mari62

Mika in Italian Press 2016

Recommended Posts

 

 

Here's the translation of the column.. if there are mistakes please let me know!

 

A Love letter about adolescence in order not to choose to be invisible

 

I talk about my dialogue with Ivan Cotroneo, the film maker of Un bacio, and the choice to be there with a song. It is a film in which teenagers can recognize themselves without feeling treated with paternalism, and with which adults can empathize, thinking back to how they were at their age.

In July 2008, Ivan Cotroneo was drinking his morning coffee at a small bar in Provincetown, Massachusetts. The writer, now film maker, had just finished translating Where the land ends by Michael Cunningham, a novel that celebrates one of the oldest and liberals cities of America . After working there for many months, he had wanted to go and see Cunningham, and to visit the city in person. It was that morning, over coffee, that Cotroneo read a Newsweek article about the murder of Lawrence King, a fifteen year old gay boy, a student of a high school in Oxnard, California. One of his schoolmate shot him in class, Brandon McInerney, of which King had fallen in love. For several weeks, McInerney was teased in public by King.

"I was shocked by the violence of this murder among teenagers. I was sitting in a cafe in a city that represents America's future, and I was reading a story that seemed to come from a distant past. "

More than a year later, Cotroneo was in the midst of a crowd of several thousands of protesters in Rome, in front of the parliament. They were waiting that the government would vote a draft for an anti-discrimination law, which would have made illegal the homophobia. The draft law was rejected and the crowd was angry. "From now on, it will be their fault. Whenever we will be the subject of cruelty, it will be their fault, "he shouted one protester of just 19 years beside Cotroneo.

"I came home with the feeling to do something. I had to somehow help to change things, " says Cotroneo, telling me on the phone the moment he decided to write a fictional adaptation, set in Italy, of the murder of Larry King. "I wanted to show how discrimination can be destructive, even in people so young."

The book, Un Bacio, tells the story of two high school students. A gay boy adopted, Lorenzo, who befriends and falls in love for Antonio, a heterosexual classmate and basketball star, saddened by the death of his older brother. The story ends like the one of Larry King, with Anthony desperate that shoots to Lorenzo in the classroom. During the promotion of the book, Cotroneo toured for high schools and listened to students' reactions that had read it. Even if he was received with enthusiasm and empathy, Cotroneo soon saw that he had made a serious mistake.

"I met so many teenagers who felt frustrated and sometimes angry for not being included in the story. They kept telling me that they were not immune to these problems - explains Cotroneo - I understand that discriminations are linked together. "

This awareness and the words of the girls who had met accompanied him for years. When he decided to make the film, he thought to correct the mistake and so he inserted the most enigmatic character in the story, a teenage girl called Blue. Blue is an outsider, that hides her previous experiences of abuse, fearing that their classmates and family members can consider her dirty or contaminated. It is an aspect that it'is part of every teenager girl and has an important role in the film.

Antonio, Lorenzo and Blue form a triangle of friendship and love. In one way or another all three are discriminated and isolated. They are real characters, funny and obnoxious at the same time. Blue is funny and intelligent, but can be cruel and cold. Antonio is determined and thoughtful, but he is prone to fits of rage and cruelty access. Lorenzo is an explosion of colors and honesty, but easily becomes offensive and obnoxious.

After the death of Lorenzo, they are all three victims and all three have the life ruined. To push them to the crime is not what they are or what they do, but the environment in which they live and the isolation caused of the discrimination which they must undergo. It is the story of how a seemingly irrelevant discrimination can lead to an unexpected tragedy.

It is a brave and important film, not for the ending sensation, which is indeed the easy part. It's brave for a human way and tender with which tells the story. Because it gives voice and illuminates the darkest and most difficult part of growing up, and it does so with respect. It is more than just a warning, it is a painful love letter to adolescence. Cotroneo made a film in which teenagers can recognize themselves without feeling treated with paternalism, and with which adults can empathize, thinking about as they were at their age. The complex trio shows the futility of the labels and the difficulties of adolescence, emphasizing once again that it is impossible to generalize when talking about sexuality and love.

I composed the music for the film and I made a music video with Ivan Cotroneo, after seeing a preview and I met six months ago the writer at his home in Rome. I found that the film was shot with love and had an original tone, deeply "pop", but serious and funny at the same time. In person, Cotroneo is a private man. An observer of the surrounding world and a tireless worker. He writes every day, and this project is the result of an eight-year journey.

After watching the film, we talked about it and he has changed, becoming lively and talkative. He talked for hours without stopping until three-thirty in the morning, while his producer was trying not to show she was falling asleep on the couch. I realized that this film touched him personally. His characters are exuberant, as he is usually discreet and prudent. I suspect it stems from his teenage years, he has learned to become invisible for fear of being the object of cruelty or discrimination. His characters, full of life and chaotic, have his revenge, and he does not seem to have ended.

"Do you think this film can help to change things?" I ask the phone. "I do not know, and maybe I'll never know." In any case, the film and its characters have already changed him.

 

 

 

The story of Larry King and his murder is a bit more complicated because Larry was misidentified as gay by the news media, when in fact he was experimenting with his gender expression, and in 2008 transgender issues were very marginalized, especially in news and media.

If anyone is interested that it's better explained here: http://msmagazine.com/blog/2013/11/21/remembering-larry-murdered-for-his-gender-expression/

 

And here there are the documentary "Valentine Road" about this story and the transcript:

 

 

 

Edited by charlie20
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

:thumb_yello: Grazie mille Lucrezia and Charlie20 !!  :hug:  :wub:  Exciting stuff, which needs quite some time, to fully get it all... :wink2:

 

Love, love

me

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thank you so much for sharing and translating Lu :hug: and Charlie thanks a lot for the explanations about Larry's story :huglove:

You girls rock :thumb_yello::group_hug:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

From this article:

 

http://www.huffingtonpost.it/2016/03/24/un-bacio-film-ivan-cotroneo_n_9538036.html

 

post-23401-0-70764900-1459044665_thumb.jpg

 

"To make it all even more speciall, the choice of music, from "Loud like love" of Placebo to "Hurts" of Mika in two versions (the video clips of "Hurts", from "No Place In Heaven", has registered hundreds of thousands of views and has become a symbol of the fight against bullying)"

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

From this article:

 

http://www.huffingtonpost.it/2016/03/24/un-bacio-film-ivan-cotroneo_n_9538036.html

 

attachicon.gifbh.jpg

 

"To make it all even more speciall, the choice of music, from "Loud like love" of Placebo to "Hurts" of Mika in two versions (the video clips of "Hurts", from "No Place In Heaven", has registered hundreds of thousands of views and has become a symbol of the fight against bullying)"

 

"To make it all even more speciall, the choice of music, from "Loud like love" of Placebo to "Hurts" of Mika in two versions"

 

In fact, in this video, from this article: http://www.gay.it/vi...llismo-omofobia, you can hear the original version of "Hurts" :

 

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

A column by Mika on Zaha Hadid on today's Corriere della sera

 

http://www.corriere.it/cronache/16_aprile_01/zara-hadid-si-spezzata-preziosa-rosa-araba-d092fc6c-f786-11e5-bb62-9cf2392b520a.shtml?refresh_ce-cp

 

I don't have time to translate it today, I can work on it in the next days  if no one else does it before :wink2:

 

Here's the column on Corriere

 

post-18139-0-66824800-1459497366_thumb.jpg

 

Zia Giovi, if you don't mind I can translate it now

 

Translation

 

Zaha Hadid, a precious arab rose has broken up

A rose has broken up, a precious Arabian rose that has known the full bloom until the end. Her scent was intense and her thorns had made bleed those careless hands that had attempted to prune her prematurely. She had withstood many storms, often facing them without shelter. She was never shy and her unusual beauty was something brazen and audacious. She was a rose that stood solitary, and although her bearing sometimes seemed to dodge the presence of the others, and even her environment, she has never succumbed: a beauty so incisive as her, requires time to be appreciated. And she knew it. For years I have admired the work of Zaha from far away and I was seduced by the reports of her life and her personality almost legendary.

She was a brave woman, shining, Arabic, intellectual, talented and most fascinating of many movie stars. We met by chance in Miami, guests of a friend. I felt nervous, caught by surprise, but we talked all through dinner. From that day she has become a friend. Zaha hated talking on the phone, she preferred to send messages, and continued to do so regularly, no matter where in the world we were both. The woman that I learned to know was loving and fun. She loved to chat, exchange gossip, go out to dinner with friends and she appreciated the attention. She loved to joke tremendously and if sometimes she ended to inspire reverential fear, in her admirers as in strangers, soon after she turned her head and smiled with a wink. We talked about art, architecture, fashion and television. She liked to comment on the tv shows and sometimes teased me for my own appearances. To some our friendship might have seemed strange, but we didn't mind. We had in common the Middle East and London, but also something more. Our friendship was simple and surprisingly warm. In her, I saw my mother and also saw an untamed life unafraid of challenges. Even though our conversations were still light, full of gossip and complicity, in my eyes she has remained an icon. In Zaha I admired the fighting spirit, but the normality of our relationship was a privilege for me. Yesterday I heard about her death, and I felt a huge sadness. I will miss her.

 

Edited by Lucrezia
  • Like 7

Share this post


Link to post
Share on other sites

Here's the column on Corriere

 

attachicon.gif0023.jpg

 

Zia Giovi, if you don't mind I can translate it now

 

Translation

 

Zaha Hadid, a precious arab rose has broken up

A rose has broken up, a precious Arabian rose that has known the full bloom until the end. Her scent was intense and her thorns had made bleed those careless hands that had attempted to prune her prematurely. She had withstood many storms, often facing them without shelter. She was never shy and her unusual beauty was something brazen and audacious. She was a rose that stood solitary, and although her bearing sometimes seemed to dodge the presence of the others, and even her environment, she has never succumbed: a beauty so incisive as her, requires time to be appreciated. And she knew it. For years I have admired the work of Zaha from far away and I was seduced by the reports of her life and her personality almost legendary.

She was a brave woman, shining, Arabic, intellectual, talented and most fascinating of many movie stars. We met by chance in Miami, guests of a friend. I felt nervous, caught by surprise, but we talked all through dinner. From that day she has become a friend. Zaha hated talking on the phone, she preferred to send messages, and continued to do so regularly, no matter where in the world we were both. The woman that I learned to know was loving and fun. She loved to chat, exchange gossip, go out to dinner with friends and she appreciated the attention. She loved to joke tremendously and if sometimes she ended to inspire reverential fear, in her admirers as in strangers, soon after she turned her head and smiled with a wink. We talked about art, architecture, fashion and television. She liked to comment on the tv shows and sometimes teased me for my own appearances. To some our friendship might have seemed strange, but we didn't mind. We had in common the Middle East and London, but also something more. Our friendship was simple and surprisingly warm. In her, I saw my mother and also saw an untamed life unafraid of challenges. Even though our conversations were still light, full of gossip and complicity, in my eyes she has remained an icon. In Zaha I admired the fighting spirit, but the normality of our relationship was a privilege for me. Yesterday I heard about her death, and I felt a huge sadness. I will miss her.

 

 

Of course I don't  :pinkbow:

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

RE-post

 

Marie Claire Italia : April 2016

 

 

Marie Claire

http://www.marieclaire.it/Attualita/cinema-libri/Un-bacio-il-nuovo-film-di-Ivan-Cotroneo-con-la-colonna-sonora-di-Mika

 

Un bacio: il nuovo film di Ivan Cotroneo contro il bullismo Dall'omonimo romanzo con la colonna sonora di Mika, esce nei cinema con l'hashtag #lamiciziatisalva, una storia contro la discriminazione che parla agli adolescenti.
di Antonio Mancinelli - 29 Marzo 2016-  

11:00

 

attachicon.gifUn-bacio-il-nuovo-film-di-Ivan-Cotroneo-contro-il-bullismo_image_ini_620x465_downonly.jpg

 

Mika: «Nella canzone Hurts, di cui Ivan ha diretto il video ed è nel soundtrack del film Un bacio, canto: Nothing’s only words/That’s how hearts get hurt, Niente è solo parole/È così che si spezzano i cuori. Rosa Parks, attivista americana che si battè per l’uguaglianza razziale, diceva: “Puoi arrivare perfino a dimenticare il momento e i termini di quando sei stato offeso. Ma niente cancellerà il ricordo di come ti sei sentito allora”».

Ivan: «Le parole hanno il terribile potere di definire una persona, di affibbiarle un’etichetta. Quando succede a un adolescente, che sia un’etichetta offensiva o semplicemente t’inquadri dentro dei limiti, la conseguenza è la paura. Credi che il mondo ti conoscerà non per quello che sei, ma solo per ciò che viene detto di te. È spaventoso. Spesso diventa il preludio a una serie di crudeltà, come dimostrano alcuni casi di cronaca».

 

Froci. Ciccioni. Femmina=puttana. Ebreo. Troia.
Stupiti di leggere volgarità gratuite su questo sito? Eppure basta entrare in un qualsiasi bagno di un qualsiasi liceo di una qualsiasi città («non c’è differenza tra le metropoli e i centri di provincia», osserva Ivan Cotroneo) per vederle lì, stampigliate sui muri, magari corredate di nome, classe e sezione giusto per far meglio capire a chi sono destinate. Noi adulti siamo colpiti da una forma di cecità selettiva: le osserviamo ma non le capiamo. Meglio: non pensiamo a ciò che possono innescare. Sono attacchi che spesso rimbalzano sui social network, dove nascono pagine Facebook mirate a umiliare chi mette i pantaloni rosa, chi passa per ragazza leggera, chi non ha il nostro colore di pelle. Le cataloghiamo sotto la voce “ragazzate”, e non ci pensiamo più.

Infatti, il video di Hurts inizia con la panoramica della parete di una scuola (l’Istituto tecnico G. G. Marinoni di Udine, set anche del film) istoriate di scurrilità. Di questo e altro parla Un bacio, nuovo film di Ivan Cotroneo tratto dal suo omonimo romanzo (Bompiani) ora di nuovo nelle librerie, cui è felicemente infedele. Parliamo in un bar di Roma, bevendo un caffè. «Il libro prende spunto dal tragico omicidio di Larry King, 14enne californiano ucciso nel 2011 con due colpi alla testa da un coetaneo, che si era detto infastidito dalle sue avances. La vicenda è narrata da tre punti di vista: quello di Lorenzo, che racconta in prima persona la sua vita di ragazzo gay risolto; quello della professoressa d’italiano che capisce ciò che sta avvenendo ma non può o non vuole intervenire; e quella di Antonio, l’assassino».

Cos'è cambiato, nel film? «Dopo aver fatto, negli anni successivi, interventi in molte scuole per parlare con gli studenti sul tema dell’omofobia, dei diritti negati non solo ai gay, ma ad altre persone che non vengono tutelate dalla legge e sono quindi bersaglio di discriminazioni, il mio incubo era di fare un film che parlasse solo a persone già informate dei fatti. Io, invece, volevo parlare direttamente agli adolescenti. Così ho eliminato la figura della professoressa e ho introdotto il personaggio di Blu, una ragazza. Lorenzo, Blu e Antonio, compagni di classe, sono vittime della stessa forma di bullismo. Lorenzo è perseguitato perché gay, adottato da operai e non vuole nascondere la sua omosessualità, Antonio è emarginato perché è ripetente ed è lo “scemo” della scuola, Blu è la “puttana”, perché ha avuto una storia con un ragazzo più grande. Sono alieni che trovano nell’amicizia - che diventerà amore, di Lorenzo per Antonio e di Antonio per Blu - un antidoto alla rabbia di un branco che li vuole distruggere. La dinamica delle discriminazioni porterà la loro relazione a un finale che non vuole assolutamente essere edulcorato e di cui non vorrei parlare, ma introduce l’idea che non sempre le cose brutte debbano finire per forza malissimo, anche se sei in un liceo dove su 500 persone, 499 ti danno addosso, anche se scopri che qualcuno su Facebook ha fatto una pagina dove s’incitano gli altri a odiarti. È importante mostrare che un’altra via è possibile. E poi c’è la musica di Mika, cui ho fatto vedere il film. E che dopo mi ha chiesto di girarne la clip. 

 

Ivan: «Uno degli hashtag per il film è #lamiciziatisalva. Credo che la solidarietà tra vittime di soprusi sia una grande risorsa tra ragazzi che soffrono per i giudizi degli altri. L’amicizia è condivisione, significa non sentirsi soli, specie quando sei giovane e credi di essere l’unico a sentirsi diverso dagli altri».
Mika: «Gli amici regalano un senso differente della prospettiva sul mondo. In inglese diciamo che ti aiutano a essere “earthy”, a stare con i piedi per terra. Chi ci vuole bene, ci mette anche in guardia dal farci troppe illusioni o ci avverte se esageriamo, ce la tiriamo o ci buttiamo giù per cose che non lo meritano».

 

Come hai trovato gli attori del film? Ho fatto un casting a 1500 ragazzi a Udine, una città con un bellissimo centro storico, poco sfruttato dai film. Lì ho trovato Lorenzo: è Rimau Grillo Ritzberger, di papà indonesiano e mamma tedesca, che a due anni è stato adottato dal nuovo compagno di sua madre. Aveva appena compiuto 18 anni, non aveva mai visto una troupe prima, ma si è calato perfettamente nel ruolo. Blu è interpretata da Valentina Romani, una ventenne di grande talento. Per la parte di Antonio ho voluto Lorenzo Pazzagli: è il più grande di età - ha 22 anni - e frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia. Rispetto ad altri miei film, scritti sempre con Monica Rametta, La kryptonite nella borsa, la serie web Una mamma imperfetta e quelle tv Tutti pazzi per amore, Una grande famiglia, È arrivata la felicità, questo è il più realista. Ma la mia cifra stilistica comprende momenti di allegria, di gioco: ci sono intermezzi musicali, momenti divertenti, sogni a occhi aperti. È un film verista sentimentalmente, non visivamente.

Ecco: sei riuscito a introdurre argomenti forti - omosessualità, sieropositività, coppie di fatto, stepchild adoption - con tale grazia e delicatezza da essere mandati in onda la domenica sera su Rai Uno con grande successo. Mai venuta la tentazione di essere meno garbato e più arrabbiato? Certi atteggiamenti di oggi forse non meritano tanto riguardo...  Un bacio è tosto, dice le cose come stanno. Penso però che quando racconti una storia, riesci a comunicare molto se fai vivere determinati sentimenti allo spettatore. Trovo politicamente giusto che si possa raccontare la rabbia in modo tale che, costruendo una forte empatia tra le vicende dei personaggi e chi li guarda, si induca chi non la pensa come te a ripensare alle sue convinzioni. In È arrivata la felicità c’era una coppia di donne che aspettavano una figlia concepita in Spagna... E il pubblico parteggiava per loro. Fare un film crudo, in cui si mostri la violenza, non è meno efficace di un racconto in cui la capacità stia nel creare passione per i miei personaggi, che siano gay, sieropositivi, emarginati. Tutto passa attraverso il sentimento. Credo nel potere emotivo del racconto e nella sua ricaduta sulla coscienze. Attenzione: partecipo alle manifestazioni per i diritti civili, non mi sottraggo ai confronti. Ma è mio dovere trasmettere una visione del mondo attraverso storie che raggiungano il numero maggiore di persone. È la mia forma di comunicare, di mandare un messaggio che diventi condivisione, in nome della potenza dell’amore, della mancanza di ipocrisia, della giustizia tradotta in felicità. Ma scusami: non è un modo timido. Anzi: lo ritengo un modo audace.

A Sanremo molti cantanti esibivano nastri arcobaleno, in molte città nessuno si volta se vede due ragazzi che si tengono per mano… Non credi che ci sia una grande differenza tra il paese reale e le istituzioni? L’Italia deve scontare per forza il fatto di avere il Vaticano in casa? Anche la Spagna è un paese molto cattolico, eppure sono passate tutte le riforme sui diritti. Viviamo anche in un paese dove sotto il poster di Mika, a Firenze, hanno scritto “frocio” e in alcune scuole degli studenti mi hanno interrotto per dirmi: «Dio ha creato gli uomini e le donne. I gay sono sbagliati». La violenza che c’è adesso da parte di una certa classe politica non “per i valori di” ma “contro i diritti per”, io la trovo il segno di un imbarbarimento. Il Family Day mi ha angosciato perché non è stata una manifestazione che propagasse amore per la famiglia: esprimeva odio per gli omosessuali. In un momento in cui il mondo sta andando in una certa direzione, specialmente dopo che il matrimonio tra persone dello stesso sesso è diventato possibile negli Usa, si vanno radicalizzando le posizioni. Se la gran parte del paese è sicuramente più avanti della classe politica che ci governa, ci sono delle sacche di resistenza che si vanno organizzando su posizioni di intolleranza, disprezzo, estremismo. Io penso che sia un periodo di grande cambiamento. E chi resiste al cambiamento si inasprisce, ha toni di barbarie e inciviltà mai raggiunti prima.

Chi ci salverà? I giovani. Ma solo se potranno crescere in un ambiente che permetta loro di formarsi un giudizio libero. Forse la frase definitiva sarà in un liberatorio: «E allora? Fatti tuoi!» quando si dirà a un adolescente:«Sono gay/lesbica/trans e voglio sposarmi con la persona che amo».

 

Ivan: «Da ragazzo non ho subito particolari discriminazioni, però ero molto silenzioso, taciturno, mi sembrava di amare cose che piacevano solo a me. Ho sentito molto la fatica di crescere. E di considerare definitivo tutto quello che ti succede».
Mika: «Sono stato abbastanza discriminato. La mia salvezza era nell’immaginazione, nel farmi film nella testa. A sedici anni lo facevo sempre. Mi sono costruito un mondo dove mi sono nascosto con le mie avventure fantastiche. Finché non ho deciso di aprirlo agli altri, il mio mondo».

(Il dialogo tra Mika e Cotroneo è tratto da un video realizzato dopo la clip di Hurts. Si ringrazia Alessandra Tieri e la Universal Music).

 

 

 

Marie Claire Italia : April 2016

https://issuu.com/cityjuicegroup/docs/marie_claire_0004_17032016

 

26230621921_6cc6cd775d_b.jpg

 

26230624091_0facb74b1f_o.jpg

 

26230623631_7baab49058_o.jpg

 

26296897575_d24ae93e39_o.jpg

Edited by Kumazzz
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://livesicilia.it/2016/04/05/caos-sui-concerti-di-mika-e-negramaro-il-comune-in-mezzo-a-due-fuochi_735055/

 

Palermo

 

Caos su Mika e Negramaro
Il Comune tra due fuochi

 

PALERMO - Un caos in piena regola, con il Comune costretto a correre ai ripari per evitare di dover rispondere anche di eventuali danni. La vicenda dei concerti di Mika e dei Negramaro allo Stadio delle Palme, sollevata da Comitati Civici e Vivo Civile, si complica sempre di più. L’amministrazione Orlando ha infatti concesso il 12 marzo scorso l’uso della struttura sportiva per i concerti (fissati per il 26 giugno e il 26 luglio) nonostante il regolamento lo vieti, grazie a una interpretazione “estensiva” del dirigente che però adesso in tanti contestano.

Il punto è che gli organizzatori hanno già iniziato a vendere i biglietti e a questo punto l’unica soluzione è trovare uno spazio alternativo. Impresa non facile, a Palermo: Zamparini avrebbe negato l’uso dello stadio, il Velodromo e il Diamante sono inagibili e utilizzabili solo per la parte del prato, così come il Foro italico. Possibili anche l’Ippodromo e il Castello a Mare.

Il vero problema è che adesso il Comune è stretto fra due fuochi: da un lato ci sono gli organizzatori del concerto che, in caso di revoca delle autorizzazione per lo stadio delle Palme, potrebbero fare causa e chiedere fior di danni; dall’altro c’è Vivo Civile, pronta all’esposto in Procura anche per la vicinanza di un ospedale che rende infelice la location, e gli altri organizzatori di concerti della città che il 31 marzo scorso hanno inviato una diffida formale agli uffici e al Segretario generale Fabrizio Dall’Acqua. Aver concesso lo stadio delle Palme per i concerti, oltre a far andare su tutte le furie le società sportive che temono danni alla struttura, ha messo infatti in difficoltà anche gli altri organizzatori di concerti che citano testualmente il regolamento dello stadio che vieta di svolgere attività che non siano prettamente sportive.

In poche parole, il Comune rischia di farsi male in qualunque caso. L’amministrazione attiva, inoltre, non avrebbe per niente gradito nemmeno il basso canone richiesto per lo stadio e a questo punto l’ultima chance è una mediazione del sindaco in persona. Intanto però infuria la polemica politica.

Al sindaco e al Segretario generale si è infatti rivolto anche il capogruppo di Comitati Civici Filippo Occhipinti con una nota del primo aprile: “I disciplinari d'uso riportano errori formali e sostanziali e pertanto, anche in un eventuale contenzioso, potrebbero facilmente essere annullati con le conseguenze che ne seguirebbero creando anche un potenziale danno erariale all’Ente - scrive Occhipinti - nel disciplinare d’uso relativo al concerto dei Negramaro la data del concerto è fissata al 26 giugno, ma l’accesso all’impianto è consentito dal 25luglio. Inoltre la fideiussione di responsabilità civile, presentata in duplicato dal concessionario , riporta come data di scadenza il 20 aprile, ben due mesi prima del primo evento previsto per il 26 giugno. E’ evidente l’approssimazione nella gestione della vicenda della dirigente e dei suoi uffici, pertanto se ne chiede la rimozione”. Occhipinti punta il dito anche contro la tariffa giornaliera, ritenuta troppo bassa (2.160 euro al giorno più 300 euro per la somministrazione di bevande) e sul fatto di aver concesso una struttura che solitamente ottiene agibilità per 2.500 persone per eventi che invece ne potrebbero richiamare fino a 10 mila. “A questo punto spostiamo tutto al Velodromo”, aggiunge Occhipinti.

“Assistiamo all'ennesimo esempio di come viene amministrata in maniera approssimativa la cosa pubblica - attacca il forzista Andrea Mineo - mi chiedo come sia possibile che la dirigente preposta non conosca il regolamento per l'utilizzo dello stadio delle Palme, il quale ne vieta espressamente l'utilizzo per manifestazioni differenti da quelle sportive. Ritengo in ogni caso inopportuno sovraccaricare la struttura dello stadio delle Palme, che versa già in condizioni di precaria stabilità”. "Il solito delirio di onnipotenza ha portato il Sindaco Orlando, anche questa volta, a ignorare leggi e regolamenti, trasformando in un'amara vicenda il concerto di Mika e dei Negramaro - dice Angelo Figuccia, Consigliere comunale di Forza Italia - stipulare un contratto per l’organizzazione di eventi che prevedono incassi notevoli in favore di soggetti privati, come pare sia accaduto nel caso dell’impresario che sta organizzando i concerti di Mika e dei Negramaro allo Stadio delle Palme di Palermo, è sbagliato. C’è da chiedersi se in questo caso il Sindaco e i suoi uomini siano stati semplicemente poco accorti o, cosa ben più grave, animati da logiche non condivisibili. In entrambi i casi ci troviamo ancora una volta davanti ad un’amministrazione che sta danneggiando, con il suo operato, l’immagine della città di Palermo, già in grave difficoltà”.

Critiche anche da sponda Pd: "La scelta di concedere lo Stadio delle Palme per l'organizzazione dei concerti di Mika e dei Negramaro è profondamente sbagliata - dice il capogruppo Rosario Filoramo - Lo Stadio delle Palme è un campo scuola e non è nelle condizioni di sopportare l'impatto di due mega concerti. Sono già a rischio le attività degli sportivi palermitani che frequentano giornalmente la struttura, dopo i concerti resterebbero solo macerie. Domani porrò il problema in conferenza dei capigruppo. Mi auguro nel frattempo che Sindaco e Assessore allo Sport trovino una soluzione migliore all'interno delle strutture comunali o coinvolgendo le altre istituzioni pubbliche presenti a Palermo".

 

Martedì 05 Aprile 2016 - 18:52

 

 

http://livesicilia.it/2016/04/08/concerti-di-mika-e-negramaro-spunta-lipotesi-del-velodromo_736198/

 

PALERMO

Concerti di Mika e Negramaro
Spunta l'ipotesi del Velodromo

 

PALERMO - Per Mika e Negramaro adesso spunta l’ipotesi Velodromo. Questa mattina il comune di Palermo, e in particolare l’assessore Gini e il vicesindaco Arcuri, insieme ai dirigenti, hanno effettuato un sopralluogo nella struttura con Carmelo Costa, l’impresario che ha organizzato i concerti previsti per giugno e luglio: l’obiettivo è trovare una sede alternativa allo stadio delle Palme, visti i problemi sorti per la concessione dell’impianto per eventi non sportivi.

Il punto è che quella del Velodromo è per il momento solo un’ipotesi: il Comune deve infatti chiedere la convocazione della commissione prefettizia che deciderà se la struttura può essere resa agibile. “I lavori per rendere agibile lo stadio delle Palme partiranno a breve e saranno di poco conto - dice Costa - al Velodromo servono molti più soldi che deve mettere il Comune”. Ma anche se Palazzo delle Aquile riuscisse a strappare il sì della commissione e a effettuare i lavori in tempo utile, trovando le somme, bisognerebbe poi convincere gli artisti. “In passato sono capitati episodi spiacevoli al Velodromo - spiega Costa - e anche gli spettatori devono essere tutelati. Non possono sentirsi chiedere 10 euro per il parcheggio”.

Il problema è anche il tempo: gli organizzatori hanno fissato un termine ultimo per la fine della prossima settimana e chiesto che il Velodromo possa accogliere almeno 9 mila spettatori, divisi fra prato e parte delle tribune. “Noi stiamo già subendo dei danni rilevanti - sottolinea Costa con disappunto - e dobbiamo vendere la seconda metà dei biglietti”. Finora i ticket staccati sono stati circa 8 mila (3 mila per Mika e 5 mila per i Negramaro), ma le notizie degli ultimi giorni hanno provocato un rallentamento. Se anche l’ipotesi Velodromo dovesse saltare, a quel punto si dovrebbe ripiegare sulle Palme: Costa ha un regolare contratto e intende farlo rispettare, a costo di ricorrere ai rimedi estremi. Del resto anche in passato si sono svolti eventi non sportivi in viale del Fante, usando la stessa interpretazione estensiva.

“Ho chiesto all’amministrazione di fare una forzatura per i concerti allo Stadio delle Palme - spiega Eduardo De Filippis, consigliere della settima circoscrizione - la mia proposta è stata quella di ripristinare e rendere agibile il Velodromo. Dal 18 aprile dovrebbero iniziare i lavori di ripristino, saranno riqualificate le torri faro, la tribuna scoperta, le uscite di sicurezza e sarà bonificata l’area esterna. Questa azione servirà per rilanciare l’impianto sportivo sia per le attività culturali come i concerti e gli spettacoli, che per le attività sportive”.

"Bene il dialogo tra il Comune e gli organizzatori degli eventi - dice Filippo Occhipinti, capogruppo Comitati Civici - i concerti vanno salvati, Palermo merita la grande musica ma lo Stadio delle Palme è degli sportivi e va tutelato, così come va rispettato il regolamento.Il Sindaco faccia di tutto per attrezzare il Velodromo salvando così Palermo da una figura che avrebbe proporzioni internazionali. Ripetiamo per l'ennesima volta che la vicenda non può chiudersi così: i responsabili del caos vanno rimossi e subito. Gli impianti sportivi devono servire per lo sport e se ci devono essere attività commerciali all'interno vanno regolamentate e autorizzate con tanto di tariffe che bilancino le potenzialità commerciali dell'evento e la misura della tariffa".

 

Venerdì 08 Aprile 2016 - 14:19

 

http://www.palermotoday.it/cronaca/mika-negramaro-ipotesi-velodromo.html

 

Concerti allo Stadio delle Palme, sopralluoghi in programma: si cercano alternative
 

Concerti di Mika e Negramaro, il Comune prova con il velodromo

Dopo le polemiche sullo stadio delle Palme, si sta cercando una location idonea per i due spettacoli (venduti già 8 mila biglietti). L'obiettivo è rendere la struttura dello Zen idonea. Oggi il sopralluogo: lavori al via il 18 aprile

 

Redazione

08 aprile 2016 09:07

 

Alla ricerca di una location alternativa per i concerti di Mika e Negramaro. Si è svolto ieri pomeriggio un incontro tra il sindaco Leoluca Orlando, l'assessore allo sport Giuseppe Gini, i funzionari del settore sport e Carmelo Costa, organizzatore delle due tappe palermitane, al termine del quale l’Amministrazione ha ribadito la volontà di favorire lo svolgimento dei due spettacoli musicali. Sul piede di guerra l’organizzatore di Musica da bere, forte dei disciplinari d’uso firmati dalla dirigente dell’ufficio Sport e impianti sportivi circa un mese fa. Occhipinti (Comitati Civici): "Via i responsabili. La dirigente responsabile del caos e chiunque abbia contribuito a crearlo vanno rimossi e subito". E spunta l'ipotesi Velodromo come location per ospitare i due concerti: questa mattina l’assessore Gini e il vicesindaco Arcuri, insieme ai dirigenti, hanno effettuato un sopralluogo nella struttura con Carmelo Costa.

I lavori per rendere la struttura potenzialmente valida ad ospitare i concerti inizieranno il 18 aprile e dureranno 4-5 settimane. Previsti interventi su tribuna scoperta, torri faro per illuminazione, spogliatoi, aree verdi e bonifica. "Saranno utilizzati 40-50 unità tra reset e rap - spiega Eduardo De Filippis, consigliere della settima circoscrizione presente al sopralluogo - spese che rientrano nel programma delle opere triennali. La volontà dell’amministrazione è riqualificare la struttura per i grandi eventi e lo sport". Ma al momento i concerti di Mika e Negramaro al vaglio della commissione di pubblica sicurezza. Da capire se il Velodromo possa accogliere almeno 9 mila spettatori, divisi fra prato e parte delle tribune.

Al di là dei problemi tecnici e burocratici, da entrambe le parti chiamate in causa sembrerebbe esserci la volontà di trovare una soluzione per garantire le due tappe musicali. "In accordo con l'impresa - si legge in una nota del Comune - si è concordato di individuare un luogo idoneo per le due manifestazioni e dei sopralluoghi congiunti in con questo fine saranno svolti nei prossimi giorni". Una ricerca resa difficoltosa dalla mancanza di strutture attualmente disponibili: le uniche che avrebbero potuto accogliere gli eventi, infatti, sono state abbandonate al degrado e quindi inutilizzabili. Il rischio è quello di aprire un contenzioso che, alla luce dei documenti, vedrebbe il Comune sfavorito.

L'organizzatore chiede all'Amministrazione di rispettare il contratto o di procedere con la sua revoca, dando il via a un'azione legale. Intanto ammonterebbero a circa 8 mila i biglietti venduti, con fan in arrivo anche da altre città o da Malta con aerei speciali. Già negli scorsi giorni era montata la polemica in relazione alla "violazione delle regole e all’affitto di appena 3 mila euro al giorno della struttura sportiva intitolata a Vito Schifani. A denunciarlo era stato il consigliere Occhipinti, scagliandosi contro i dirigenti che "non possono fare quello che vogliono convinti di essere a casa loro. Il regolamento comunale è chiarissimo: non si può concedere lo Stadio delle Palme per usi diversi da quello sportivo”.

Edited by charlie20
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mercoledì 20 Aprile 2016
Diversity Media Awards: le nomination A Maggio gli “oscar” italiani per i migliori contenuti media, cinema, tv e pubblicità sui temi LGBT

 

http://www.spettacolinews.it/blog/pdf/id/71102

 

Diversity è un’associazione di persone che si impegnano per l’abbattimento del pregiudizio e della discriminazione legati al concetto di diversità.
È stata presentata infatti la prima edizione dei Diversity Media Awards: il progetto, a cura di Diversity – l’associazione guidata da Francesca Vecchioni e impegnata nell’abbattimento delle discriminazioni – per la prima volta premia i migliori contenuti mediali italiani (TV, radio, cinema, pubblicità e web) che nell’ultimo anno hanno contribuito ad una corretta rappresentazione delle persone e tematiche LGBT.

Per la prima volta in Italia la ricerca ha analizzato quantitativamente la trattazione del temi LGBT all'interno dei contenuti mediali, dai telegiornali, e qualitativamente per il 2015 le trasmissioni radio e Tv fino, le serie italiane e straniere, i film e le pubblicità.

Infine, sei personaggi si sono distinti come portatori di una corretta visione del mondo LGBT, le conduttrici Barbara d'Urso e Daria Bignardi e tre celebri rappresentanti del mondo della musica, Laura Pausini, Fedez, Mika e Tiziano Ferro
Le votazioni dei vincitori finali saranno aperte a tutti sul sito www.diversitylab.it

 
 
DMA - Diversity Media Awards: le nomination
 
PEOPLE – Personaggio dell’anno
Barbara d’Urso
Daria Bignardi
Fedez
Laura Pausini
Mika
Tiziano Ferro
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tempo n 13

https://issuu.com/tempocarpi/docs/tempo13issu

 

 

“Il mio sogno è incontrare Mika”

 

Carpi | 31 Marzo 2016

Il mondo spensierato di Mika le ha tenuto compagnia nei lunghi periodi in ospedale: la vita guardata attraverso gli occhi di un cartone animato è indubbiamente più divertente e l’allegria delle canzoni di Mika è stata una componente importante per superare i momenti di grande sofferenza.  Per questo motivo Lia Piccinini, 5 anni, ha espresso un unico grande desiderio: incontrare Mika di persona per poterlo conoscere. Le canzoni le conosce tutte ma “la mia preferita è Io Resterò” dice riferendosi  a Stardust, cantata da Mika insieme a Chiara Galiazzo. Le insegnanti della sezione dei cinque anni della Scuola d’infanzia Arcobaleno le hanno fatto davvero una sorpresa scegliendo proprio quella canzone per la festa di Natale, in occasione del suo ritorno a scuola, senza la macchina.

Oggi Lia saltella come un grillo sulle sue stampelle sprigionando un’inesauribile energia e dimostra di trovarsi perfettamente a suo agio anche se l’ambiente è del tutto nuovo: osserva gli spazi e saluta tutti, “così quando avrò occasione di tornare mi potrò orientare conoscendo già  il posto”.  Quando Lia è nata, i suoi genitori Enrico e Chiara erano pronti a tutto: durante l’ecografia morfologica al quinto mese di gravidanza era stato evidente che mancava il perone della gamba sinistra che era più corta rispetto alla destra. L’amniocentesi tardiva non bastava a scongiurare completamente la presenza di altri problemi e, con il prelievo del sangue del cordone ombelicale, Enrico e Chiara hanno garantito la possibilità di ricavarne cellule staminali.  “Il gran giorno per noi arrivò il 31 dicembre 2010 all’Ospedale S. Orsola di Bologna. A due mesi la nostra piccola Lia veniva sottoposta ai raggi presso l’Istituto Rizzoli: oltre all’assenza del perone e all’enorme differenza di lunghezza tra le due gambe, fu diagnosticata a Lia la malformazione del piede torto congenito e una pseudoartrosi congenita”. Grazie alle indicazioni di una mamma con alle spalle i medesimi problemi, Enrico e Chiara si rivolgono all’Ospedale Manzoni di Lecco diretto dal professor Catagni. “Purtroppo in conseguenza della legge Monti di lì a poco il professor Catagni fu costretto a lasciare l’ospedale e privatamente l’intervento ci sarebbe costato sedicimila euro”.

Nuove ricerche portano i due genitori all’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova dove Lia, che ha poco più di due anni, viene sottoposta a un primo intervento eseguito dal dottor Boero per risolvere il problema della pseudoartrosi congenita e a una seconda tenotomia del tendine d’Achille. E’ il 13 aprile 2015 e viene misurata la differenza di lunghezza tra la gamba sinistra e quella destra: 16 centimetri. “E’ proprio per questa differenza importante che ci viene consigliato di iniziare presto l’allungamento osseo” ed è l’inizio del periodo più impegnativo per Lia: alla sua gamba, che è già tutta una cicatrice per i precedenti interventi, viene applicato l’Ilizarov che per Lia sarà la “macchina”: si tratta di un fissatore esterno somigliante a una sorta di gabbia metallica che imprigiona l’arto mediante fili transossei e anelli metallici collegati tra loro da astine filettate la cui distanza può aumentare girando le viti. Nella gamba ci sono 23 fori a cui corrispondono altrettanti fili di metallo e chiodi che arrivano fino all’osso, che le viene fratturato in quattro punti ed è stimolato a ricrescere in quei punti man mano si aumenta la distanza fra gli anelli. E’ mamma Chiara a girare la chiave inglese tre volte al giorno per due mesi per aumentare la distanza tra le fratture stimolando l’osso a ricrescere e i nervi e i muscoli ad allungarsi: il dolore è tale da richiedere una terapia antalgica a base di morfina, antinfiammatori e antidolorifici. Ogni dieci giorni è programmato un controllo al Gaslini di Genova e così Lia ha affrontato le trasferte per sottoporsi al monitoraggio della crescita tramite rx e per controllare le ferite che settimanalmente venivano medicate dagli infermieri domiciliari per evitare infezioni. Lia ha tenuto la macchina per diversi mesi, “dal 27 aprile al 9 dicembre 2015 – ricorda con precisione Chiara – e successivamente ha tenuto la gamba ingessata fino al 21 gennaio 2016”. La gamba sinistra si è allungata di dieci centimetri, ma resta ancora una differenza di sei e per questo in futuro dovrà essere  nuovamente sottoposta ad altri allungamenti fino al termine della crescita. Quando parla di Genova,  Lia ricorda gli amici clown Blu Blu, dottor Bo, Nasello e Peperita, ma non sono le uniche persone a cui va un ringraziamento: a loro si aggiungono il dottor Consarino, le dottoresse Matteo e Carossino, Giulia e Isabella che tuttora seguono Lia nella fisioterapia, le infermiere del Sadi in particolare Max, le tate dell’Arcobaleno. Lia può contare anche sulla sorellina Tea di due anni e sulla sua grande famiglia allargata composta da nonni, zii e cugini che non le hanno fatto mai mancare il loro affetto e supporto. La grande forza d’animo di Lia sostenuta da Enrico e Chiara ha permesso a questa bambina di sopportare tanta sofferenza e con la stessa intensità lei desidera incontrare Mika mentre canticchia “io resterò qui fermo finché, tu non vorrai stare con me…”.

Sara Gelli

 

25942881304_6e14fd0c8e_o.jpg

 

25944938833_89779ec1f6_o.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.radiowebitalia.it/87888/tour-2016/mika-cambio-location-per-il-concerto-del-6-luglio-a-genova.html

 

Mika: cambio location per il concerto del 6 luglio a Genova

 

Il concerto della popstar MIKA, in programma mercoledì 6 LUGLIO all’Arena del Mare di GENOVA, cambia location. A causa dell’enorme richiesta, infatti, il live si svolgerà alla PIAZZA DEL MARE / FIERA DI GENOVA, per permettere una capienza maggiore.

 

I biglietti per la nuova data sono disponibili a partire da oggi, giovedì 21 aprile, sul sito www.ticketone.it e nei circuiti di vendita autorizzati.

I biglietti già acquistati per la data in programma all’Arena del Mare rimangono validi per la nuova location.

Quest’estate, Mika sarà in tour in tutta Italia per uno show esplosivo, dove presenterà i suoi più grandi successi, ormai davvero tanti, di un’artista dalla carriera sempre in ascesa.

 

Queste tutte le date del tour, prodotto e organizzato da Barley Arts:

Venerdì 24 GIUGNO – Banchina San Domenico, MOLFETTA (Bari)
Domenica 26 GIUGNO – Stadio delle Palme, PALERMO
Martedì 5 LUGLIO – Pistoia Blues, PISTOIA
Mercoledì 6 LUGLIO – Piazza del Mare/Fiera di Genova, GENOVA
Domenica 10 LUGLIO – Umbria Jazz, PERUGIA
Martedì 12 LUGLIO – Postepay Sound, PIAZZOLA SUL BRENTA (Padova)
Domenica 17 LUGLIO – Collisioni, BAROLO (Cuneo)
Giovedì 28 LUGLIO – Piazza Unità d’Italia, TRIESTE
Sabato 30 LUGLIO – Arena La Civitella, CHIETI
Domenica 31 LUGLIO – Cavea Auditorium Parco della Musica, ROMA

 

Translation:

 

Mika: change of location for the concert on July 6 in Genoa

 

The concert of the pop star MIKA, scheduled for Wednesday, July 6 at the Arena del Mare in Genoa, changes location. Due to the enormous demand, in fact, the live will be held at the PIAZZA DEL MARE / FIERA DI GENOVA, to allow a greater capacity.

 

The tickets for the the new date are available starting today, Thursday, April 21, on www.ticketone.it and in authorized sales circuits.

 

The tickets already purchased for the date scheduled at the Arena del Mare remain valid for the new location.

This summer, Mika will be on tour throughout Italy for an explosive show, where he will present his greatest hits, by now really a lot, of an artist with a career always on the rise.

Edited by charlie20

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tempo n 13

https://issuu.com/tempocarpi/docs/tempo13issu

 

 

“Il mio sogno è incontrare Mika”

 

Carpi | 31 Marzo 2016

Il mondo spensierato di Mika le ha tenuto compagnia nei lunghi periodi in ospedale: la vita guardata attraverso gli occhi di un cartone animato è indubbiamente più divertente e l’allegria delle canzoni di Mika è stata una componente importante per superare i momenti di grande sofferenza.  Per questo motivo Lia Piccinini, 5 anni, ha espresso un unico grande desiderio: incontrare Mika di persona per poterlo conoscere. Le canzoni le conosce tutte ma “la mia preferita è Io Resterò” dice riferendosi  a Stardust, cantata da Mika insieme a Chiara Galiazzo. Le insegnanti della sezione dei cinque anni della Scuola d’infanzia Arcobaleno le hanno fatto davvero una sorpresa scegliendo proprio quella canzone per la festa di Natale, in occasione del suo ritorno a scuola, senza la macchina.

Oggi Lia saltella come un grillo sulle sue stampelle sprigionando un’inesauribile energia e dimostra di trovarsi perfettamente a suo agio anche se l’ambiente è del tutto nuovo: osserva gli spazi e saluta tutti, “così quando avrò occasione di tornare mi potrò orientare conoscendo già  il posto”.  Quando Lia è nata, i suoi genitori Enrico e Chiara erano pronti a tutto: durante l’ecografia morfologica al quinto mese di gravidanza era stato evidente che mancava il perone della gamba sinistra che era più corta rispetto alla destra. L’amniocentesi tardiva non bastava a scongiurare completamente la presenza di altri problemi e, con il prelievo del sangue del cordone ombelicale, Enrico e Chiara hanno garantito la possibilità di ricavarne cellule staminali.  “Il gran giorno per noi arrivò il 31 dicembre 2010 all’Ospedale S. Orsola di Bologna. A due mesi la nostra piccola Lia veniva sottoposta ai raggi presso l’Istituto Rizzoli: oltre all’assenza del perone e all’enorme differenza di lunghezza tra le due gambe, fu diagnosticata a Lia la malformazione del piede torto congenito e una pseudoartrosi congenita”. Grazie alle indicazioni di una mamma con alle spalle i medesimi problemi, Enrico e Chiara si rivolgono all’Ospedale Manzoni di Lecco diretto dal professor Catagni. “Purtroppo in conseguenza della legge Monti di lì a poco il professor Catagni fu costretto a lasciare l’ospedale e privatamente l’intervento ci sarebbe costato sedicimila euro”.

Nuove ricerche portano i due genitori all’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova dove Lia, che ha poco più di due anni, viene sottoposta a un primo intervento eseguito dal dottor Boero per risolvere il problema della pseudoartrosi congenita e a una seconda tenotomia del tendine d’Achille. E’ il 13 aprile 2015 e viene misurata la differenza di lunghezza tra la gamba sinistra e quella destra: 16 centimetri. “E’ proprio per questa differenza importante che ci viene consigliato di iniziare presto l’allungamento osseo” ed è l’inizio del periodo più impegnativo per Lia: alla sua gamba, che è già tutta una cicatrice per i precedenti interventi, viene applicato l’Ilizarov che per Lia sarà la “macchina”: si tratta di un fissatore esterno somigliante a una sorta di gabbia metallica che imprigiona l’arto mediante fili transossei e anelli metallici collegati tra loro da astine filettate la cui distanza può aumentare girando le viti. Nella gamba ci sono 23 fori a cui corrispondono altrettanti fili di metallo e chiodi che arrivano fino all’osso, che le viene fratturato in quattro punti ed è stimolato a ricrescere in quei punti man mano si aumenta la distanza fra gli anelli. E’ mamma Chiara a girare la chiave inglese tre volte al giorno per due mesi per aumentare la distanza tra le fratture stimolando l’osso a ricrescere e i nervi e i muscoli ad allungarsi: il dolore è tale da richiedere una terapia antalgica a base di morfina, antinfiammatori e antidolorifici. Ogni dieci giorni è programmato un controllo al Gaslini di Genova e così Lia ha affrontato le trasferte per sottoporsi al monitoraggio della crescita tramite rx e per controllare le ferite che settimanalmente venivano medicate dagli infermieri domiciliari per evitare infezioni. Lia ha tenuto la macchina per diversi mesi, “dal 27 aprile al 9 dicembre 2015 – ricorda con precisione Chiara – e successivamente ha tenuto la gamba ingessata fino al 21 gennaio 2016”. La gamba sinistra si è allungata di dieci centimetri, ma resta ancora una differenza di sei e per questo in futuro dovrà essere  nuovamente sottoposta ad altri allungamenti fino al termine della crescita. Quando parla di Genova,  Lia ricorda gli amici clown Blu Blu, dottor Bo, Nasello e Peperita, ma non sono le uniche persone a cui va un ringraziamento: a loro si aggiungono il dottor Consarino, le dottoresse Matteo e Carossino, Giulia e Isabella che tuttora seguono Lia nella fisioterapia, le infermiere del Sadi in particolare Max, le tate dell’Arcobaleno. Lia può contare anche sulla sorellina Tea di due anni e sulla sua grande famiglia allargata composta da nonni, zii e cugini che non le hanno fatto mai mancare il loro affetto e supporto. La grande forza d’animo di Lia sostenuta da Enrico e Chiara ha permesso a questa bambina di sopportare tanta sofferenza e con la stessa intensità lei desidera incontrare Mika mentre canticchia “io resterò qui fermo finché, tu non vorrai stare con me…”.

Sara Gelli

 

25942881304_6e14fd0c8e_o.jpg

 

25944938833_89779ec1f6_o.jpg

Amazing kid...Hope she will get her wish!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://palermo.blogsicilia.it/concerti-mika-e-negramaro-confermato-stadio-delle-palme/336611/

 

la replica degli organizzatori dopo le polemiche

Concerti Mika e Negramaro
“Confermato stadio delle Palme”

 

mika4.jpg

 

 

04 maggio 2016

di Redazione
 

Prima l’annuncio dei due importanti eventi con relativa location in pompa magna, poi i dubbi sulla reale possibilità di usare la struttura. Non si placano le polemiche sui concerti di Mika ed i Negramaro previsti per giugno e luglio allo Stadio delle Palme di Palermo.

 

Proprio ieri le associazioni Vivo Civile e Comitati Civici e il gruppo consiliare Comitati Civici di Sala delle Lapidi hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica sulla concessione, da parte del Comune, dello Stadio delle Palme.

 

Insomma, i concerti si faranno proprio lì, in un altro luogo o verranno annullati?

 

Nel bel mezzo del dibattito riceviamo una precisazione, che pubblichiamo, inviataci da Carmelo Costa, il ‘padre’ di Musica da Bere, la società di spettacoli che ha organizzato le due esibizioni.

 

Costa premette: “che i concerti da tempo programmati di MIKA e dei NEGRAMARO, non sono mai stati “a rischio”. Il Comune di Palermo ha ribadito la legittimità degli atti concessori, sottoscritti ormai da oltre due mesi, e non vi è alcuna possibilità di cambio location o di annullamento.

Viviamo in uno Stato di diritto e fortunatamente non dipende da un paio di persone che neanche sanno cosa è un concerto impedirlo, la Musica non partecipa alle beghe politiche”.

 

La replica ufficiale di Musica da Bere, affidata ad una nota stampa, è la seguente:

 

“Dopo tante illazioni ed ipotesi fantasiose, i due concerti evento di MIKA il 26 giugno e dei Negramaro il 26 luglio sono stati riconfermati alla Stadio delle Palme.
A seguito di alcuni approfondimenti interni da parte del Comune di Palermo, gli Atti Concessori sono infatti risultati pienamente legittimi e pertanto non vi sarà alcun cambio di location, peraltro sempre esclusa dagli Organizzatori.
Intanto in vista dei due appuntamenti musicali che coinvolgeranno a Palermo migliaia di spettatori provenienti da tutto il Sud Italia, la struttura si è rifatta il look: la Gradinata è stata rimessa a norma e sarà riaperta a giorni e gli altri interventi di manutenzione ordinaria sono stati effettuati.
Finalmente dunque parliamo di musica e non di burocrazia!
Sono quasi 9 mila i biglietti già venduti per i due eventi: oltre 3 mila per MIKA e oltre 5 mila per i NEGRAMARO“.

 

E ancora: “Intanto cominciano a trapelare alcune anticipazioni sugli spettacoli.
Mika è felicissimo di tornare in Sicilia dopo l’enorme successo ottenuto al Teatro Antico di Taormina lo scorso anno, ed ha in serbo alcune sorprese riservate al pubblico siciliano.
Nella scaletta vi saranno tutti i suoi grandi successi e, come sempre, il suo concerto sarà simile ad una grande Festa.

I Negramaro mancano da Palermo da 9 anni e per Giuliano rappresenta un vero sogno esibirsi nel capoluogo siciliano dopo tanto tempo.
Il pubblico palermitano non ha mai abbandonato il gruppo salentino, sobbarcandosi lunghi ed onerosi trasferimenti ad Acireale e a Taormina: finalmente il gruppo suonerà a Palermo e sul prato dello Stadio delle Palme potranno assistere ad una grande serata di musica.
Notevole la ricaduta economica sulla città dei due Eventi con gli alberghi della zona che risultano pieni pur essendo bassa stagione.
Numerosi i pullman organizzati da varie località dell’isola e da tutto il Sud Italia ed addirittura due voli speciali da Malta!
La Musica da Bere Srl che organizza gli eventi insieme con la Agave Spettacoli srl non lascerà nulla al caso in una capillare organizzazione che finalmente non escluderà Palermo dai circuiti dei grandi concerti”.

 

 

 

http://palermo.blogsicilia.it/via-libera-ai-concerti-di-mika-e-negramaro-esposto-in-procura-e-protesta/336615/

 

La polemica di Comitati civici e associazioni di atletica

Concerti di Mika e Negramaro
Esposto in Procura e protesta

 

 

04 maggio 2016

di Redazione
 

Concerti allo Stadio delle Palme. Esposto in Procura e manifestazione di protesta. Un esposto alla Procura della Repubblica, curato dall’avvocato Marianna Moncada, e una manifestazione di protesta con le associazioni sportive della città. Queste le iniziative messe in campo in riferimento alla concessione del Comune di Palermo dello Stadio delle Palme per i concerti di Mika e Negramaro, previsti per giugno e luglio.

 

Alla conferenza stampa, tenutasi oggi a Palazzo delle Aquile, hanno preso parte il capogruppo dei Comitati Civici al consiglio comunale di Palermo Filippo Occhipinti, il consigliere comunale dei Comitati Civici Gaspare Lo Nigro, il presidente dell’associazione Vivo Civile Marcello Robotti e il presidente dell’associazione Comitati Civici Giovanni Moncada, oltre ai rappresentanti di alcune società e federazioni sportive locali fra cui Gaspare Polizzi, presidente della Fidal regionale, e il professor Siculiana, vicepresidente del Cus Palermo.

 

“Noi siamo favorevolissimi a tutti i concerti, il problema è che Palermo non ha le strutture adeguate e in questi quattro anni non si è fatto nulla per attrezzare uno spazio che potesse ospitare questi eventi – ha detto Occhipinti, firmatario insieme a Robotti e Moncada dell’esposto – Nel piano triennale opere pubbliche abbiamo stanziato un milione di euro per gli interventi allo Stadio delle Palme, ma manca l’agibilità della tribuna per poche migliaia di euro. Non c’è stata la volontà dell’amministrazione di risolvere il problema fino ad ora. Il regolamento, benchè datato, vieta l’uso della struttura per manifestazioni non sportive. Abbiamo cercato il dialogo con la dirigente Fernanda Ferreri, il primo aprile abbiamo scritto al sindaco e il 26 aprile la dirigente ha risposto ritenendosi al di sopra del regolamento e del controllo del consiglio comunale. Che ruolo ha il consiglio, se i regolamenti possono essere aggirati così? Non avremmo voluto fare l’esposto, ma di fronte all’intransigenza della dirigente siamo costretti. Lo stadio è dei cittadini e degli amanti dello sport”.

 

“Nonostante un richiamo sulla vicenda da parte del Segretario Generale, sembra che l’amministrazione abbia deciso di procedere ugualmente – ha detto Robotti – Evidentemente il timore di una causa intentata dall’organizzatore prevale su regolamenti e principi. Ecco perché abbiamo ritenuto necessario richiamare l’attenzione della Procura per verificare la legittimità dell’operazione ed eventualmente la sussistenza di possibili reati. Lo Stadio delle Palme é l’unico impianto a disposizione dei palermitani e va difeso, senza se e senza ma. Ben vengano i concerti ma nelle location adatte che non mancherebbero, se ci fosse un minimo di buonsenso da parte di tutti”.

 

Per Moncada non si può “perdere di vista la sicurezza dei cittadini, la struttura dello Stadio delle Palme è precaria e parliamo di almeno 10 mila spettatori. Aspettiamo risposte sulla questione della sicurezza. Interesseremo il Prefetto della vicenda”.

 

I rappresentanti delle società sportive, che questa mattina hanno incontrato l’amministrazione attiva, sono sul piede di guerra e hanno proposto una manifestazione di protesta per evitare che in futuro accadano episodi simili.

Edited by charlie20
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thanks a lot for posting !!!

What is that CD ?

 

1

27497408436_4d4a4c2874_k.jpg

 

2

27531759135_ed57be779f_k.jpg

3

26922389064_56b634c905_k.jpg

 

4

26923380833_baa378edd5_k.jpg

Interesting interview, thanks for posting!

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thanks a lot for posting !!!

What is that CD ?

 

1

 

 

2

 

3

 

 

 

4

 

 

You're welcome

Speak up is an educational magazine, the CD contains all the articles as spoken tracks for listening along while reading. Mika's one starts with the article introduction read by a speaker then there's Mika himself.

I'm not sure I can share it because of copyright rules  :dunno:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thanks for posting! Interesting interview about working with theaters and symphony orchestra  :thumb_yello:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.