Gabry74

'La compagnia del cigno' the new collaboration between Mika and Ivan Cotroneo from 7 January 2019 on RAI 1

Recommended Posts

FREE Concert in Milan on 4th July.

https://www.iulm.it/wps/wcm/connect/iulmit/iulm-it/news-e-eventi/notizie/la+milanesiana+2019+in+iulm

 

Giovedì 4 luglio alle 21.00 La compagnia del cigno,

protagonista dell’omonima serie tv prodotta dalla Rai, scritta e diretta da Ivan Cotroneo, si esibirà in un concerto dall’eloquente titolo Musica e speranza.

In apertura letture dello stesso Cotroneo, di Anna Valle e Rocco Tanica.

L'ingresso è libero previa registrazione.
 

Clicca qui per registrarti all'evento "Musica e speranza — La compagnia del cigno".

 

 

https://www.iulm.it/forms/anon/org/app/28a97dfd-ced0-4ff8-8753-d445ed55844e/launch/index.html?form=F_Modulo1

La Milanesiana 2019
 
Giovedì 4 Luglio
ore 21:00
Università IULM - Auditorium

Musica e Speranza
La Compagnia del Cigno


Letture e Dialogo
Ivan Cotroneo, Alessio Boni, Anna Valle
 
Concerto
La Compagnia del Cigno
 
 
 
 
 
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Nell'ambito de La Milanesiana 2019, l'Università IULM di Milano ha ospitato La compagnia del cigno, la fortunata Serie TV trasmessa dalla Rai.

Durante l'evento si è tenuto il concerto dal titolo Musica e speranza, preceduto da un monologo dell'attore Rocco Tanica. In questo video, le interviste al regista della Serie, Ivan Cotroneo, e allo stesso Rocco Tanica.

 

  **************************************

 

In the context of La Milanesiana 2019, the IULM University of Milan hosted The Swan Company, the successful TV series broadcast by Rai.

During the event the concert was held entitled Music and hope, preceded by a monologue by the actor Rocco Tanica.

In this video, interviews with the director of the Series, Ivan Cotroneo, and with Rocco Tanica himself.

 

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Devo fare una confessione: scrivo e dirigo film soprattutto per venire a Giffoni. Ero qui con Un bacio, le Masterclass e Mika.

Questo Festival è unico al mondo".

@ivancotroneo1 torna a #Giffoni2019 con il cast de #LaCompagniaDelCigno.

E aggiunge: "Ci sarà una seconda stagione!"

 

*************************************

 

"I have to make a confession: I write and direct films especially to come to Giffoni. I was here with Un bacio, the Masterclass and Mika.
This Festival is unique in the world ".

@ ivancotroneo1 returns to # Giffoni2019 with the cast of #LaCompagniaDelCigno.

And he adds: "There will be a second season!"

 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Music to my ears . . .

"There will be a second season!"

[Will MIKA again be involved?]

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giffoni Film Festival

  • Lunedì, 22 Luglio 2019 15:17

https://www.giffonifilmfestival.it/news-22-luglio-giffoni-2019/item/7668-ivan-cotroneo-la-compagnia-del-cigno-racconta-di-ragazzi-come-i-giffoners-appassionati-di-talento-e-che-studiano.html

 

Ivan Cotroneo: "La compagnia del Cigno racconta di ragazzi come i Giffoners, appassionati, di talento e che studiano"

 

"Volevo raccontare ragazzi di talento, che studiano, che hanno passioni e sogni ma senza dipendenze, drammi in famiglia, omicidi alle spalle: con Monica Rametta abbiamo raccontato quella bella gioventù che non passa per la cronaca nera e che solitamente resta in ombra. Anche per questo il successo della serie è stato per me una grande soddisfazione: ringrazio chi ha creduto in questa storia". Ivan Cotroneo torna al Giffoni Film Festival con il cast de La compagnia del Cigno, serie prodotta da Indigo Film in collaborazione con Rai Fiction, ideata e diretta da Cotroneo e interpretata da sette ragazzi selezionati tra i Conservatori d'Italia - Leonardo Mazzarotto, Fotinì Peluso, Emanuele Misuraca, Hildegard De Stefano, Ario Nikolaus Sgroi, Chiara Pia Aurora e Francesco Tozzi - tutti al Giffoni 2019 per incontrare i loro coetanei. La serie ha segnato per loro un punto di svolta nella vita e anche nel loro rapporto con la musica, che però dichiarano non lasceranno mai: "Sarebbe come rinnegare le proprie origini. Tenere i piedi in due scarpe, però, non sarebbe male" dicono i ragazzi, ancora all'oscuro di quel che riserverà loro la seconda stagione, ancora in fase di scrittura.

 

"Non so quando inizieremo le riprese, dipenderà da quanto io e Monica saremo bravi e veloci a scrivere. Chiusa la prima stagione abbiamo immaginato un nuovo scenario in cui far muovere i personaggi, attingendo dalle vite degli interpreti: c'è chi si è trasferito a Milano da una provincia del Sud, chi si è riavvicinato a un particolare strumento, chi è andato all'estero. In questa stagione ci sarà anche questo, con nuovi personaggi, che cercheremo ancora nei Conservatori, e nuovi intrecci, mantenendo l'attenzione per la musica tra pop e classica" dice Cotroneo, che ha lasciato all'oscuro delle novità anche il cast.

 

Già dai tempi di Un bacio il mio desiderio è stato quello di parlare dei ragazzi non con lo sguardo del cinquantenne, ma con il rispetto per quella sofferenza, quell'insoddisfazione tipica dell'adolescenza che quell'età merita e che io ancora ricordo" aggiunge il regista e sceneggiatore, che si può dire innamorato del Festival. "Devo fare una confessione: io scrivo e dirigo film soprattutto per venire a Giffoni. Sono venuto con Un Bacio, per le Masterclass, con Mika. Questo Festival è unico al mondo. Parlare qui di una storia dedicata ai ragazzi dà veramente un senso al tuo lavoro. E poi essere qui dove è stato Truffaut che per me è un esempio di cinema, di un modo di raccontare i ragazzi, è una cosa che mi riempie d'orgoglio. Nella vita voglio continuare a raccontare storie degne di essere presentate qui" aggiunge entusiasta Cotroneo. "I jurors del Festival sono come La compagnia del Cigno: per il cast oggi sarà come guardarsi in uno specchio incontrando i ragazzi del Giffoni, che come loro inseguono non un sogno di successo, ma un sogno di espressione. E tutti loro hanno dignità di essere ascoltati e raccontati. Anche il Festival fa questo: rende protagonisti chi in genere non viene considerato".

 

Google translator

 

Ivan Cotroneo: "The company of the Swan tells of boys like the Giffoners, passionate, talented and studying"

 

"I wanted to tell talented boys, who study, who have passions and dreams but without dependencies, family dramas, homicides behind them: with Monica Rametta we told that beautiful youth who does not pass through the crime and who usually remains in the shadows. this is why the success of the series was a great satisfaction for me: I thank those who believed in this story ". Ivan Cotroneo returns to the Giffoni Film Festival with the cast of The company of the Swan, a series produced by Indigo Film in collaboration with Rai Fiction, conceived and directed by Cotroneo and performed by seven boys selected from the Conservatories of Italy - Leonardo Mazzarotto, Fotinì Peluso , Emanuele Misuraca, Hildegard De Stefano, Arius Nikolaus Sgroi, Chiara Pia Aurora and Francesco Tozzi - all at Giffoni 2019 to meet their peers. The series marked a turning point for them in life and also in their relationship with music, but they never say they will leave: "It would be like denying one's origins. But keeping your feet in two shoes would not be bad" they say the boys, still unaware of what the second season will reserve for them, still in the writing phase.

 

"I don't know when we will start filming, it will depend on how fast Monica and me are good at writing. Closed the first season, we imagined a new scenario in which to move the characters, drawing from the lives of the performers: some moved in Milan from a southern province, those who have come close to a particular instrument, those who have gone abroad, this season there will also be this, with new characters, whom we will still be looking for in the Conservatories, and new plots, keeping the attention for the music between pop and classical "says Cotroneo, who also left the cast unaware of the news.

 

Since the time of Un bacio my desire has been to talk about the boys not with the look of the fifty, but with respect for that suffering, that typical dissatisfaction of adolescence that that age deserves and that I still remember "adds the director and screenwriter, who can be said to be in love with the Festival. "I have to make a confession: I write and direct films especially to come to Giffoni. I came with Un Bacio, for the Masterclasses, with Mika. This festival is unique in the world. Talking about a story dedicated to kids really makes sense of your work. And then being here where Truffaut was, which for me is an example of cinema, of a way of telling kids, is something that fills me with pride. In life I want to continue to tell stories worthy of being presented here "Cotroneo adds enthusiastically." The jurors of the Festival are like The company of the Swan: for the cast today it will be like looking at oneself in a mirror and meeting the Giffoni boys a dream of success, but a dream of expression. And all of them have the dignity of being listened to and told. The Festival also does this: it makes those who are not generally considered protagonists ".

 

 

 

ce1ba2d7fa359744c9ff37fd1eee9e73_L.thumb.jpg.3414ab21169ad204927bbc8e6fd56208.jpg

 

Giffoni Daily 23 Luglio 2019

https://issuu.com/giffoniexperience/docs/daily_23_07_2019

page_12.thumb.jpg.f705c50ff7c817bbc3403c

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.