato ringraziamento agli eroi della sua infanzia, quando il piccolo Michael sperava di poter avere, un giorno, la loro stessa audacia che aveva fatto luccicare i suoi occhi di bambino.
È grazie a un lavoro di chiaroscuri che emerge la silhouette di questo lavoro: perciò, oltre a canzoni più colorate ed eccentriche, si fanno spazio anche ballate talvolta appena accennate, che sembrano nascere nel momento stesso in cui le si ascolta, dal cuore di un pianoforte e timidi pensieri (“Hurts”, “Porcelain” e le emozionanti “Last Party” e “Ordinary Man”, quest’ultima vagamente eltonjohniana).

Si capisce, dunque, quanto “No Place In Heaven” sia un lavoro permeato da un senso di vulnerabilità ma al contempo di libertà, ossia quel binomio di sensazioni che si provano nel momento in cui ci si riesce ad aprire ed esprimersi in maniera totale. E qui Mika riesce a esprimersi eccome, cesellando quindici brani certamente pop e immediati ma anche ricercati, sia per ciò che concerne l’aspetto musicale, e in modo particolare gli arrangiamenti, sia per ciò che concerne i testi. E non ci fa mancare proprio niente: neanche una perfetta hit estiva, “Staring At The Sun”, e un paio di deliziosi episodi in francese, con “L’amour Fait Ce Qu’il Veut”, in cui si pone con allure da vero chansonnier pop, e “Boum Boum Boum”, contenuta solo nella versione francese di “No Place In Heaven”; qui il ritmo si fa più serrato e trascinante, avvicinandosi pericolosamente e a Stromae e a sonorità latine.

“No Place In Heaven” sfiora l’ascoltatore, lo trascina in una maestosa danza di luci, colori e vanesia leggiadria, ma gli impone anche imprescindibili, per quanto semplici, riflessioni dentro sé. L'album pop dell'estate è proprio lui.

(28/07/2015)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Today the whole italian Press is dedicated to Mika... every magazine has a column about him and his album.

 

Here are the scans:

 

La Gazzetta dello Sport  http://t.co/cHXsKFy4dL

 

attachicon.gifGDS20150611ds (Page 35).jpg

 

Il Giornale:

 

attachicon.gifgiornale20150611ds (Page 34).jpg

 

Il Corriere della Sera

 

attachicon.gifIl_Corriere_della_Sera_11_Giugno_2015 (Page 45).jpg

 

Leggo Milano

 

attachicon.gifLeggo.MILANO.11.06.2015 (Page 8).jpg

 

Metro Milano

 

attachicon.gifMetro.MILANO.11.06.2015 (Page 12).jpg

 

La Stampa http://t.co/4p96H4DpTc

 

attachicon.gifstampa20150611ds (Page 30).jpg

 

 

You are welcome! :)

I will do also the translation of the other articles as soon as I can.

 

Here is another translation:

 

 

 

post-18139-0-99467600-1434019373.jpg<<

 

 

IT’S A SIMPLE ALBUM; BUT WITH MANY INFLUENCES >>

 

<< MY LIVE WILL BE MORE A BALLET THAN A CONCERT >>

 

Mika come out of his shell

<<  I don’t hide myself anymore >>

 

No Place In Heaven arrives/comes out, between pop and will to talk about himself.

<< Enough with/No more metaphors to talk about sexuality, love, family >>

 

Michael Holbrook Penniman Jr., known professionally as Mika, is 31 years old. His first album, << Life in Cartoon Motion >>, was in 2007. << No Place In Heaven >> is the fourth (below, the cover). Its lead single, << Good Guys >>,   is already out in our Country

 

 

Mika and his fourth album resemble each other. The lanky young man who sports jacket and pants studded with monkeys - but then he speaks of Cesare Pavese, Futurism and wine - signs an album in which energy and romanticism support personal texts. The increasingly present Anglo-Lebanese X Factor judge summarizes: << I do television to record albums like this/in this way, a pop with personal content like in the 60s and 70s, non transparent like happen to listen to today. I draw my inspiration from Billy Joel, Elton John, Carole King, the golden age of pop >>.

 

SEASHELL (/SHELL) "No place in heaven" comes out on Monday: inside << many musical influences and a few ingredients for an album cleaner than the previous >> but also the will to overcome the << shame >>.

Of what? << To express (my) sexuality, to say that my heart is full or broken, to talk about my family. I don’t hide myself anymore behind metaphors, at age 31 I have to write something true >>. Not without melancholy, << but it's my way of handling complicated things >>. And here "All she wants", portrait of a mother who dreams of a son with a wife, children, family lunches (<< instead today my mother is like a “gypsy” to take care of my costumes >>) ; "Rio" (<< I've got holes in all my pockets / Even those holes, they've got pockets >>) ; "No Place In Heaven" (<< a hymn to freedom, I don’t know if I will have place in heaven: if there is, fine >> ) ; “Good Guys”,  celebration of << figures who changed the wind direction and the point is to ask whether there are still of them >>. Among others, the jazz musician Cole Porter and the genius Andy Warhol, gay, okay, but Mika doesn’t want to trivialize with the (sexual) coming-out. << What is it? To me it doesn’t seem so interesting. This album is a way out of the shell >>. which opens up also in a live with five Italian dates, including September 29 in Rome and September 30 in Florence (<< an handmade show, more ballet than concert, paper and not LED >>). Meanwhile, he’s writing a “book-intimate diary”, has been in a studio with Morgan (<< out of the talent show he’s a musician full of joy >>), “blesses” the brat Fedez (<< he’s under pressure >>), listens to Italian music: << I appreciate Jovanotti and Paolo Conte << but I dream to find out where is Mina >>. To do the detective, it’s better a suit/ outfit more sober.

 

Some explanations:

 

The context is obviously always the press conference of NPIH

 

Cesare Pavese was an Italian poet, novelist, literary critic and translator. He is widely considered among the major authors of the 20th century in Italy. P. played an essential role in the transition between the culture of the thirties and the new democratic culture of the postwar period. His participation to the present has always been tied to a deep sense of the contradiction between literature and political commitment, between individual existence and collective history, through a tormenting analysis of himself and relationships with others and a continuous struggle to build himself as man and as a writer.

 

https://en.wikipedia.org/wiki/Cesare_Pavese

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Pavese

 

CONCHIGLIA/GUSCIO = SEASHELL/SHELL  He said "shell" in English and he meant shell = guscio, but someone among the journalists suggested, incorrectly, in Italian the word “conchiglia = seashell”.

 

The brat Fedez.  As there was/there is a “case Morgan”, there was/is also a “case Fedez”, happened just a few days before the press conference and a journalist asked Mika his opinion about it:

 

http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/06/09/news/fedez-116431552/?refresh_ce

 

Summarizing briefly: At 5.30, Fedez, while he was with his girlfriend and some friends, was approached by a group of guys in the luxurious restaurant with disco 'Just Cavalli' for a selfie. But he refused, apparently in a bad way, and it has led to a discussion that has degenerated when the rapper launched a bottle against a glass plate. A piece of glass hit in the head a girl who was accompanied in not serious conditions to the hospital Fatebenefratelli. Upon arrival of the police, then, the rapper would also railed against the agents, and this cost him a charge for insulting a public official.

And he was later sued by the injured girl and another guy, who said he was insulted by him. Obviously Fedez and his lawyers have denied this official version by the police, drawn up after collecting the testimonies, all agreed on what had happened, of clients and staff of the 'Just Cavalli'.

 

<< but I dream to find out where is Mina >>. Mina is one of the most successful Italian singers of all time. She was a staple of Italian television variety shows and a dominant figure in Italian pop music from the mid-1960s to mid-1970s, known for her three-octave vocal range, the agility of her soprano voice, and her image as an emancipated woman. Mina gave up public appearances in 1978 but has continued to release popular albums on a yearly basis to the present day. She has never reappeared in public in person, but only virtually through videos.

 

https://en.wikipedia.org/wiki/Mina_(singer)

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Mina_(cantante)

Edited by charlie20
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

:thumb_yello: Grazie mille Lucrezia and Charlie - for finding and translating!!  :hug:  Blessed Italien press - to dedicate so much to MIKA and his alb.  :wub: I love it, and of course agree with him, what he says about the 60s and 70s: "the golden age of pop" :yes: YES, that's exactly what it was, I know it, because I was luckily young then, and could listen to music "day and night" - and got it all... :fisch:  :wub: Very happy if there will be more of these art. translated... :wink2:

 

Love,love

me 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interview

Donna Moderna

 

Mika: mia mamma preferirebbe che fossi etero

«Ecco perché lei, che è la mia prima fan, è orgogliosa di me solo al 90%». Ma sua madre non ha di che preoccuparsi. Il cantante le darà comunque i nipotini che desidera

http://www.donnamoderna.com/attualita/mika-intervista

 

Completo multicolor, sorriso da parata e italiano (quasi) perfetto, Mika inizia a parlare e non smette per un’ora abbondante. Sembra nervoso. Anzi, lo è di sicuro. «Tutte le volte che pubblico un disco mi ritrovo addosso un po’ di ansia e di malinconia: il mio lavoro diventa di tutti e mi chiedo come andrà a finire» confida il cantante libanese naturalizzato britannico, che sta portando in tour il suo quarto album No place in heaven.

 

Hai registrato il disco in Italia?

«No. Io e i miei musicisti abbiamo lavorato a Beverly Hills, in un bungalow degli anni ’50 che avevamo affittato da Orlando Bloom. Ho scoperto che il proprietario era lui solo in un secondo momento. All’inizio non capivo come mai si fermassero davanti all’ingresso di casa i bus dei turisti. “Eccolo! Salutate Mister Bloom” diceva la guida indicandomi».

 

Perché hai intitolato il disco Nessun posto in paradiso?

«Perché se c’è spazio in paradiso, bene. Se non c’è, va bene lo stesso. L’importante è essere se stessi fino in fondo».

Credi in Dio? «Sì, ma non credo nella religione. Il mio è un Dio tollerante e accogliente. Comunque, sono nato e cresciuto come cattolico greco-melchita, cioè di rito bizantino» (la sua Chiesa è guidata dal patriarca di Antiochia, città turca che era un’antica sede apostolica. E obbedisce al Papa, ndr).

 

Questo è un album più intimo degli altri, vero?

«Sì, anche se non è stato facile inciderlo. Ho cercato di superare la mia riservatezza al limite del paranoico. Canto la libertà e la fatica di entrare nel mondo degli adulti: la persona che vogliamo diventare è sempre più interessante, e distante, di quella che siamo. Detto questo, anche rispetto al mio essere gay (Mika è fidanzato da 8 anni con il regista di documentari Andreas Dermanis, ndr), non mi pongo come un modello per gli altri: è una cosa che non mi interessa, e mi spaventa pure. Scrivo per me, per gestire nel miglior modo possibile la mia vita».

 

Quattro brani sono in francese, ma nessuno in italiano, che ormai è quasi la tua seconda lingua: per quale motivo?

«Senza il francese, che parlo fin da bambino, non so come avrei potuto imparare così velocemente l’italiano. Resta il fatto che non riesco ancora a cantarlo bene. Anche quando ho inciso Stardust con Chiara Galiazzo ho faticato molto con la pronuncia: cantavo, facevo ascoltare la registrazione e mi correggevano sempre».

 

In che misura questo disco è stato influenzato dalle tue esperienze in Italia?

«La risposta è semplice: tanto. Vivo qui da quando ho iniziato a lavorare come giudice a X Factor nel 2013. L’Italia mi ha aperto la mente. L’aspetto latino della vita mi ha conquistato. La vostra musica, il vino, la cultura, Federico Fellini, Cesare Pavese... Adoro le colline piemontesi delle Langhe».

 

In autunno pubblicherai anche un libro, intitolato Diario di un ottimista accidentale (Rizzoli).

«È una raccolta di piccoli racconti di vita seri, curiosi, divertenti».

 

Hai più sentito Morgan da quando ha lasciato X Factor? «Sì, siamo stati in uno studio di registrazione e lì ho finalmente visto l’artista che gioca con gli strumenti con gioia, senza nervosismi. Nel contesto e con la pressione di X Factor è tutto diverso. Con Morgan mi piacerebbe creare qualche canzone bella e intensa, diversa dal solito. Prima o poi ci riusciremo».

 

Frequenti Fedez?

«La sua vita ora è impegnata e complicata, forse un po’ troppo, e questo provoca situazioni difficili da gestire. Vuole fare tante cose: quando parla di musica, di politica o di cibo, però, unisce sempre passione e ambizione» (nella nuova edizione di X Factor, al via a settembre, i giurati saranno Mika, Elio, Fedez e la new entry Skin, cantante del gruppo degli Skunk Anansie, ndr).

 

Non ti sei un po’ stufato della tv? «No, anche se scegliere cantanti, oltre a essere difficile, per me non è il massimo della creatività. Essere giudice di un talent show e testimonial pubblicitario mi serve per guadagnare e fare musica come voglio io, senza compromessi stupidi che mi danneggerebbero soltanto. Questo disco doveva essere più essenziale, trasparente e con meno voce in falsetto: è venuto come mi aspettavo».

 

Il brano All she wants parla in maniera molto esplicita di come tua madre desiderava che diventassi.

«Mia madre è orgogliosa di me al 90%. Mi segue come manager e stylist: è capace di andare nel panico per i miei abiti di scena. Ma so bene che un figlio più tradizionale, per lei, sarebbe stato meglio. Se non altro per organizzare dei bei pranzi con nuora e nipotini».

 

Tu vorresti avere dei figli? «Sì. Penso di essere assolutamente in grado di dare a un bambino amore e buona educazione, di allevarlo in un ambiente sano, accogliente e libero. Chi sostiene il contrario non sa quello che dice. È soltanto uno sciocco».

 

Sei favorevole alle nozze gay?

«Certo. Bisogna assolutamente garantire la libertà di scelta, proteggere le persone dalle discriminazioni, offrire a tutti gli stessi strumenti per poter riuscire nella vita. Stiamo parlando di civiltà, non di capricci».

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

RE-POST from #XF9 thread

TV Sorrisi & Canzoni

X Factor 2015, il backstage dei promo

http://www.sorrisi.com/tv/reality-e-talent/x-factor-2015-il-backstage-dei-promo

 

20295411131_e7064169e8_o.jpg

ECCO CHI SALVERÀ LA MUSICA - Mika (31 anni), Skin (47), Elio (54) e Fedez (25) guidano il gruppo dei «ribelli». I ragazzi, scelti con l’aiuto di un’associazione, sono tutti giovani musicisti tra 18 e 35 anni. tra loro anche i membri del coro che interpreta la colonna sonora.

20289472985_ece9f05a9a_o.jpg

0.35 I VETERANI - Elio e Mika escono per recarsi sul set. «Quest’anno Morgan non c’è, ma è come se ci fosse» ci dice Mika. «Più di tutti ha formato l’identità del programma, si sentono ancora la sua cultura musicale e la sua intransigenza».

20289475785_edf2a0bf3b_o.jpg

0.45 FINALMENTE TUTTI INSIEME - I quattro giudici si confrontano con Andrea Linke, il regista del promo (sulla sinistra con gli occhiali). «Quest’anno siamo tutti musicisti: c’è un’energia totalmente diversa» dice Mika.

20102852189_9267c042e5_o.jpg

2.20 LA NUVOLA DI MIKA - Bisogna attendere tarda notte perché si chiuda il set: l’ultimo a girare la sua parte è Mika, avvolto da una nube di fumo rosso. L’ultimo ciak scatta alle 2.45. Il promo sarà in onda dall’8 agosto, «X Factor» parte su Sky Uno il 10 settembre

19666829924_f79ed22f58_o.jpg

MIKA ED ELIO SCHERZANO INSIEME

20281115502_df097f1ff8_o.jpg

00.10 ORMAI SONO AMICI PER LA PELLE - Mika, che aveva un evento di beneficenza prima delle riprese, è l’ultimo ad arrivare e va subito a scherzare con i colleghi. «Quest’anno vogliamo metterci più alla prova, anche sul palco» rivela.

 

https://twitter.com/mypieceofgold/status/628547493760999424

20281443902_285fa0696b_b.jpg

 

20263546556_8b5a8a6ce1_b.jpg

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Repost

 

:italia::uk: A new interview has English & Italian subtitles:

 

The Radio King Kong interview from July:

 

 

About "Crepi la balena" at the end: It's an invented combination of 3 Italian idiomatic phrases ("in bocca al lupo", "crepi!" and "in culo alla balena"). Initially Morgan said it to Mika as a joke to make him say the wrong thing on purpose.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Corriere Della Sera http://www.corriere.it/spettacoli/15_agosto_09/scritta-omofoba-poster-mika-cantante-pubblica-non-ho-paura-l-amore-fa-quel-che-vuole-ec2c76a6-3e18-11e5-9df9-e4a39ac26db0.shtml?refresh_ce-cp la provocazione Scritta omofoba su poster di Mika
Il cantante la pubblica: «Non ho paura, l’amore fa quel che vuole»
L’insulto apparso su due manifesti che presentano il concerto di Firenze
La foto diventa virale e parte la campagna #rompiamoilsilenzio

mika_twitter-khwF-U431001123563612L2H-12

 

«Avevo visto la foto della scritta sui miei manifesti e il mio istinto era di lasciar stare. Che l’odio di alcune persone, una cosa che conosco bene, era meglio ignorata. Ma voi avete ragione #rompiamoilsilenzio. Non ho paura di chi mi discrimina . Nessuno deve averne. L’amore fa quel che vuole». Ha risposto così, su Twitter, il cantante Mika, ai vandali che hanno imbrattato i manifesti del suo concerto, a Firenze, con l’insulto «frocio». E per ricordare a tutti che non c’è niente di male a essere gay ha messo come foto del suo profilo su Twitter proprio le immagini di quel manifesto.

 

La foto, scattata da un utente per strada e postata sul social network, era diventata virale, e i fan hanno reagito con un hashtag contro l’omofobia che è entrato nella classifica dei più usati su Twitter: #rompiamoilsilenzio, per alzare la voce contro chi discrimina. Poi in serata ha deciso di intervenire personalmente. Mika, britannico di origini libanesi, apertamente gay e da anni schierato contro i pregiudizi, ha dedicato al tema dell’omosessualità anche alcuni brani del suo ultimo album, uscito a giugno, No Place In Heaven

 

post-18723-0-81079600-1439073202_thumb.jpg

Edited by Kumazzz
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Corriere Della Sera http://www.corriere.it/spettacoli/15_agosto_09/scritta-omofoba-poster-mika-cantante-pubblica-non-ho-paura-l-amore-fa-quel-che-vuole-ec2c76a6-3e18-11e5-9df9-e4a39ac26db0.shtml?refresh_ce-cp la provocazione Scritta omofoba su poster di Mika

Il cantante la pubblica: «Non ho paura, l’amore fa quel che vuole» L’insulto apparso su due manifesti che presentano il concerto di Firenze

La foto diventa virale e parte la campagna #rompiamoilsilenzio

mika_twitter-khwF-U431001123563612L2H-12

 

«Avevo visto la foto della scritta sui miei manifesti e il mio istinto era di lasciar stare. Che l’odio di alcune persone, una cosa che conosco bene, era meglio ignorata. Ma voi avete ragione #rompiamoilsilenzio. Non ho paura di chi mi discrimina . Nessuno deve averne. L’amore fa quel che vuole». Ha risposto così, su Twitter, il cantante Mika, ai vandali che hanno imbrattato i manifesti del suo concerto, a Firenze, con l’insulto «frocio». E per ricordare a tutti che non c’è niente di male a essere gay ha messo come foto del suo profilo su Twitter proprio le immagini di quel manifesto.

 

La foto, scattata da un utente per strada e postata sul social network, era diventata virale, e i fan hanno reagito con un hashtag contro l’omofobia che è entrato nella classifica dei più usati su Twitter: #rompiamoilsilenzio, per alzare la voce contro chi discrimina. Poi in serata ha deciso di intervenire personalmente. Mika, britannico di origini libanesi, apertamente gay e da anni schierato contro i pregiudizi, ha dedicato al tema dell’omosessualità anche alcuni brani del suo ultimo album, uscito a giugno, No Place In Heaven

 

 

 

 

 

Unfortunately in Italy the homophobia is still very strong and, almost always, there is also the silence on the many cases of violence, insults and homophobic discrimination, and it is well known why.

A huge round of applause to the reaction of Mika.

Edited by charlie20

Share this post


Link to post
Share on other sites

It's a pity UK gay people are not applauding him too. Because it's time they were doing so. He's one of Their Own good guys. Well done Mika! He really practices what he preaches and is greatly admired by straight people, like Alan and me.

Edited by Marilyn Mastin
  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

It's a tabloid magazine called Gente (people) and it doesn't say anything new... just Mika staying with mother brother and boyfriend in a luxury house in Sicily.. . With few pics of him and the other people (I admit that this pic....is nice :D )

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

It's a tabloid magazine called Gente (people) and it doesn't say anything new... just Mika staying with mother brother and boyfriend in a luxury house in Sicily.. . With few pics of him and the other people (I admit that this pic....is nice :D )

Is it one of the pics he was upset about in the Belgian article I just translated? 'Cause he said that incident happened in Sicily.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Is it one of the pics he was upset about in the Belgian article I just translated? 'Cause he said that incident happened in Sicily.

well, he talked about paps taking pics inside his room, and at least, there are not pics of this kind... they are taken in the pool of the house 

Share this post


Link to post
Share on other sites

well, he talked about paps taking pics inside his room, and at least, there are not pics of this kind... they are taken in the pool of the house

Oh boy. What I would give for a pool right now... lol.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mika played at the 63th B-day party of Fawaz Gruosi ( Swiss jeweler De Grisogono brand owner )

 

la nuova sardegna.gelocal.it

Al Cala di Volpe mega party per i 63 anni del gioielliere Fawaz Gruosi

http://lanuovasardegna.gelocal.it/olbia/cronaca/2015/08/09/news/festa-da-oscar-per-gruosi-con-adrien-brody-1.11909722

 

 

 

La Gazetta

Fawaz Gruosi, il party è in Costa Smeralda

http://www.gazzetta.it/Foto-Gallery/Sportlife/Tempo-Libero/09-08-2015/fawaz-gruosi-party-costa-smeralda-120880603881.shtml

 

 

20254506548_4f0591056e_b.jpg

 

20416272316_ba2197a68e_b.jpg

 

 

 

post-18723-0-73573800-1439167924_thumb.jpg

post-18723-0-90625900-1439167927_thumb.jpg

post-18723-0-25232900-1439167935_thumb.jpg

post-18723-0-97261900-1439167941_thumb.jpg

post-18723-0-24769500-1439167950_thumb.jpg

post-18723-0-77259100-1439167957_thumb.jpg

post-18723-0-29664800-1439167968_thumb.jpg

post-18723-0-04644100-1439167970_thumb.jpg

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.