mari62

MFC Italia - ITALIAN THREAD 2019

Recommended Posts

Nuovo Anno, Nuovo Thread! 🎉

Un caldo benvenuto a tutti, Italiani e non! :welcomeani: 

 

Avremo di che riempire queste pagine con in vista tante novità: musica, album, tour e collaborazioni!

 

Buon divertimento!  

 

 

 

 

-------------------------------------------
Italian Press 2019

Italian Thread 2018

  • Like 12
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @mari62! :bye:

Le occasioni per non lasciare queste pagine bianche, bianche, bianche e di riempirle di colori non mancheranno e non vedo, anzi vediamo, perché sono più che sicura di non essere l'unica a sperarlo, l'ora di poterlo fare! :cheer::mika1:

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutte......speriamo veramente queste pagine possano essere riempite di musica allegria colori e gioia come vorrebbe Mika... In tutta serenità e amicizia... Buon anno mikoso a tutte 💖💖😍😍🎹🎻🎺🥁🎶🎵🎤🔝🔝

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, perché sia un gioioso anno da passare assieme a voi e Mika🌹

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti! Anno nuovo e pagina nuova! 🎉🎉🎉  Tanta musica, album, tour, collaborazioni... non chiediamo altro! 😍😍😍❤✌

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccoci! Buon Mika-2019!!!!

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

@dotoli, il brano a cui ti riferivi nel commento che avevi postato, nell'ultima pagina del Thread italiano del 2018, era l'Adagio di Albinoni.

  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille Gabriella 😘

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutte!!! Buon Anno e speriamo per nuova bellissima musica mikiana... ☺️😍😂

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno! :bye:

Questa sera alle ore 21:25 su RAI1, non dimenticatevi la quarta puntata de "La Compagnia Del Cigno"! :toot:

 

20190120_132140.jpg

20190121_065223.jpg

  • Like 3
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

È ufficiale, nella prossima puntata de "La Compagnia Del Cigno", ci sarà anche Mika! :cheer:

 

20190121_233921.jpg

20190121_233900.jpg

  • Like 4
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
On ‎1‎/‎21‎/‎2019 at 6:57 AM, Gabry74 said:

Buongiorno! :bye:

Questa sera alle ore 21:25 su RAI1, non dimenticatevi la quarta puntata de "La Compagnia Del Cigno"! :toot:

 

20190120_132140.jpg

20190121_065223.jpg

mannaggia a voi... ho aspettato tanto ieri sera... ma poco male settimana prossima lo vedremo sicuramente ieri sera avevo la sua espressione identica mentre aspettavo di vederlo

  • Like 1
  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, Paoletta said:

mannaggia a voi... ho aspettato tanto ieri sera... ma poco male settimana prossima lo vedremo sicuramente ieri sera avevo la sua espressione identica mentre aspettavo di vederlo

Io ho iniziato a seguire "La Compagnia Del Cigno" perché mi piacciono le fiction di Cotroneo e per la collaborazione di Mika. Successivamente, mi sono talmente appassionata alla storia di questi sette ragazzi talentuosi e alle loro problematiche, che il suo cameo che vedremo lunedì prossimo, è un valore aggiunto ad una serie perfettamente confezionata, che trasmette sani valori positivi e molto importanti. Comunque dai Paoletta, manca pochissimo ormai! :biggrin2:

  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il cameo di Mika ne "La Compagnia Del Cigno": :fangurl:

 

  • Like 6
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

È appena terminata "La Compagnia Del Cigno" e già mi manca! Era diventata un appuntamento fisso ed imperdibile. Il finale è stato strepitoso, molto intenso ed emozionante e Sound Of An Orchestra ha chiuso in bellezza, questo capolavoro della televisione italiana. :fangurl:

Oggi è stato confermato che ci sarà una seconda serie! Non vedo l'ora di vedere il seguito della storia di questi 7 ragazzi molto talentuosi e del maestro Marioni, magistralmente interpretato da Alessio Boni e consorte (Anna Valle).  E chissà se ricomparirà anche il nostro BOSS... :biggrin2::cheer:

 

 

Edited by Gabry74
  • Like 3
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sabato pomeriggio alle ore 15 su France Bleu, andrà in onda un'intervista di Mika, in cui parlerà della sua nuova avventura a The Voice. :)

 

https://www.francebleu.fr/107-1

 

E ne stiamo parlando anche qui:

 

 

  • Like 3
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa sera alle 21:00 su TF1 andrà in onda la prima puntata di The Voice! :toot:

 

http://www.streaming-hub.com/tf1-live/

https://www.firstonetv.live/Live/France/TF1-28

https://www.tf1.fr/tf1/direct

 

Su Le Monde è stata pubblicata un'intervista fatta a Mika e questo è uno stralcio della prima parte:

 

"Non sarei mai arrivato dove sono ora se non fossi mai stato sonnambulo. Di notte, dai miei 7 anni all'inizio dell'adolescenza, spostavo i mobili dall'appartamento. Sono persino uscito per strada senza che i miei genitori lo sapessero. Mia madre finì per bloccare la porta della mia stanza. Questo sonnambulismo era diventato qualcosa di magico nella mia vita di tutti i giorni. Non riuscire a controllare tutto e lasciare che l'inconscio mi guidasse senza pensare alle conseguenze ha fatto sì che io divenissi la persona e l'artista che sono. Essere incosciente è essenziale per la mia sopravvivenza."

 

Cosa pensi di ciò che sta succedendo ai refugiati siriani che tentano di raggiungere l'Europa?

 

"È la storia umana più importante del nostro tempo. Vedere che questi esseri umani sono ridotti a delle statistiche mi fa molto male. Non conosco nessuno che sia disposto a non aiutare qualcuno che affoga di fronte a lui. Ma è quello che stanno facendo i politici con le loro parole."
 

 

 

 

20190209_120325.jpg

  • Like 4
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altro stralcio...

Quest'anno uscirà il mio 5° album. Ci ho messo un anno in più per farlo rispetto ai precedenti. Io scrivo i miei testi, le mie musiche, li coproduco, realizzo i disegni con mia sorella, tutto è artigianale. Racconto storie alla mia maniera, con immagini, personaggi, colori. Le storie possono essere immaginarie oppure più scure e dolorose... creo un mondo nel quale perdersi per un'ora e mezza!

  • Like 3
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se volete rivedere la puntata di ieri sera di The Voice e de La Suite, potete farlo cliccando sui seguenti link:

 

https://www.tf1.fr/tf1/the-voice/videos/the-voice-audition-a-l-aveugle-1-saison-08.html

 

https://www.tf1.fr/tf1/the-voice/videos/the-voice-suite-1-saison-08.html?xtor=AD-30

 

Qui potete trovare l'intera intervista di Mika pubblicata su Le Monde:

 

Se non fossi stato sonnambulo. Di notte, dai miei sette anni all'inizio dell'adolescenza, spostai i mobili dall'appartamento. Sono persino andato in strada senza che i miei genitori se ne rendessero conto. Una volta, i netturbini mi riportarono in pigiama e calze. Mia madre finì per bloccare la porta della mia stanza. Questo sonnambulismo era magico nella mia vita quotidiana. Non controllare tutto, lascia che l'inconscio mi guidi senza pensare alle conseguenze, è così che sono diventato la persona e l'artista che sono. Essere incosciente è essenziale per la mia sopravvivenza.
Prima di Mika, si nasce Michael Holbrook Penniman nel 1983 in Libano, una famiglia cristiano maronita costretto a fuggire in Francia un anno dopo per sfuggire alla guerra ...
La vita di tutti i giorni a Beirut era diventata molto difficile e pericolosa. Una notte, metà dell'appartamento era stato distrutto dai bombardamenti. Mia madre è siro-libanese, ma mio padre è americano, nato a Gerusalemme, cresciuto al Cairo, Washington, Londra ... Sono stati in grado di partire per Cipro e ha scelto Parigi. C'era un legame con il Libano. Mia madre aveva imparato il francese.
Che ricordo tieni dai tuoi anni parigini?
Quella di un'infanzia molto felice. Abbiamo vissuto nel 16 ° distretto, Piazza Lamartine, mio padre aveva un buon lavoro in finanza, ho frequentato una piccola scuola privata, il corso Victor-Hugo. A casa, era Parigi-Beirut. Il cibo era franco-arabo. Molte persone ci stavano aspettando alla fine della guerra. Il tempo era un po 'sospeso.
Mia madre ha confezionato abiti per bambini. Il suo studio era la sala da pranzo e il soggiorno. Dal momento che aveva molti ordini da grandi magazzini, si poteva sentire il rumore delle macchine da cucire anche di notte. Abbiamo avuto il diritto di accompagnarla nel Sentiero scegliendo i tessuti per i nostri vestiti che lei stessa ha creato. I miei pantaloncini, le mie camicie, i miei papillon erano un modo per esprimermi, per divertirmi. A Natale, dovevamo fare i nostri regali, e soprattutto non comprarli - comunque, non avevamo soldi in tasca. Creare era normale, era vita. E la musica faceva parte di questo.
Esattamente, com'è nato questo gusto per la musica?
Ho avuto lezioni di piano con due sorelle gemelle, un po 'vecchie, che mangiavano costantemente torte. Si sedettero ai due lati di me, uno era occupato con la mano destra, l'altro era con la mano sinistra. Tutto andava bene, ho letto la musica, ho iniziato a suonare ...
E soprattutto, c'era musica dalla mattina alla sera, in questo appartamento, dove la vita era molto intensa. Mia madre, sarte, ognuno stava cantando Nina Simone, Bob Dylan, Joan Baez, Georges Moustaki, Jean Ferrat, Gainsbourg, i Rolling Stones, Fairouz, Oum Kalthoum ... La musica è diventato ovvio per me. Avevo delle valigette piene di cassette che registravo, creavo "playlist" ordinate per emozione e colore - perché, la musica, la sentivo rossa o verde. Quando le cose andavano male, il volume della musica saliva a casa.
Cosa è successo?
Mio padre è stato mandato dalla sua banca per un viaggio di lavoro in Kuwait. Fu catturato durante l'invasione del Kuwait da Saddam Hussein durante la prima guerra del Golfo, e fu tenuto all'ambasciata degli Stati Uniti per otto mesi. Non avevamo contatti, solo un fax di tanto in tanto. La stabilità che conoscevamo con le mie sorelle è poi crollata.
Quando mio padre tornò, con la barba, magro, i suoi occhi erano diversi. Non l'abbiamo chiamato "papà" ma "Mike", non so perché. Dopo il trauma che ha avuto, ha avuto problemi, è stato licenziato. Abbiamo perso tutto. Ho imparato come gestire gli uscieri: quando suonano, per dire che non ci sono adulti a casa, che non possiamo aprire perché non li conosciamo. Ma alla quarta visita, li ho visti portare tutto a casa, io seduto sul divano rosso. Non perdonerò mai un sistema che lo permetta. Questa invasione in ciò che è sacro, la casa. Questa punizione ingiustificata ...
Come hanno reagito i tuoi genitori?,
Mio padre stava diventando sempre più silenzioso. Mia madre, estremamente determinata. Una sera, siamo entrati nella Toyota Previa e siamo andati a Londra. Siamo atterrati in un bed & breakfast. Doveva essere per due settimane, siamo rimasti per due anni. Quando mio padre non ha guadagnato abbastanza soldi, mia madre lavorava in cucina.
A 8 anni, hai iniziato a frequentare le classi elementari del liceo francese a Londra. E tu eri vittima di una molestia di cui hai testimoniato alla fine del 2018, durante la giornata nazionale contro questa piaga ...
Ho avuto problemi perché, improvvisamente, sono diventato dislessico. Ho dimenticato la teoria musicale e persino come leggere e scrivere. Party! Ho parlato inglese con un accento parigino. Ero vestito con i miei pantaloncini rosa, la tuta gialla da pisello, il papillon nello stesso tessuto. A Parigi, sono stato fotografato quando ho accompagnato mia madre in sfilate di moda. Lì, ero un alieno! Un'insegnante che indossava sempre un cappotto viola e un cappellino nero mi ha scelto, insieme ad altri due studenti, come vittima della sua rabbia. Mi ha fatto salire su una sedia e mi ha umiliato, dicendomi di fronte a tutti che ero stupido, pigro, che tutto quello che volevo era suonare - fortunatamente, non sono cambiato! Ha scritto poesie atroci su di noi che altri studenti hanno dovuto recitare.
Ho smesso di parlare, volevo diventare invisibile, non esserci più. Anche a casa non parlavo più, non ascoltavo più la musica. I miei genitori non capivano. Finché un giorno, riportando la mia borsa in classe, mia sorella Paloma sente l'insegnante parlare con me. È venuto mio padre, ha detto all'insegnante cosa ha detto e svenne. Sono stato licenziato dal regista. Sono venuto saltando e cantando "La strega è morta! Avevo in mente l'immagine della strega cattiva del Mago di Oz che si scioglie a causa dell'acqua.
Che cosa hai fatto con i tuoi giorni durante questo periodo in cui eri fuori da scuola?
Sono andato al parco con tre signore, spagnole, libanesi e marocchine, che passavano il loro tempo a casa a bere il tè ea cantare. Poi mia madre ha portato un insegnante di pianoforte che era appena arrivato dalla Russia. Parlava poco e sentiva il sudore che veniva dopo ore di pianoforte. Quando si rese conto che non potevo leggere gli appunti, la sua faccia cambiò.
La settimana seguente, mandò sua moglie a sostituirlo. Un cantante d'opera che sembrava uscito dagli anni '20, con il colletto ricamato in alto. Doveva darmi lezioni di piano, ma non la suonava davvero. Ha iniziato a cantare la melodia, ho cantato con lei. Le melodie erano complicate, divenne Schubert, Brahms, Britten.
Tre mesi dopo, ho avuto il mio primo lavoro. All'età di 9 anni ero un corista alla Royal Opera, in Die Frau ohne Schatten di Richard Strauss. Il teatro! Covent Garden! Questa scatola magica gigante, rossa, dorata, dove cantiamo, dove le persone non lavorano in banca, non vanno a scuola, salgono sul palco e la vita passa velocemente. Ho deciso che era quello che volevo fare.
Ma sei dovuto tornare a scuola dopo qualche mese?
Sì, perché i bambini di una piccola scuola vicino alla casa mi vedevano giocare ogni giorno in giardino con i miei due conigli, sentendomi cantare. Sono andati a lamentarsi con il loro manager. Era inaccettabile che suonassi solo io! Il regista mi ha chiesto di scrivere le parole, ha visto che avevo molti problemi. Sono tornato a scuola, ma mia madre ha negoziato un accordo, e ho avuto molta tolleranza nel continuare la musica.
Giovanotto, sei stato ammesso al Royal College of Music. Come sei passato dalla musica lirica alla musica pop?
Il Royal College era un sogno. La cacofonia che regnava lì mi ricordava il salone di mia madre a Parigi. Ma ho capito che non ero forte come altri cantanti d'opera. Quindi ho dovuto scrivere il mio materiale. Con i soldi che guadagnavo come cameriere e l'aiuto di altri studenti, creai modelli di canzoni pop. La voce su Happy Ending, ad esempio, è quella di Ida Falk Winland, che è diventata una grande cantante d'opera. Ho scritto, ho scritto, ho scritto.
Ho iniziato a registrare canzoni fin da quando avevo 11 anni. In cambio della musica che ho creato per la pubblicità, ho chiesto ore di studio di registrazione. Poi ho fatto un giro negli uffici Sony, EMI, Warner, con il mio "ghetto blaster" [anni 1970-1980 boombox noto per la sua vastità]. Ho passato le mie canzoni alla segretaria, che non aveva idea di cosa farsene e mi ha mandato da un'altra segretaria, e ho scalato tutti i piani in quel modo. C'è sempre stato un momento in cui ho ricevuto una lettera di rifiuto dall'etichetta, con un logo accanto al mio nome. Ero orgoglioso, io esistevo!
Dopo tutti questi rifiuti, come è iniziata la tua carriera?
Poiché nessuno voleva firmarmi, tornai al laboratorio principale: la casa. Mia madre mi ha dato i vestiti, ho cambiato la "C" Mica "K" per renderlo più forte, abbiamo progettato una manica e un logo con mia sorella Yasmine, abbiamo fatto le foto con Olympus mia madre, mi ha intervistato, abbiamo messo tutto in una grande scatola di cartone nera con un nastro rosso, come se si trattasse di dialogo di un collezionista disco. L'ho mandato ai maggiori.
Non ha preso subito. Ma il capo della Universal in Inghilterra ha finito per incontrarmi in un hotel. Mi ha chiesto di suonare il piano e cantare. Un'ora e mezza dopo, mi ha fatto un'offerta. Il mio primo singolo, Grace Kelly, è una canzone di rabbia contro tutte quelle persone dell'industria musicale che non mi volevano.
Rilasciato nel 2007, il tuo primo album, "Life in Cartoon Motion", vende a 7 milioni di copie in tutto il mondo, di cui tre 1 milione in Francia. E finisci al Parc des Princes davanti a 50.000 spettatori, nel luglio 2008. Come stai facendo questo strepitoso successo?
Io canto, non mi interessa il resto. Continuo a fare il mio lavoro da cantante che ho iniziato da giovane, con la stessa squadra, famiglia e amici. Sono meno spaventato al Parc des Princes che all'opera: questa è la mia musica, è una festa!
Il tuo ultimo album, "No Place in Heaven", risale al 2015. Rilascerai il tuo quinto album quest'anno?
Sì. Ho impiegato un anno in più rispetto alle precedenti per farlo. Scrivo i miei testi, la mia musica, co-produco, realizzo poster con mia sorella, tutto è fatto a mano. L'industria musicale è cambiata molto nell'ultimo decennio, con le tendenze urbane. Più che mai, quello che devo fare è seguire i miei desideri, lavorare sulla melodia, raccontare storie a modo mio, con immagini, personaggi, colori. Fiabe di tanto in tanto, a volte estremamente oscure, sporche, dolorose ... Crea un mondo in cui perdersi per un'ora e mezza.
Sei stato un giurato dello spettacolo "The Voice" dal 2014. Che cosa ti porta alla televisione?
Mi piace questo modo di parlare della musica, come in un pub quando parliamo con gli amici di ciò che ascoltiamo. Mi interessa anche sviluppare il potenziale di qualcuno per un periodo breve e intenso. Se questo tipo di spettacolo fosse esistito quando stavo cercando di sfondare, sarebbe stata un'opzione. Ma non sono sicuro che avrei fatto bene. In tutte le audizioni che ho passato, sono sempre stato tra i primi espulsi. Non sono bravo abbastanza per interpretare le canzoni degli altri.
Il tuo nonno materno siriano è emigrato negli Stati Uniti nel 1918, i tuoi genitori sono venuti con te dal Libano ... Cosa ne pensi del destino dei rifugiati siriani che cercano di raggiungere l'Europa?
Questa è la storia umana più importante del nostro tempo. Vedere che questi esseri umani sono ridotti alle statistiche mi infastidiscono enormemente. Non conosco nessuno che si astenga dal raggiungere se qualcuno annegato prima di lui. Eppure questo è ciò che fanno i politici con le loro parole.

 

 

  • Like 5
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da oggi in edicola e disponibile anche sul web! :thumb_yello:

 

 

  • Like 1
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.