Gabry74

Mika for Vanity Fair August 2019

Recommended Posts

Mika for Vanity Fair: 

 

https://www.vanityfair.it/people/italia/2019/08/01/chiudi-gli-occhi-torna-bambino-infanzia-mika-foto-vita-privata-gossip

 

Ascolta la puntata nel player qui sotto:

Mika: «Tutti quei colori»

Roberto Vecchioni, che professore lo è stato oltre che di mestiere, per la vita, anche di certi ingranaggi personali che ci stanno dentro, sintetizza il passato così: «Chiudere gli occhi e vedere tutti i colori del buio» (https://www.youtube.com/watch?v=0jREi6l51dU).

In effetti quando mai a guardare indietro ci ricordiamo in bianco e nero? Anche quando i momenti non sono stati facili, o splendenti, c’è come una luce che li avvolge proprio perché non ci appartengono più se non in un tempo che diventa interiore.

L’ospite di oggi è una popstar internazionale che è statA piccolA tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi degli anni Novanta, e che ha dovuto attraversare la porta stretta del bullismo, a scuola. Racconterà ormai adulto: «Vestivo bizzarro, ero dislessico, e molto timido: mi tiravano lattine di Coca Cola e altre cose dietro la schiena davanti a tutti. Sono sempre sopravvissuto grazie alle mie fantasie», per poi chiudere: «Io credo in una legge: la bellezza si provoca con la bellezza».

In Kids canta «I bambini stanno giocando al sole, pensano che la loro vita sia appena iniziata» (https://www.youtube.com/watch?v=S4zFrKg8E_E) ma voi, noi, tutti lo conosciamo soprattutto per questa Grace Kelly(https://www.youtube.com/watch?v=EaEPCsQ4608), e lo ringraziamo per ricordarci che We are golden, Siamo d’oro (https://www.youtube.com/watch?v=hEhutIEUq8k).

Nato a Beirut il 18 agosto 1983, terzo di cinque fratelli con mamma libanese che ogni volta che le cose si mettevano male accendeva la radio – ed erano balli e salti come fossero prove di un’opera lirica – e papà americano che a un certo punto decide che meglio fuggire dalla guerra civile trovando casa a Parigi, e poi a Londra, gioca con noi a Chiudi gli occhi, torna bambino(anche se poco è stato il tempo che abbiamo avuto, dietro le quinte del concerto di Radio Italia), Mika.

«Se io chiudo i miei occhi per immaginare che sono bambino ancora una volta è cibo, l’unica cosa che vedo davanti a me è cibo, cibo libanese di tutti i colori, con i pomodori, con l’hummus, con i tabbouleh, con il pollo arrosto, con ikafta, capite che non ho mangiato da stamattina?».

 

https://www.vanityfair.it/people/italia/2019/08/01/mika-sulla-cover-di-vanity-fair

 

Mika sulla cover di Vanity Fair

 
 
 

Poliglotta ed eclettico, il cantautore sarà il protagonista di una delle cover di settembre di «Vanity Fair»

01 AGOSTO 2019di REDAZIONE
  •  
  •  
  •  
  •  

Mika nasce il 18 agosto del 1983 a Beirut (Libano) da madre libanese e padre statunitense. Terzo di cinque fratelli, si trasferisce con la famiglia prima a Parigi poi a Londra. Comincia a comporre canzoni sin da piccolo, ma riesce a farsi conoscere tramite MySpace.

Nel 2016 pubblica Grace Kelly, il suo primo singolo di successo. Poliglotta, soffre di una forma di dislessia che tuttora gli impedisce di leggere gli spartiti musicali. Oggi è uno dei cantanti di maggiore successo.

Il 4 agosto 2012, su Instinct, fa ufficialmente coming out. Lui e il suo compagno Andreas vivono a Londra lontano dai riflettori. Ha lavorato anche in tv, partecipando a X Factor in Italia e The Voice in Francia Nel 2019 Mika torna con un nuovo singolo, Ice Cream, e sta per partire la Revelation Tour.

 

 

 

  • Like 1
  • Thanks 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Vanity Fair PODCAST

 

https://www.vanityfair.it/people/italia/2019/08/01/chiudi-gli-occhi-torna-bambino-infanzia-mika-foto-vita-privata-gossip

 
u_Ts0Vfj.thumb.jpg.a6a78114b412b31edef4db7f4e4d5814.jpg
 
«Chiudi gli occhi, torna bambino», Mika ci racconta la sua infanzia
 
01 agosto 2019
 

Mika: «Tutti quei colori»

 

Roberto Vecchioni, che professore lo è stato oltre che di mestiere, per la vita, anche di certi ingranaggi personali che ci stanno dentro, sintetizza il passato così:

«Chiudere gli occhi e vedere tutti i colori del buio» (https://www.youtube.com/watch?v=0jREi6l51dU).

 

In effetti quando mai a guardare indietro ci ricordiamo in bianco e nero? Anche quando i momenti non sono stati facili, o splendenti, c’è come una luce che li avvolge proprio perché non ci appartengono più se non in un tempo che diventa interiore.

 

L’ospite di oggi è una popstar internazionale che è statA piccolA tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi degli anni Novanta, e che ha dovuto attraversare la porta stretta del bullismo, a scuola. Racconterà ormai adulto: «Vestivo bizzarro, ero dislessico, e molto timido: mi tiravano lattine di Coca Cola e altre cose dietro la schiena davanti a tutti. Sono sempre sopravvissuto grazie alle mie fantasie», per poi chiudere: «Io credo in una legge: la bellezza si provoca con la bellezza».

 

In Kids canta «I bambini stanno giocando al sole, pensano che la loro vita sia appena iniziata» (https://www.youtube.com/watch?v=S4zFrKg8E_E) ma voi, noi, tutti lo conosciamo soprattutto per questa Grace Kelly (https://www.youtube.com/watch?v=EaEPCsQ4608), e lo ringraziamo per ricordarci che We are golden, Siamo d’oro (https://www.youtube.com/watch?v=hEhutIEUq8k).

 

Nato a Beirut il 18 agosto 1983, terzo di cinque fratelli con mamma libanese che ogni volta che le cose si mettevano male accendeva la radio – ed erano balli e salti come fossero prove di un’opera lirica – e papà americano che a un certo punto decide che meglio fuggire dalla guerra civile trovando casa a Parigi, e poi a Londra, gioca con noi a Chiudi gli occhi, torna bambino (anche se poco è stato il tempo che abbiamo avuto, dietro le quinte del concerto di Radio Italia), Mika.

 

«Se io chiudo i miei occhi per immaginare che sono bambino ancora una volta è cibo, l’unica cosa che vedo davanti a me è cibo, cibo libanese di tutti i colori, con i pomodori, con l’hummus, con i tabbouleh, con il pollo arrosto, con i kafta, capite che non ho mangiato da stamattina?».

 

:uk:

Google translator

Spoiler

 

"Close your eyes, come back baby", Mika tells us about his childhood

01 August 2019
of Lavinia Farnese

 

Mika: «All those colors»

Roberto Vecchioni, who was a professor as well as a professional, for life, even of certain personal cogs that are inside, summarizes the past like this: "Close your eyes and see all the colors of the dark" (https://www.youtube.com/watch?v=0jREi6l51dU).

 

Indeed when do we ever look back in black and white? Even when the moments were not easy, or shining, there is like a light that envelops them precisely because they no longer belong to us except in a time that becomes interior.

 

Today's guest is an international pop star who was small in the late eighties and early nineties, and who had to go through the narrow door of bullying at school. As an adult he will say: "I dressed bizarre, I was dyslexic, and very shy: I was given Coke cans and other things behind my back in front of everyone. I have always survived thanks to my fantasies », and then closed:« I believe in a law: beauty is caused by beauty ».

 

In Kids he sings "Children are playing in the sun, they think their life has just begun" (https://www.youtube.com/watch?v=S4zFrKg8E_E) but you, we, we all know it especially for this Grace Kelly (https://www.youtube.com/watch?v=EaEPCsQ4608) and we thank him for reminding us that we are golden, we are golden (https://www.youtube.com/watch?v=hEhutIEUq8k).

 

Born in Beirut on August 18, 1983, third of five brothers with a Lebanese mother who every time things went badly turned on the radio - and they were dances and jumps as if they were evidence of an opera - and an American father who at some point decides that it is better to escape from the civil war by finding a home in Paris, and then in London, he plays with us to close his eyes, he becomes a child again (even if the time we had was little, behind the scenes of the Radio Italia concert), Mika .

 

"If I close my eyes to imagine that I am a child it is food again, the only thing I see in front of me is food, Lebanese food of all colors, with tomatoes, with hummus, with tabbouleh, with roast chicken, with kafta, do you understand that I haven't eaten since this morning? ».

 

 

MP3 ( 5.7MB )

2019.07.31 Vanity_Fair Mika - Tutti quei colori .mp3

 

Speaker

https://www.spreaker.com/episode/18685721

 

Spotify

 

Edited by Kumazzz
  • Like 3
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Mika is a beautiful  good person pround of him forever!!!! :snog: he is Golden so sweet

Edited by Paoletta
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.